domenica 26 maggio 2013

SS. Corpo e Sangue di Cristo, anno C: Salmo 110,4


Ruminare i Salmi - Salmo 110 (Vulgata/liturgia 109),4

CEI «Tu sei sacerdote per sempre
al modo di Melchìsedek»
TILC 'Tu sei sacerdote per sempre
come lo era il re Melchisedek!'
NV Tu es sacerdos in aeternum secundum ordinem Melchisedech

Gen 14,18 In quei giorni, Melchìsedek, re di Salem, offrì pane e vino
1Cor 11,23-25 il Signore Gesù, nella notte in cui veniva tradito, prese del pane e, dopo aver reso grazie, lo spezzò e disse: «Questo è il mio corpo, che è per voi; fate questo in memoria di me».
Allo stesso modo, dopo aver cenato, prese anche il calice, dicendo: «Questo calice è la Nuova Alleanza nel mio sangue; fate questo, ogni volta che ne bevete, in memoria di me».

Alberto Magno: Il sacrificio della Messa è unico per:
- antichità: è prefigurato prima dei sacrifici dell'alleanza antica
- autorità: è stabilito dal Padre stesso
- garanzia: c'è un giuramento con il quale Dio si impegna
- perfezione: rimane eternamente, non necessita di altro.

De Corpore Domini, dist.5, cap. 1: De auctoritate autem dicitur in Psalmo CIX, 4, ubi loquitur de Domino dominorum super omnem sacerdotem, dicens : Juravit Dominus, et non poenitebit eum : Tu es sacerdos in aeternum secundum ordinem Melchisedech. Et hoc Dominus dixit postquam jam ordo Leviticus fuerat institutus, de quo ordine in aeternum mansuro nihil locutus fuerat prius in lege. Patet igitur, quod auctoritate et antiquitate et jurisjurandi confirmatione et permanentia in aeternum hoc sacrificium dignius est omnibus sacramentis et sacrificiis : et ideo istud solum est, quod perfectum est et consummatum. Unde, ad Hebr. VII, 11 et 12, dicitur : Si consummatio per sacerdotium leviticum erat (populus enim sub ipso legem accepit), quid adhuc necessarium fuit secundum ordinem Melchisedech alium surgere sacerdotem, et non secundum ordinem Aaron dici ? Translato enim sacerdotio, necesse est ut legis translatio fiat. Ex quo patet, quod istud est etiam antiquius, et auctoritate plenius, et sanctitate perfectius omni sacramento et sacrificio. Unde ibidem paulo post, vv. 18 et 19, dicitur : Reprobatio quidem fit praecedentis mandati, propter infirmitatem ejus et inutilitatem nihil enim ad perfectum adduxit lex : introductio vero melioris spei, per quam proximamus ad Deum. ... Ex his quae dicta sunt, accipitur, quod hoc sacrificium quatuor habet in se, quae in nullo alio sacrificio simul inveniuntur. Est enim antiquitate veneratum auctoritate divina sancitum, juramento confirmatum, et sua perfectione perpetuatum. Antiquitate quidem : quia ab eo qui verus erat sacerdos Dei summi, sine patre, sine matre, sine genealogia, assimilatus Filio Dei, sicut dicitur, ad Hebr. VII, 1 et seq., ante omnem sacrificiorum institutionem praesignatur. Auctoritate autem Dei sancitum : quia ab ipso Deo Patre collatum est hujusmodi sacrificii sacerdotium, sicut dicitur, ad Hebr. V, 5 et 6 : Christus non semetipsum clarificavit ut pontifex fieret : sed qui locutus est ad eum : Tu es sacerdos in aeternum secundum ordinem Melchisedech. Juramento autem est confirmatum, sicut dicitur in Psalmo CIX, 4 : Juravit Dominus, et non poenitebit eum : Tu es sacerdos in aeternum secundum ordinem Melchisedech. Sua autem perfectione est perpetuum : quia propter perfectionem istius sacrificii omnia veteris legis cum lege et sacerdotio sunt abolita, ut istud in perpetuum statuatur observandum. Unde, ad Hebr. VII, 24 et 25 : Hic autem eo quod maneat in aeternum, sempiternum habet sacerdotium. Unde et salvare in perpetuum potest accedentes per semetipsum ad Deum, semper vivens ad interpellandum pro nobis.


domenica 19 maggio 2013

SS. Trinità, anno C: Salmo 8,6a


Salmo 8,6a:

CEI 2008 Davvero l'hai fatto poco meno di un dio
CEI 1974 Eppure l'hai fatto poco meno degli angeli
TILC L'hai fatto di poco inferiore a un dio
NV Minuisti eum paulo minus ab angelis
LXX ἠλάττωσας αὐτὸν βραχύ τι παρ᾽ἀγγέλους

Il Concilio Vaticano II cita questo passo in Gaudium et Spes 12, dove si domanda:
Quid est autem homo? Che cos'è l'uomo?
Molte opinioni egli ha espresso ed esprime sul proprio conto, opinioni varie ed anche contrarie, secondo le quali spesso o si esalta così da fare di sé una regola assoluta, o si abbassa fino alla disperazione, finendo in tal modo nel dubbio e nell'angoscia. ...
La Bibbia insegna che l'uomo è stato creato «ad immagine di Dio» capace di conoscere e di amare il suo Creatore, e che fu costituito da lui sopra tutte le creature terrene quale signore di esse, per governarle e servirsene a gloria di Dio.
Multas opiniones de seipso protulit et profert, varias et etiam contrarias, quibus saepe vel se tamquam absolutam regulam exaltat vel usque ad desperationem deprimit, exinde anceps et anxius. ... Sacrae enim Litterae docent hominem "ad imaginem Dei" creatum esse, capacem suum Creatorem cognoscendi et amandi, ab eo tamquam dominum super omnes creaturas terrenas constitutum, ut eas regeret, eisque uteretur, glorificans Deum.

La nostra esistenza sta in bilico tra animalità e divinità, tra ciò che è più e ciò che è meno dell’umanità (...) L'uomo sta "un poco più in basso degli angeli" (Sal 8,5) e un poco più in alto delle bestie. Come un pendolo, egli oscilla avanti e indietro sotto l’azione combinata della gravità e dell’impulso, la forza di gravità del suo egoismo e l'impulso del divino, di una visione contemplata nella vicinanza di Dio ma nelle tenebre della carne e del sangue. Trascurando il nostro impegno verso questa visione, non riusciamo più a capire il significato della nostra esistenza" (A. J. Heschel, Meditazione sul salmo 8).


domenica 12 maggio 2013

Pentecoste, anno C: Salmo 104,31b


Salmo 104 (Vulgata/liturgia 103),31b:

CEI: Gioisca il Signore delle sue opere.
TILC: Gioisci, Signore, per le tue opere!
NV: Laetetur Dominus in operibus suis

Romani 8,9: Se qualcuno non ha lo Spirito di Cristo, non gli appartiene.
Giovanni 14,23: Se uno mi ama, osserverà la mia parola e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui.

Atanasio: Dio gioirà quando avrà operato la salvezza di tutti.
Efrem il Siro: Amiamoci gli uni gli altri; e quando Dio vedrà la nostra leale e genuina comunione, allora gioirà delle sue opere.

Il dono dello Spirito Santo ci consente di prendere parte alla gioia del Signore (cf. Mt 25,21.23), gioia per la sua opera creatrice (cf. Gen 1,4.10 etc.) e per il Regno che viene (cf. Mc 11,10).



domenica 5 maggio 2013

Ascensione del Signore, anno C: Salmo 47,8

Salmo 47 (Vulgata/liturgia 46),8:

CEI: Dio è re di tutta la terra
NV: rex omnis terrae Deus

Ebrei 10,23: Manteniamo senza vacillare la professione della nostra speranza, perché è degno di fede colui che ha promesso
Luca 24,47: nel nome di Cristo saranno predicati a tutti i popoli la conversione e il perdono dei peccati

S. Tommaso d'Aquino: Il trono spetta a Cristo in quanto Dio e in quanto uomo che, vincendo, si è seduto sul trono del Padre suo. Il salmo ci invita a onorare col canto questa duplice regalità.

* Competit autem thronus Christo secundum naturam divinam, inquantum est Deus, Ps. XLVI, 8: rex omnis terrae Deus, sed secundum quod homo, convenit sibi ex merito passionis, victoriae, et resurrectionis. Apoc. c. III, 21: qui vicerit, dabo ei sedere mecum in throno meo, sicut ego vici et sedi in throno patris mei cum eo. (Super Epistolam B. Pauli ad Hebraeos lectura)
* Et dicit bis, psallite psallite, quia eodem honore honoramus humanitatem et divinitatem in Christo: quia idem suppositum est: Joan. 5: omnes honorificent filium sicut honorificant patrem. Et quod sit psallendum ostendit, quia est, rex omnis terrae Deus. (In psalmos Davidis expositio)

Sulla duplice regalità di Cristo la Chiesa fonda la propria speranza di condividere la gloria del Signore e la predicazione della buona notizia della pace con Dio.

ù

giovedì 2 maggio 2013

VI Domenica di Pasqua, anno C: Salmo 67,6


Ruminare i Salmi - Salmo 67 (Vulgata/liturgia 66),6:

CEI Ti lodino i popoli, o Dio, ti lodino i popoli tutti.
NV: Confiteantur tibi populi, Deus; confiteantur tibi populi omnes.

Ap 21,13: A oriente tre porte, a settentrione tre porte, a mezzogiorno tre porte e a occidente tre porte.

Antifona d'ingresso (cf. Isaia 48,20):
Con voce di giubilo date il grande annunzio,
fatelo giungere ai confini del mondo:
il Signore ha liberato il suo popolo. Alleluia.

Isaia 48,20
Uscite da Babilonia,
fuggite dai Caldei;
annunziatelo con voce di gioia,
diffondetelo,
fatelo giungere fino all'estremità della terra.
Dite: "Il Signore ha riscattato
il suo servo Giacobbe".

La buona notizia di Gesù morto e risorto, proclamata gioiosamente dalla Chiesa, induce i popoli ad abbandonare Babilonia ed entrare in Gerusalemme, per cantarvi il canto della lode cosmica.