mercoledì 27 maggio 2015

SS. Corpo e Sangue di Cristo, anno B: Salmo 116,16

Ruminare i Salmi - Salmo 116,16 (Vulgata / liturgia 115,7):

CEI Io sono tuo servo, figlio della tua schiava:
tu hai spezzato le mie catene.
TILC Sì, sono tuo servo, Signore, tuo servo da sempre.
Mi hai liberato dai legami della morte.
NV e V O Domine, ego servus tuus, ego servus tuus et filius ancillae tuae.
Dirupisti vincula mea.

Ebrei 9,13-14 Se il sangue dei capri e dei vitelli e la cenere di una giovenca, sparsa su quelli che sono contaminati, li santificano purificandoli nella carne, quanto più il sangue di Cristo – il quale, mosso dallo Spirito eterno, offrì se stesso senza macchia a Dio – purificherà la nostra coscienza dalle opere di morte, perché serviamo al Dio vivente?
Marco 14,22-24 Mentre mangiavano, prese il pane e recitò la benedizione, lo spezzò e lo diede loro, dicendo: «Prendete, questo è il mio corpo». Poi prese un calice e rese grazie, lo diede loro e ne bevvero tutti. E disse loro: «Questo è il mio sangue dell’alleanza, che è versato per molti».

Alberto Magno: La passione di Gesù è beata, in quanto libera i morti dalle catene della morte, ed essi cantano: "Hai spezzato le mie catene!".
Tam beatae, hoc est, tam excellenter beatificantis passionis, quae mortuos a vinculis mortis absolvit. Matth. XXVII, 52 et 53, Christo in passione moriente, monumenta sunt aperta, et multa corpora sanctorum qui dormierant, surrexerunt, et venerunt in sanctam civitatem, et apparuerunt multis. Sic ergo mors Christi mortuos in imis solvit, ut elevari possint. Psal. CXLV, 7: Dominus solvit compeditos, Dominus illuminat caecos. Unde gratulantes iam soluti dicunt: Dirupisti vincula mea: tibi sacrificabo hostiam laudis, et nomen Domini invocabo. (De Mysterio Missae, tr. 3, c. 13)
Tommaso d'Aquino: Nel Getsèmani, Gesù viene arrestato, lui venuto a spezzare le nostre catene.
Secundo ligatur, unde dicit et ligaverunt eum, qui solvere venit ligatos et vincula eorum disrumpere; Ps. CXV, 17: dirupisti vincula mea et cetera. (Super Io., c. 18, l. 3)

L'Eucarestia è memoria viva e attiva della beata passione, nella quale Gesù si è lasciato afferrare dai lacci della morte per farci liberi.


venerdì 22 maggio 2015

SS. Trinità, anno B: Salmo 33,6

Ruminare i Salmi - Salmo 33 (Vulgata / liturgia 32),6:

CEI Dalla parola del Signore furono fatti i cieli,
dal soffio della sua bocca ogni loro schiera.
TILC La parola del Signore creò il cielo
e il soffio della sua bocca, tutte le stelle.
NV Verbo Domini caeli facti sunt,
et spiritu oris eius omnis virtus eorum.
V Verbo Domini caeli firmati sunt,
et spiritu oris eius omnis virtus eorum.

Romani 8,14 Tutti quelli che sono guidati dallo Spirito di Dio, questi sono figli di Dio.
Matteo 28,19-20 Andate e fate discepoli tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, insegnando loro a osservare tutto ciò che vi ho comandato.

Giovanni Scoto Eriugena: Questo testo ci mostra, insieme ad altri, che lo Spirito Santo procede dal Padre e dal Figlio.
... non immerito hoc additum est, quoniam multis sacrae Scripturae locis approbatur. Nam et ipse Dominus dicit: Quem Pater mittit in nomine meo. Videtur enim Filius mittere Spiritum, quem Pater mittit in nomine eius; ipse quoque Filius Spiritum veritatis Spiritum sanctum vocat; Filius autem veritas est, ipso testante: Ego sum via, et veritas, et vita.  Si ergo Spiritus veritatis est, profecto Spiritus sanctus spiritus Filii est. Mulierem quoque αἱμοῤῥοῦσαν, hoc est fluxum sanguinis patientem, sanans: Sensi, inquit, exisse de me virtutem. Et quod paulo ante diximus: Si ego abiero, mittam eum ad vos. Item Apostolus: Misit Deus Spiritum Filii sui in corda nostra, in quo clamamus, Abba pater. Item Psalmista: Verbo Domini caeli firmati sunt, et spiritu oris eius omnis virtus eorum. His itaque atque huiusmodi testimoniis quis catholicorum non possit approbare, Spiritum sanctum a Patre et Filio procedere? (De Divisione Naturae II,33)

S. Martino di Léon: Parola del Signore e sua bocca è il Figlio del Padre, soffio della sua bocca è lo Spirito Santo; la loro opera è unica.
De his etiam coelis in Psalmo dictum est: «Verbo Domini coeli firmati sunt». De his quoque ornamentis Spiritus subditur: «Et spiritu oris eius omnis virtus eorum». Ac si apertius diceret: Firmati sunt caeli, non a se, sed verbo Domini, id est Filio Patris; et spiritu oris eius, scilicet Spiritu sancto qui procedit a Patre et Filio, qui est os Patris, solidata est virtus eorum; et non pars tantum, sed omnis virtus eorum solidata est, quia nihil a se habuerunt, quasi a Deo fieret supplementum. Nota unum opus esse verbi, id est Filii, et Spiritus sancti. Idem est enim omnis virtus eorum quod firmati sunt. Hoc ergo facit Filius et Spiritus sanctus; sed nunquid sine Patre? Imo vero Pater per Verbum suum et Spiritum sanctum operatur, qui docet et corroborat columnas coeli, praedicatores scilicet Ecclesiae. (...) Filius Dei Verbum dicitur, quia interpretatur nobis voluntatem Dei Patris. Et Spiritu oris eius, id est Spiritu sancto misso de coelis ab ore eius, scilicet a Christo, qui est os Patris, qui per illum nobis locutus est Deus Pater. Hic ostenditur, quia Spiritus sanctus non solum a Patre, sed etiam a Filio procedit. Sic enim ipse Dei et Virginis Filius discipulis suis ait: Si non abiero, Paracletus, scilicet Spiritus consolator non veniet ad vos; si autem abiero, mittam eum ad vos (Ioan. XVI). Procedit ergo Spiritus sanctus a Patre, procedit et a Filio, mittitur a Patre, mittitur et a Filio, quia idem Spiritus sanctus unius voluntatis et operationis est cum Patre et Filio. (Martinus Legionensis, Sermo XXXII, In Festo Sancti Spiritus)

Dal Padre, per il Figlio, nello Spirito è la creazione e la nuova creazione.


venerdì 15 maggio 2015

Pentecoste, anno B: Salmo 104,30

Ruminare i Salmi - Salmo 104 (Vulgata / liturgia 103),30:

CEI Mandi il tuo spirito, sono creati,
e rinnovi la faccia della terra.
TILC Mandi il tuo soffio di vita e sono ricreati,
così rinnovi la faccia della terra.
NV e V Emittes spiritum tuum, et creabuntur,
et renovabis faciem terrae.

Atti 2,5-11 Abitavano allora a Gerusalemme Giudei osservanti, di ogni nazione che è sotto il cielo. A quel rumore, la folla si radunò e rimase turbata, perché ciascuno li udiva parlare nella propria lingua. Erano stupiti e, fuori di sé per la meraviglia, dicevano: «Tutti costoro che parlano non sono forse Galilei? E come mai ciascuno di noi sente parlare nella propria lingua nativa? Siamo Parti, Medi, Elamìti; abitanti della Mesopotamia, della Giudea e della Cappadòcia, del Ponto e dell’Asia, della Frigia e della Panfìlia, dell’Egitto e delle parti della Libia vicino a Cirene, Romani qui residenti, Giudei e proséliti, Cretesi e Arabi, e li udiamo parlare nelle nostre lingue delle grandi opere di Dio».
Galati 5,19-22 Sono ben note le opere della carne: fornicazione, impurità, dissolutezza, idolatria, stregonerie, inimicizie, discordia, gelosia, dissensi, divisioni, fazioni, invidie, ubriachezze, orge e cose del genere. Riguardo a queste cose vi preavviso, come già ho detto: chi le compie non erediterà il regno di Dio. Il frutto dello Spirito invece è amore, gioia, pace, magnanimità, benevolenza, bontà, fedeltà, mitezza, dominio di sé.
Giovanni 15,26-27 Quando verrà il Paràclito, che io vi manderò dal Padre, lo Spirito della verità che procede dal Padre, egli darà testimonianza di me; e anche voi date testimonianza, perché siete con me fin dal principio.

Bernardo di Clairvaux: L'effusione dello Spirito crea e rinnova il volto dell'uomo interiore, disponendo la nostra volontà all'obbedienza.
"Emitte, inquit, Spiritum tuum, et creabuntur, et renovabis faciem terrae" (Ps. CIII,30). Sicut per faciem exterior homo cognoscitur, sic per voluntatem demonstratur interior. Emisso ergo Spiritu creatur et renovatur facies terrae, id est terrena voluntas fit coelestis, parata ad nutum nutu citius obedire. Beati qui tales sunt; qui non solum malum non sentiunt, sed in mira quadam cordis dilatatione commorantur. De illis enim quos supra commemoravimus, terribiliter ait Deus: "Non permanebit spiritus meus in hominibus istis, quia caro sunt" (Gen. VI,3), id est carnales; et quidquid in eis spiritus fuerat, in carnem evanuit. (In Ascensione Domini, sermo III, De intellectu et affectu, 8)

Guglielmo di Saint-Thierry: Amare e temere Dio altro non è se non essere un solo spirito con lui. Questo realizza lo Spirito Santo, santità divina che ci santifica, unità divina che ci fa uno.
Sicut Spiritui sancto nihil est aliud nosse vel comprehendere Patrem et Filium, quam hoc esse quod est Pater et Filius; ita nobis (qui ad imaginem tuam conditi sumus, et ab illa per Adam inveterati, per Christum ad illam renovamur de die in diem) amantibus Deum nihil sit aliud amare et timere Deum, et mandata eius observare, quam esse, et unum spiritum cum Deo esse. Deum enim timere, et mandata eius observare, hoc est omnis homo (Eccles. XII,13). Adorande, tremende, benedicende, da eum nobis. Emitte Spiritum tuum, et creabuntur, et renovabis faciem terrae (Ps. CIII,30). Non enim in diluvio aquarum multarum, id est in perturbatione et confusione affectionum tam multarum, tam diversarum, ad Deum approximabunt (Ps. XXXI,6). Iam satis, Domine, duravit cataclysmus iste, poena filiorum Adae. Adduc Spiritum super terram: recedat mare, recedat antiquae damnationis salsugo, et appareat arida, fontem vitae sitiens. Veniat columba Spiritus sanctus, expulso teterrimo alite, et cadaveribus suis incumbente: veniat, inquam, columba, ramo olivae, id est ramo refectionis et luminis, pacem annuntians (Gen. VIII). Sanctificet nos sanctitas et sanctificatio tua, uniat nos unitas tua; ut Deo qui est charitas, velut cognata quadam affinitate per charitatis nomen sociemur, et per virtutem nominis uniamur. (De Contemplando Deo, VIII, Per amorem nos fieri unum cum Deo, 17)

Lo Spirito Creatore rinnova la terra conducendo i popoli all'unità nell'adesione alla volontà di Dio.


sabato 9 maggio 2015

Ascensione del Signore, anno B: Salmo 47,3

Ruminare i Salmi - Salmo 47 (Vulgata / liturgia 46),3:

CEI Terribile è il Signore, l'Altissimo,
grande re su tutta la terra.
NV Dominus Altissimus, terribilis,
rex magnus super omnem terram.
V Dominus excelsus, terribilis,
rex magnus super omnem terram

Efesini 4,10-12 Colui che discese è lo stesso che anche ascese al di sopra di tutti i cieli, per essere pienezza di tutte le cose. Egli ha dato ad alcuni di essere apostoli, ad altri di essere profeti, ad altri ancora di essere evangelisti, ad altri di essere pastori e maestri, per preparare i fratelli a compiere il ministero, allo scopo di edificare il corpo di Cristo.
Marco 16,19-20 Il Signore Gesù, dopo aver parlato con loro, fu elevato in cielo e sedette alla destra di Dio. Allora essi partirono e predicarono dappertutto, mentre il Signore agiva insieme con loro e confermava la Parola con i segni che la accompagnavano.

Ruperto di Deutz: Ecce rex tuus venit tibi mansuetus, cedens super asinam. Si intellexeris, venit tibi; si non intellexeris, veniet contra te, id est, si intellexeris, veniet ut salvet te, et sub pedibus tuis subiget gentes, ut gaudens per Prophetam dicas: Quoniam Deus excelsus terribilis, et rex magnus super omnem terram subiecit populos nobis, et gentes sub pedibus nostris; elegit nos haereditatem sibi speciem Iacob quem dilexit (Psal. XLVI). Si autem non intellexeris, veniet ut perdat te, et de templo sanctitatis expellat, et aliam sponsam de gentibus castiorem inducat in cubiculum sanctitatis suae. (Comm. in Matthaeum VI,21)

Tommaso d'Aquino: Il fatto che Dio sia Altissimo, non significa che sia lontano, indifferente e irrilevante. Egli vede tutto, castiga e usa misericordia. Il suo regno è grande perché si estende a tutti i tempi, tutti i luoghi, tutte le potenze.
Magnitudo Dei commendatur dupliciter. Primo per altitudinem potestatis. Secundo per majestatem dominationis. Dicit ergo. Laudandus est Deus propter altitudinem suae naturae, quia dominus excelsus: Ps. 112: excelsus super omnes gentes dominus et cetera. Et quia excelsa sunt a nobis remota, posset aliquis credere quod non esset timendus, nec haberet providentiam de nobis; sicut aliqui stulti dixerunt, in quorum persona dicitur Job 22: circa cardines caeli perambulat, nec nostra considerat. Et ideo dicebat: quantum in te est evacuasti timorem. Sed non est ita. Iste est excelsus, quia est terribilis, quia omnia prospicit, omnia punit. Item timendus est propter ejus dominium, quia, rex magnus super omnem terram: Ps. 23: domini est terra et cetera. Magnus est universalitate dominii, quia regnum omnium saeculorum, Ps. 144. Item duratione, quia in aeternum. Item auctoritate, quia rex omnium regum. Signum magnitudinis huius regis sumitur ex his, quae nobis fecit, et haec sunt beneficia Dei. (Super Psalmo 46 n. 2)

Il crocifisso risorto estende la sua regalità a terra e cielo, allo stesso tempo altissimo al di sopra di tutte le forze spirituali e attivamente presente nella storia per l'edificazione del suo corpo.


domenica 3 maggio 2015

VI domenica di Pasqua, anno B: Salmo 98,3

Ruminare i Salmi - Salmo 98 (Vulgata / liturgia 97),3:

CEI Egli si è ricordato del suo amore,
della sua fedeltà alla casa d’Israele.
TILC Non ha dimenticato la sua bontà,
la sua fedeltà verso il popolo d'Israele.
NV e V Recordatus est misericordiae suae
et veritatis suae domui Israel.

Atti 10,34-35 Pietro prese la parola e disse: «In verità sto rendendomi conto che Dio non fa preferenze di persone, ma accoglie chi lo teme e pratica la giustizia, a qualunque nazione appartenga».
1Giovanni 4,9 In questo si è manifestato l’amore di Dio in noi: Dio ha mandato nel mondo il suo Figlio unigenito, perché noi avessimo la vita per mezzo di lui.
Giovanni 15,17 Questo vi comando: che vi amiate gli uni gli altri.

Baldovino di Ford (di Canterbury): Mediante le sue azioni meravigliose, Dio ha tenuto fede alla promessa di benedire tutti i popoli nella discendenza di Abramo, che è Cristo, liberatore del mondo dall'idolatria e dal potere delle tenebre.
Haec sunt mirabilia, quae fecit Dominus, per quae recordatus est antiquae promissionis suae, ut eam adimpleret in tempore suo. Verbum autem promissionis hoc est: In semine tuo benedicentur omnes gentes (Gen. XXII,18). Haec est autem benedictio omnium gentium in semine Abrahae, quod est Christus: per quam misertus est Dominus omnium populorum, iram primae maledictionis avertens, gratiam restituens in illuminatione per fidem in adventu Salvatoris; quem manifestavit Deus omni populo. De qua misericordia et benedictione Psalmista dicit: Deus misereatur nostri: etc. Ut cognoscamus in terra viam tuam; in omnibus gentibus Salutare tuum. Laetentur et exsultent gentes (Ps. LXVI). Hoc ergo est signum adventus Christi, testimonium omnium gentium, quo, sicut de eis prophetatum fuerat, de errore idololatriae et potestate diaboli se liberatas esse confitentur, agnoscentes Salutare Dei, quod Deus in conspectu omnium gentium revelavit. (De commendatione fidei)

Nella piena manifestazione dell'amore di Dio in Cristo, accolta e vissuta nell'amore fraterno, si realizza la benedizione promessa a tutti i popoli per mezzo d'Israele.