lunedì 31 gennaio 2011

6 febbraio 2011 - V domenica del tempo ordinario

1Cor 2,4-5
La mia parola e la mia predicazione non si basarono su discorsi persuasivi di sapienza, ma sulla manifestazione dello Spirito e della sua potenza, perché la vostra fede non fosse fondata sulla sapienza umana, ma sulla potenza di Dio.

4 καὶ ὁ λόγος μου καὶ τὸ κήρυγμά μου οὐκ ἐν πειθοῖ[ς] σοφίας [λόγοις] ἀλλ' ἐν ἀποδείξει πνεύματος καὶ δυνάμεως, 5 ἵνα ἡ πίστις ὑμῶν μὴ ᾖ ἐν σοφίᾳ ἀνθρώπων ἀλλ' ἐν δυνάμει θεοῦ.

4 et sermo meus, et prædicatio mea non in persuasibilibus humanæ sapientiæ verbis, sed in ostensione spiritus et virtutis; 5 ut fides vestra non sit in sapientia hominum, sed in virtute Dei.

Nella Somma teologica (IIª-IIae, quaestio 177 articulus 1) S. Tommaso si domanda se la gratia sermonis, ossia la capacità di parlare efficacemente di Dio, sia una grazia gratis data, ovvero uno dei doni dello Spirito Santo dati per l'utilità altrui, oppure si tratti di una semplice capacità naturale, irrilevante ai fini del regno di Dio. Tra i passi che sembrano suffragare quest'ultima ipotesi c'è 1Cor 4,20 (Non enim in sermone est regnum Dei, sed in virtute - il regno di Dio infatti non consiste in parole, ma in potenza).
S. Tommaso risponde che mediante il discorso si rende disponibile a un altro la conoscenza di qualcuno. Perciò lo Spirito Santo provvede nella chiesa sia al dono mediante il quale uno è compreso da persone diverse (e questo è il dono delle lingue), sia al dono mediante il quale si parla con efficacia. L'efficacia del discorso è poi triplice; è efficace quel discorso che: 1. illumina l'intelletto 2. muove l'affetto, ossia si fa ascoltare volentieri 3. muove la volontà verso quanto è proposto. Ciò è operato in chi ascolta dallo Spirito Santo, che si serve di chi parla come di uno strumento. Nel citato passo di 1Cor 4,20 Paolo parla del discorso puramente umano, privo della grazia dello Spirito, come si vede da quanto aveva detto di sé prima (ed eccoci finalmente al nostro passo!): la sua predicazione non si basava su elaborati discorsi di sapienza, ma sulla potente manifestazione dello Spirito.

Respondeo dicendum quod gratiae gratis datae dantur ad utilitatem aliorum, ut supra dictum est. Cognitio autem quam aliquis a Deo accipit, in utilitatem alterius converti non posset nisi mediante locutione. Et quia Spiritus Sanctus non deficit in aliquo quod pertineat ad Ecclesiae utilitatem, etiam providet membris Ecclesiae in locutione, non solum ut aliquis sic loquatur ut a diversis possit intelligi, quod pertinet ad donum linguarum; sed etiam quod efficaciter loquatur, quod pertinet ad gratiam sermonis. Et hoc tripliciter.
- Primo quidem, ad instruendum intellectum, quod fit dum aliquis sic loquitur quod doceat.
- Secundo, ad movendum affectum, ut scilicet libenter audiat verbum Dei, quod fit dum aliquis sic loquitur quod auditores delectet. Quod non debet aliquis quaerere propter favorem suum, sed ut homines alliciantur ad audiendum verbum Dei.
- Tertio, ad hoc quod aliquis amet ea quae verbis significantur, et velit ea implere, quod fit dum aliquis sic loquitur quod auditorem flectat.
Ad quod quidem efficiendum Spiritus Sanctus utitur lingua hominis quasi quodam instrumento, ipse autem est qui perficit operationem interius. Unde Gregorius dicit in homilia Pentecostes: "nisi corda auditorum Spiritus Sanctus repleat, ad aures corporis vox docentium incassum sonat".

lunedì 24 gennaio 2011

30 gennaio 2011 - IV domenica del tempo ordinario

1Cor 1,27-29

Ma quello che è stolto per il mondo, Dio lo ha scelto per confondere i sapienti; quello che è debole per il mondo, Dio lo ha scelto per confondere i forti; quello che è ignobile e disprezzato per il mondo, quello che è nulla, Dio lo ha scelto per ridurre al nulla le cose che sono, perché nessuno possa vantarsi di fronte a Dio.

27 ἀλλὰ τὰ μωρὰ τοῦ κόσμου ἐξελέξατο ὁ θεὸς ἵνα καταισχύνῃ τοὺς σοφούς, καὶ τὰ ἀσθενῆ τοῦ κόσμου ἐξελέξατο ὁ θεὸς ἵνα καταισχύνῃ τὰ ἰσχυρά, 28 καὶ τὰ ἀγενῆ τοῦ κόσμου καὶ τὰ ἐξουθενημένα ἐξελέξατο ὁ θεός, τὰ μὴ ὄντα, ἵνα τὰ ὄντα καταργήσῃ, 29 ὅπως μὴ καυχήσηται πᾶσα σὰρξ ἐνώπιον τοῦ θεοῦ.

27 sed quæ stulta sunt mundi elegit Deus, ut confundat sapientes; et infirma mundi elegit Deus, ut confundat fortia; 28 et ignobilia mundi, et contemptibilia elegit Deus, et ea quæ non sunt, ut ea quæ sunt destrueret, 29 ut non glorietur omnis caro in conspectu eius.

Quando i semplici conoscono Dio e i sapienti no... Commentando il salmo 8 v. 3 (Ex ore infantium et lactentium perfecisti laudem propter inimicos tuos, ut destruas inimicum et ultorem, ossia dalla bocca dei bimbi etc.), S. Tommaso cita il nostro passo. La magnificenza divina è chiarissima in quanto si mostra anche ai semplici per un certo istinto naturale, proprio sia dei semplici che dei sapienti veri. Vi sono poi coloro che stravolgono questo istinto naturale, i sapienti falsi, la cui stoltezza è resa ancor più manifesta proprio dal fatto che anche i semplici conoscono lo splendore di Dio (Super Ps. 8 n. 2):

Deinde cum dicit "ex ore" ostendit quod est maxime manifesta [magnificentia tua, v. 2]. Et primo ostendit manifestationem. Secundo ejus rationem, ibi "quoniam videbo" (v. 4).

Quod sit manifesta, probat; quia illud est manifestum quod est omnibus inditum, quantumcumque simplicibus, quasi quadam naturalis cognitione. Duplex namque est genus hominum, qui consequuntur naturalem et rectum instinctum, sicut sunt simplices, vel sapientes. Quod sapientes cognoscant Deum, hoc non est magnum; sed quod simplices sic. Sunt autem quidam qui naturalem instinctum pervertunt: et isti cognitionem Dei repellunt:
Ps. 81: nescierunt idest nescire voluerunt, neque intellexerunt et cetera.
Job 22: dixerunt Deo, recede a nobis; scientiam viarum tuarum nolumus.

Deus autem facit ut per illos, idest per simplices, qui sequuntur naturalem instinctum, confundantur qui pervertunt naturalem instinctum. Per infantes designantur simplices:
1Pet. 2: sicut modo geniti infantes, rationabiles sine dolo et cetera.

Dicit ergo, admirabile quidem est nomen tuum, ita tamen quod ex ore infantium et lactentium perfecisti laudem, qui interius instigas ad hoc: et hoc propter inimicos tuos; qui adversantur scientiae et cognitioni tuae:
Phil. 3: inimicos crucis Christi et cetera.

Ut destruas inimicum et ultorem, quemcumque persecutorem. Vel Pharaonem qui velit ulcisci contra confitentem nomen tuum:
2Cor. 10: consilia destruentes, et omnem altitudinem extollentem se adversus scientiam Dei.
Vel tyrannum qui armis impugnat nomen sanctum tuum:
1Pet. 2: ut benefacientes obmutescere faciatis imprudentium hominum ignorantiam.

Hoc fecit Christus: nam Matth. 21, de pueris Hebraeorum respondit Christus, quod ex eorum verbis perfecta sit laus, qui spiritus sancti instinctu laudabant: quod tamen videbatur pueriliter agi. Hoc locum habet quando simplices recognoscunt Deum, et alii pervertunt studia cognitionis naturalis, ne cognoscant ipsum Deum. Item hoc in apostolis qui sine litteris et idiotae:
Act. 4: simplices sicut columbae:
Matth. 10: et sicut oves in medio luporum;
et destruxerunt omnes inimicos Christi.
1 Cor. 1: quae stulta sunt mundi elegit Deus, ut confundantur sapientes, et infirma et cetera.

sabato 15 gennaio 2011

23 gennaio 2011 - III domenica del tempo ordinario

1Corinti 1,17:
Cristo infatti non mi ha mandato a battezzare, ma ad annunciare il Vangelo, non con sapienza di parola, perché non venga resa vana la croce di Cristo.
οὐ γὰρ ἀπέστειλέν με Χριστὸς βαπτίζειν ἀλλὰ εὐαγγελίζεσθαι, οὐκ ἐν σοφίᾳ λόγου, ἵνα μὴ κενωθῇ ὁ σταυρὸς τοῦ Χριστοῦ.
Non enim misit me Christus baptizare, sed evangelizare : non in sapientia verbi, ut non evacuetur crux Christi.

La frase paolina ci fa riflettere più in generale sul ruolo e il significato della cultura secolare nella dottrina cristiana. Nel Contra impugnantes (pars 3 cap. 5) Tommaso discute la tesi di chi contesta i nuovi ordini religiosi perché predicano in modo elegante e pensato:

De hoc quod religiosi verbum Dei ordinate et gratiose proponunt.
Nunc quinto videndum est quomodo in religiosis compositam et ornatam praedicationem vituperant, inducentes illud quod habetur I Cor. I,17: "non in sapientia verbi, ut non evacuetur crux Christi". Glossa: "non in lepore vel ornatu verborum: quia praedicatio Christiana verborum non indiget pompa et cultu sermonis, ne videatur esse ex versutia et calliditate humanae sapientiae, non ex veritate; sicut pseudoapostoli in sapientia humana Christum praedicabant eloquentiae studentes". Unde volunt concludere, religiosos esse pseudoapostolos, quia eloquenter et ornate verbum Dei proponunt.

Dopo aver citato Girolamo, Agostino e Gregorio Magno, Tommaso conclude che la sapienza secolare può essere impiegata nella sacra dottrina in modo lodevole o scorretto:

Sciendum igitur est, quod uti sapientia et eloquentia saeculari in sacra doctrina quodammodo commendatur, et quodammodo reprehenditur.

Reprehenditur quidem, quando aliquis ad iactantiam eis utitur, et quando eloquentiae et sapientiae saeculari principaliter studet. Tunc enim oportet quod illa vel taceat vel neget quae saecularis scientia non approbat, sicut articulos fidei, qui sunt supra rationem humanam. Et similiter qui eloquentiae principaliter studet, homines non intendit ducere in admirationem eorum quae dicit, sed dicentis. Et hoc modo mundana sapientia et eloquentia pseudoapostoli utebantur, contra quos apostolus loquitur in epistola II ad Cor.: unde I ad Cor. I,17, super illud "non in humanae sapientiae verbis" dicit Glossa: pseudoapostoli, ne stulti viderentur prudentibus mundi, in sapientia humana Christum praedicabant dupliciter; scilicet eloquentiae studentes, et quae mundus stulta iudicat, evitantes.

Commendatur autem quando non ad se ostentandum, sed ad utilitatem audientium, qui sic quandoque facilius et efficacius instruuntur, vel convincuntur adversarii, utitur aliquis sapientia et eloquentia saeculari: et iterum quando aliquis non principaliter eis intendit, sed eis utitur in obsequium sacrae doctrinae, cui principaliter inhaeret, ut sic omnia alia in obsequium eius assumat, secundum id quod habetur II Cor. X,5: "in captivitatem redigentes omnem intellectum in obsequium Christi". Et ita etiam apostoli eloquentia utebantur. Unde Augustinus in 4 De Doctrina Christiana dicit, quod in verbis apostoli erat dux sapientia et sequens comes eloquentia: et sapientia praecedens eloquentiam sequentem non respuebat. Sed tamen posteriores doctores adhuc magis usi sunt sapientia et eloquentia saeculari propter eandem rationem qua non prius philosophi et rhetores sunt electi ad praedicandum, sed plebei et piscatores, qui postmodum philosophos et oratores converterunt; ut scilicet fides nostra non consistat in sapientia hominum, sed in virtute Dei; et non glorietur omnis caro coram illo, ut habetur I ad Cor. I, 29 in textu, et Glossa super illud "videte vocationem vestram, fratres" et cetera.

Il testo è ricco e di forte attualità. La cultura secolare deve essere posta a servizio della fede, in quanto ne rende il messaggio meglio comprensibile e accettabile. Non deve invece diventare il criterio sulla base del quale si giudica la fede - non è essa che decide sulla fede!, né si deve fare ricorso ad essa per mettere in mostra se stessi, per farsi accettare e acclamare (come "moderni"). Perché non venga resa vana la croce di Cristo.

lunedì 10 gennaio 2011

16 gennaio 2011 - II domenica del tempo ordinario

A commento di 1Corinzi 1,2:

... ἡγιασμένοις ἐν Χριστῷ Ἰησοῦ, κλητοῖς ἁγίοις...
... a coloro che sono stati santificati in Cristo Gesù, santi per chiamata...

ecco un passo da "La via del cuore" (pp. 34-35):

Si tratta di vivere secondo quello Spirito che in profondità è già la nostra vita (cf. Gal 5,25). Quest’ultimo passo paolino può ben testimoniare la legge della vita cristiana: "diventa quello che sei". Tutto mi è già donato, ma tutto deve essere conquistato. Abolire, teoricamente o praticamente uno di questi poli significa snaturare la vita cristiana. Se tutto non mi è stato già donato, allora la salvezza è frutto della mia azione. Se tutto non è da conquistare, allora questa salvezza si riduce a qualcosa di formale, di esteriore, di convenzionale, che non è veramente mio, che non mi cambia in profondità; forse a una gnosi, per la quale è sufficiente che io sappia di essere salvato per essere salvato; forse nemmeno a questo, perché sono comunque salvato. Nella tradizione cristiana le due azioni - divina e umana - non sono alternative (questa o quella; più è questa, meno è quella) ma correlative, si corrispondono: l'una suscita l'altra. Perché è proprio la presa di coscienza della gratuita benevolenza di Dio che sollecita la mia libertà e le mie capacità a rispondere adeguatamente. Nessun'altra forza se non questa, che è poi lo Spirito Santo, il movimento che si genera quando i due poli entrano in contatto, potrebbe essere in grado di trasformarmi. La scoperta dell'avvolgente gratuità di Dio (cf. Is 61,10) è l'unico adeguato motore del cammino spirituale. Perciò occorre “confidare in Dio come se tutto dipendesse da lui, e lavorare come se tutto dipendesse da noi”.

giovedì 6 gennaio 2011

Sarebbe ora che qualcuno rispondesse con chiarezza

"Innocenti cristiani sono stati uccisi nella Chiesa di Nostra Signora del Soccorso a Baghdad per mano di terroristi che gridavano il nome di Dio e recitavano versi del Corano. Dei copti sono stati uccisi nel giorno di capodanno ad Alessandria per mano di integralisti che eseguono la volontà del loro Allah.
Questa è la malattia, risiede in questo modo di interpretare i precetti coranici. Ma in questa stessa malattia si trova la sua cura.
I sempre più frequenti massacri a danno dei cristiani che i terroristi stanno commettendo sono religiosamente e islamicamente accettabili? I loro versi coranici, i loro argomenti dottrinali si fondano sul vero? Questi terroristi sono veri fedeli musulmani? Queste sono le domande che necessitano di una risposta, perché nella loro risposta persuasiva si trova la chiave per arrestare o alimentare ancor di più i fiumi di sangue versati."