sabato 25 aprile 2015

V domenica di Pasqua, anno B: Salmo 22,26

Ruminare i Salmi - Salmo 22 (Vulgata / liturgia 21),26:

CEI Da te la mia lode nella grande assemblea.
(A te la mia lode, Signore, nella grande assemblea.)
TILC Per quel che hai fatto ti loderò nella grande assemblea
NV e V Apud te laus mea in ecclesia magna.

Atti 9,31 La Chiesa era in pace per tutta la Giudea, la Galilea e la Samarìa: si consolidava e camminava nel timore del Signore e, con il conforto dello Spirito Santo, cresceva di numero.
Giovanni 15,4-5 Rimanete in me e io in voi. Come il tralcio non può portare frutto da se stesso se non rimane nella vite, così neanche voi se non rimanete in me. Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me, e io in lui, porta molto frutto, perché senza di me non potete far nulla.

Cassiodoro: Apud te significat de te. In Ecclesia magna, catholica scilicet, quae universo terrarum orbe diffusa est. Magna enim et amplitudine recte dicitur et honore. (Expositio in Psalterium I, in Ps. XXI)
Tommaso d'Aquino: La 'lode' può essere intesa come la lode con la quale Cristo è lodato dal Padre, oppure con la quale Cristo loda il Padre.
L'assemblea è la Chiesa raccolta nel nome di Cristo, che è grande per estensione, potenza salvifica e onore da Dio conferitole.
Apud te laus mea. Et hoc potest dupliciter intelligi. 
* Uno modo sic: laus mea qua ego laudor, est apud te, non apud homines a quibus non habeo laudem, sed a te: 2 Cor. 10. Non qui seipsum commendat ille probatus est, sed quem Deus commendat.
* Alio modo sic: Laus mea, qua scilicet te laudo, est apud te, non in oculis hominum: Eccl. 47. De omni corde suo laudavit Deum, et dilexit Dominum, et hoc, In ecclesia magna, per me et meo nomine congregata. Magna, dilatatione: Isa. 54. Dilata locum tentorii tui, et pelles tabernaculorum tuorum extende. Magna, potestate: Matt. 16. Super hanc petram aedificabo ecclesiam meam etc. et quodcumque solveris etc. Dignitate: Apoc. 11. Reges terrae afferent gloriam suam et honorem in illam.

La Chiesa è il luogo ove risuona lode di Cristo al Padre e del Padre a Cristo, partecipata ai suoi membri.

sabato 18 aprile 2015

IV domenica di Pasqua, anno B: Salmo 118,8

Ruminare i Salmi - Salmo 118 (Vulgata / liturgia 117),8:

CEI È meglio rifugiarsi nel Signore
che confidare nell’uomo.
TILC È meglio rifugiarsi nel Signore
che contare sull'uomo.
NV Bonum est confugere ad Dominum
quam confidere in homine.
V Bonum est confidere in Domino,
quam confidere in homine

Atti 4,12 In nessun altro c’è salvezza; non vi è infatti, sotto il cielo, altro nome dato agli uomini, nel quale è stabilito che noi siamo salvati.
Giovanni 10,17-18 Per questo il Padre mi ama: perché io do la mia vita, per poi riprenderla di nuovo. Nessuno me la toglie: io la do da me stesso. Ho il potere di darla e il potere di riprenderla di nuovo. Questo è il comando che ho ricevuto dal Padre mio.

Bruno di Segni: Il peccato non sta nel cercare aiuto da uomini, ma nel farlo riponendo in esso tutta la speranza, credendo di non poter avere altro aiuto. Spesso Dio aiuta quando si è persa la speranza nei mezzi umani.
Non est autem peccatum auxilium hominum quaerere, sed ita quaerere, ut totam spem in eorum auxilio ponat, et sine eorum auxiliis de suis necessitatibus se homo liberari posse diffidat, magnum peccatum est. Tunc enim suum auxilium fidelibus suis praestare Dominus solet, quando de hominum auxilio desperant. (Expositio in Ps. CXVII)

Guerrico d'Igny: Getto ogni preoccupazione su colui che è potente, sapiente, amante; così sono più sicuro di quando sono io a preoccuparmi di me stesso. Grande e bella pace, abitare al riparo dell'Altissimo!
Diligam te, Domine, propugnator potens, gubernator prudens, consolator clemens, remunerator affluens. Securus in eum projicio omnem sollicitudinem meam, cujus nec potentia vinci, nec sapientia falli, nec benevolentia potest fatigari quominus expleat omnem indigentiam meam. Quam satius, quam securius est ipsum esse sollicitum, quam me ipsum pro me! quam bonum est confidere in Domino, quam in homine! quam jure maledictus qui confidit in homine, carnem ponit brachium suum, et recedit a Domino cor ejus! (Jerem. XVII,5.) et quidem egenus et pauper ego sum; sed si Dominus sollicitus est mei, dives sum, beatus sum; cui nimirum omnia cooperantur in bonum. Sperent igitur in te qui noverunt nomen tuum, quoniam non derelinquis sperantes in te, Domine (Psal. IX,11); sedeatque populus tuus, sicut scriptum est, in pulchritudine pacis, in tabernaculis fiduciae, in requie opulenta, in securitate sempiterna (Isai. XXXII, 18,17). Omnino pulchra pax et securitas sempiterna, habitare in adjutorio Altissimi, in protectione Dei coeli commorari. (In Festo Sancti Benedicti Sermo II, De fiducia in Deum, 3)
Vedi pure qui.


venerdì 10 aprile 2015

III domenica di Pasqua, anno B: Salmo 4,9

Ruminare i Salmi - Salmo 4,9:

CEI In pace mi corico e subito mi addormento,
perché tu solo, Signore, fiducioso mi fai riposare.
TILC Tu solo, Signore, mi dai sicurezza:
mi corico tranquillo e m'addormento.
NV e V In pace in idipsum dormiam et requiescam,
quoniam tu, Domine, singulariter in spe constituisti me.

Luca 24,44-48 Poi Gesù disse: «Sono queste le parole che io vi dissi quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella legge di Mosè, nei Profeti e nei Salmi». Allora aprì loro la mente per comprendere le Scritture e disse loro: «Così sta scritto: il Cristo patirà e risorgerà dai morti il terzo giorno, e nel suo nome saranno predicati a tutti i popoli la conversione e il perdono dei peccati, cominciando da Gerusalemme. Di questo voi siete testimoni».

Bernardo di Clairvaux: I santi del paradiso godono di pace colma di speranza, ed esultano per la sicura attesa del compimento del disegno divino.
Quanta est felicitas eorum, quam immensa laetitia! qui nimirum triplici gaudio, de recordatione transactae virtutis, de exhibitione praesentis quietis, de certa exspectatione futurae consummationis exsultant. Nam de futura illa consummatione habemus vocem eorum in fine ejus psalmi, de quo superius loquebamur. Dicunt enim singulae animae, quibus jam datum est ad hanc requiem pervenire: In pace in idipsum dormiam et requiescam; quoniam tu, Domine, singulariter in spe constituisti me. Singulariter, inquam, in spe, non jam inter spem et metum, ubi prius non sine sollicitudine et anxietate plurima fluctuabam. (In Festo Omnium Sanctorum, Sermo II. De statu sanctorum ante resurrectionem,2)

S. Alfonso Maria de' Liguori, Apparecchio alla Morte:
* La morte a' Santi non è castigo, ma premio: «Cum dederit dilectis suis somnum, ecce hereditas Domini» (Ps. 126,2). La morte di chi ama Dio, non si chiama morte, ma sonno, sicché ben egli potrà dire: «In pace in idipsum dormiam, et requiescam» (Ps. 4,9). (IX,2)
* Oh, che pace è il morire abbandonato, e riposando nelle braccia di Gesù Cristo, che ci ha amati sino alla morte, ed ha voluto far egli una morte amara, per ottenere a noi una morte dolce e consolata! (VIII,1)
* Gesù, tu sei la mia speranza; da te spero da oggi innanzi di star sempre unito alla divina volontà: essa sarà la mia guida, il mio desiderio, il mio amore e la mia pace. In quella voglio sempre vivere, e riposare. «In pace in idipsum dormiam, et requiescam». Dirò sempre in tutto ciò che mi avverrà: Dio mio, così hai voluto tu, così voglio io: Dio mio, voglio solo quel che vuoi tu; si faccia in me sempre la tua volontà, «fiat voluntas tua». Gesù mio, per i tuoi meriti concedimi la grazia ch'io ti ripeta sempre questo bel detto d'amore: «Fiat voluntas tua, fiat voluntas tua». (XXXVI,2)

Gesù crocifisso e risorto, annunziato in tutta la Scrittura, è la nostra fiduciosa pace: nella vita terrena, nella morte, nella vita eterna.



martedì 7 aprile 2015

II domenica di Pasqua, anno B: Salmo 118,18

Ruminare i Salmi - Salmo 118 (Vulgata / liturgia 117),18:

CEI Il Signore mi ha castigato duramente,
ma non mi ha consegnato alla morte.
TILC Il Signore mi ha colpito duramente,
ma non mi ha lasciato morire.
NV e V Castigans castigavit me Dominus,
et morti non tradidit me.

1Giovanni 5,3 In questo consiste l'amore di Dio, nell'osservare i suoi comandamenti; e i suoi comandamenti non sono gravosi.
Giovanni 20,27 Gesù disse a Tommaso: «Metti qui il tuo dito e guarda le mie mani; tendi la tua mano e mettila nel mio fianco; e non essere incredulo, ma credente!».

Ambrogio: Dio castiga chi accoglie come figlio, ma certo non lo consegna alla morte.
Uterque igitur si credat, recipitur, quia castigat omnem filium Deus, quem recipit (Hebr. XII, 6) : et quem castigat, morti utique non tradit; quia scriptum est: Castigans castigavit me Dominus, et morti non tradidit me (Psal. CXVII, 18). (De Poenitentia I,12,58)
Illam mihi castigationem intelligo profuisse, illa castigatione me a vitiis esse revocatum, illa castigatione non diu aliquid in me licuisse flagitiis, per illam castigationem Domini nihil in me adversario licuisse, nihil morti. Denique, Castigans castigavit me Dominus, et morti non tradidit me (Psal. CXVII, 18), ipse Propheta memoravit. Castigatur enim qui recipitur; qui autem non recipiuntur, non flagellantur. (1323D) In laboribus enim hominum non sunt, et cum hominibus non flagellabuntur (Psal. LXXII, 5). Ideoque supra ait: Quam bonus, Israel, Deus rectis corde (Ibid., 1)! Ergo bonus omnibus; quia omnes recto vult esse corde. Qui autem cor declinaverit, ipse a se gratiam divinae bonitatis avertit. (Expositio in psalmum David CXVIII,IX,8)
Bruno di Segni: Qui si parla della morte dell'anima, che muore quando si separa da Dio.
Non loquitur de morte corporis quae inevitabilis est; sed potius de morte animae, quae solummodo moritur, cum a Deo separatur. Et hinc est quod Dominus ait: «Nolite timere eos qui occidunt corpus, quoniam animam non possunt occidere (Matth. X, 28).» Sic igitur sancti castigari quidem possunt, occidi vero non possunt. (Bruno Astensis, Expositio in Psalmos - Ps. CXVII)
Bruno di Colonia: Qui "castigo" va inteso come purificazione: attraverso le sofferenze e la stessa morte Dio ci libera dalla morte eterna.
Dico non moriar, et vere separatio talis animae et corporis non est dicenda mors, sed castigatio. Dominus enim per talem mortem et tribulationem castigavit me iam secundum quaedam membra mea quae iam passa sunt, castigans etiam nunc secundum illa membra, quae nunc patiuntur et moriuntur. Castigare non accipitur hic, ut accipi solet, sed ponitur castigare pro purgare. Morte namque martyrii et tribulatione, et peccata quae in martyribus sunt Dominus purgat, et eorum coronas augmentat. Castigavit, inquam, me, et sic me castigatum non tradidit morti aeternae. Quod est dicere: Per castigationem talem membra mea iam passa a morte aeterna liberavit. (Expositio in Psalmos, In Ps. CXVII)
Ildegarda di Bingen: Mediante la penitenza, non morirò per i peccati nella perdizione infernale.
Unde etiam in peccatis non moriar, quando per poenitentiam eorum resurgo, sed per veram et puram poenitentiam quam ad Deum habeo, in aeternitate vivam, et sic de morte ereptus, narrabo mirabilia Domini in timore et amore ipsius, quoniam morti me non tradidit, sed me de infernali perditione eripuit. (Liber divinorum operum simplicis hominis I,2,27)
«Castigans castigavit me Dominus, et morti non tradidit me.» Quod sic intellectui patet: Homo casualis et indisciplinatus multoties existit, nec timidus est, nisi omnes venae ipsius doloribus infundantur. Unde et diabolus primum hominem decepit, cum magnam vanitatem iniit, esse cupiens quod esse non debuit, et idcirco etiam magna tristitia cum dolore illi infusa est. Nam ex labore homo timorem habet, ex vanitate autem oblivionem, et ex praevaricatione legis stultam fiduciam. Sed omnia haec timor Domini expellit, quia homo per timorem coram Deo tremiscit, et quod in multis aliis nulla utilitas sit veraciter cognoscit. (0774D) Timor enim in homine praecurrit, ac postea charitatem amplectitur, ubi homo Deum diligit, considerans quomodo eum placare possit, quatenus iniquitatis suae non recordetur. Sed cum homo Deum in amore quaerit, Deus illum saepe cum laboribus castigat, ita ut ille fiducialiter dicat: Flagellis suis castigans castigavit me peccatorem ille qui Dominus omnium est; sed tamen in eadem castigatione, qua me flagellat, morti infernalium poenarum non tradidit me, quia illum amando quaesivi, et peccata mea illi confessus sum, atque in ipsa patiens et prudens sum, quando iudicia eius super culpas meas recta cognosco, et cum duabus alis, scilicet scientiae boni et mali, ad illum volare studeo, ita ut cum dextra ala sinistram mihi subiiciam, quatenus recto et aequali tramite incedam. (ibidem I,2,30)

Liturgia (sacramento della riconciliazione, congedo del penitente):
La passione di Gesù Cristo nostro Signore,
l'intercessione della beata Vergine Maria
e di tutti i santi,
il bene che farai e il male che dovrai sopportare
ti giovino per il perdono dei peccati,
l'aumento della grazia
e il premio della vita eterna.

L'esperienza della misericordia di Dio nell'incontro col Risorto, mi salva dalla morte, mediante fede, speranza e carità.


lunedì 6 aprile 2015

Ancora su Sal 118,24

Agostino, Discorso 229/B

1. Ogni singolo giorno ha fatto il Signore; anzi non solo ha fatto, ma continua a fare; egli fa ogni singolo giorno perché fa sorgere il suo sole sopra i buoni e sopra i cattivi e piove sopra i giusti e sopra gli ingiusti. Per questa ragione quanto abbiamo sentito: Questo è il giorno che ha fatto [il Signore], non si può pensare che indichi quel che noi chiamiamo volgarmente giorno, che è uguale per i buoni e per i cattivi. Qui si tratta di qualcosa di particolare; dicendo: Questo è il giorno che ha fatto [il Signore], ci spinge a fissare l'attenzione su un giorno tutto speciale. Qual è questo giorno per il quale ci vien detto: Rallegriamoci ed esultiamo in esso ? Come sarà, se non buono? Come, se non concupiscibile, amabile, desiderabile, beatificante? Riferendosi ad esso il santo profeta Geremia diceva: Non ho desiderato il giorno degli uomini, tu lo sai. Dunque, qual è questo giorno che ha fatto il Signore? Vivete bene e lo sarete voi stessi. Infatti quando l'Apostolo diceva: Camminiamo onestamente come [di] giorno, non si riferiva a questo giorno che si apre col sorgere del sole e si chiude con il tramonto. E dice anche: Quelli che si ubriacano sono ubriachi di notte. Nessuno vede gente che si ubriaca alla prima colazione; quando questo avviene, si appartiene già alla notte, non al giorno che ha fatto il Signore. Come infatti vi è il giorno in coloro che piamente, santamente e religiosamente vivono nella temperanza, nella giustizia, nella sobrietà, così all'opposto in coloro che vivono nell'empietà, nella lussuria, nella superbia, nella irreligiosità, senza dubbio la notte farà da ladro per tale notte. Infatti sta scritto: Come un ladro di notte, così verrà il giorno del Signore. Ma nel presentare questo avvertimento l'Apostolo, rivolto a coloro ai quali altrove aveva detto: Un tempo eravate tenebra, ma ora siete luce nel Signore (si rivolge ad essi e li considera il giorno fatto dal Signore), dopo aver detto: Voi sapete, o fratelli, che come un ladro di notte, così verrà il giorno del Signore, continua dicendo: Voi però non siete nelle tenebre, così che quel giorno vi colga di sorpresa come un ladro; voi tutti infatti siete figli della luce e figli del giorno; noi non siamo della notte né delle tenebre. Perciò questo nostro cantare ci ricorda l'impegno a vivere bene. Quando tutti con voce armoniosa, con spirito gioioso, con cuore unanime diciamo: Questo è il giorno che ha fatto il Signore, dobbiamo essere in accordo col nostro canto, affinché la nostra lingua non dica una testimonianza contro noi stessi: Tu hai in mente oggi di ubriacarti, e canti: Questo è il giorno che ha fatto il Signore; non hai paura che ti risponda: No, questo non è il giorno che ha fatto il Signore? Non puoi chiamar giorno buono quello che la lussuria e la malvagità ti ha trasformato in un pessimo giorno.