domenica 26 gennaio 2014

Presentazione del Signore: Salmo 24,8

Ruminare i Salmi - Salmo 24 (Vulgata / liturgia 26),8:

CEI Chi è questo re della gloria?
Il Signore forte e valoroso,
il Signore valoroso in battaglia.
TILC Chi è questo re grande e glorioso?
È il Signore, valoroso e forte,
è il Signore che vince le guerre!
NV Quis est iste rex gloriae?
Dominus fortis et potens,
Dominus potens in proelio.

Ebrei 2,14-15 Poiché i figli hanno in comune il sangue e la carne, anche Cristo allo stesso modo ne è divenuto partecipe, per ridurre all’impotenza mediante la morte colui che della morte ha il potere, cioè il diavolo, e liberare così quelli che, per timore della morte, erano soggetti a schiavitù per tutta la vita.
Luca 2,22-23 Maria e Giuseppe portarono il bambino a Gerusalemme per presentarlo al Signore, come è scritto nella legge del Signore.

Origene: “Nel mondo avete tribolazione, ma siate fiduciosi: io ho vinto il mondo”
(Gv 16,33)

Pietro Abelardo, Inno per l’Annunciazione: (Il Re della gloria)
abbatta le altezze dei superbi,
calpesti con la sua forza
il collo dei grandi,
lui ch’è potente in battaglia.

(Superbientium 
Terat fastigia, 
Colla sublimium 
Calcet vi propria 
Potens in proelio.)

Facendosi piccolo e nascendo “sotto la legge”, il Re della gloria rovescia ogni superbia e vince il Maligno, la morte e il mondo.


domenica 19 gennaio 2014

III domenica del tempo ordinario, anno A: Salmo 27,13

Ruminare i Salmi - Salmo 27 (Vulgata / liturgia 26),13:

CEI Sono certo di contemplare la bontà del Signore
nella terra dei viventi.
TILC Sono certo: godrò tra i viventi
la bontà del Signore.
NV Credo videre bona Domini in terra viventium
Letterale: oh, se non credessi di vedere la bontà del Signore sulla terra dei viventi…

1Corinzi 1,10 Vi esorto, fratelli, per il nome del Signore nostro Gesù Cristo, a essere tutti unanimi nel parlare, perché non vi siano divisioni tra voi, ma siate in perfetta unione di pensiero e di sentire.
Matteo 4,23 Gesù percorreva tutta la Galilea, insegnando nelle loro sinagoghe, annunciando il vangelo del Regno e guarendo ogni sorta di malattie e di infermità nel popolo.

S. Alfonso Maria de’ Liguori, Traduzione de' Salmi e de' Cantici
Io spero nella terra de' viventi (cioè nel regno de' beati, dove non ha luogo la morte) di godere i beni che il Signore apparecchia a chi l'ama.

L’annunzio della Buona Notizia, accolto nella fede, ci fa vedere la bontà di Dio già nella vita presente, e ci apre all’esperienza della comunione ecclesiale, nell’attesa sua della piena contemplazione


domenica 12 gennaio 2014

II domenica del tempo ordinario, anno A: Salmo 40,8-9

Ruminare i Salmi - Salmo 40 (Vulgata / liturgia 39),8-9 (II domenica del tempo ordinario, anno A)

CEI: Nel (rotolo del) libro su di me è scritto
di fare la tua volontà
TILC: Nel libro è scritta per me la tua volontà.
NV: In volumine libri scriptum est de me.
Facere voluntatem tuam, Deus meus, volui.
V: In capite libri scriptum est de me, ut facerem voluntatem tuam.
Nuova Riveduta: Sta scritto di me nel rotolo del libro.
Dio mio, desidero fare la tua volontà

1Corinzi 1,1-2 Paolo, chiamato a essere apostolo di Cristo Gesù per volontà di Dio, e il fratello Sòstene, alla Chiesa di Dio che è a Corinto, a coloro che sono stati santificati in Cristo Gesù, santi per chiamata…
Giovanni 1,32-33 Giovanni testimoniò dicendo: “Colui che mi ha inviato a battezzare nell’acqua mi disse: ‘Colui sul quale vedrai discendere e rimanere lo Spirito, è lui che battezza nello Spirito Santo’”.

Tommaso d’Aquino: In quanto uomo, Cristo ha una volontà umana, internamente mossa da Dio ad aderire alla volontà divina; e così egli vuole compiere la volontà divina.
(quidquid fuit in humana natura Christi, movebatur nutu divinae voluntatis, non tamen sequitur quod in Christo non fuerit motus voluntatis proprius naturae humanae. Quia etiam aliorum sanctorum piae voluntates moventur secundum voluntatem Dei, 'quae operatur in eis et velle et perficere', ut dicitur Philipp. II. Licet enim voluntas non possit interius moveri ab aliqua creatura, interius tamen movetur a Deo. Et sic etiam Christus secundum voluntatem humanam sequebatur voluntatem divinam, secundum illud Psalmi: 'ut facerem voluntatem tuam, Deus meus, volui’)

Giovanni il Battista è chiamato a battezzare con l’acqua.
Gesù è chiamato a battezzare nello Spirito Santo.
Paolo è chiamato a essere apostolo di Gesù.
I cristiani (di Corinto) sono chiamati alla santità.
A che cosa sono chiamato io?
La volontò di Dio mi è svelata nella Parola.


domenica 5 gennaio 2014

Battesimo del Signore, anno A: Salmo 29,3

Ruminare i Salmi - Salmo 29 (Vulgata / liturgia 28),3:

CEI La voce del Signore è sopra le acque,
(tuona il Dio della gloria)
il Signore sulle grandi acque.
TILC La voce del Signore rimbomba sulle acque,
(scatena il tuono il Dio della gloria,)
il Signore domina gli immensi flutti.
NV Vox Domini super aquas;
(Deus maiestatis intonuit,)
Dominus super aquas multas.

Atti 10,38 Dio consacrò in Spirito Santo e potenza Gesù di Nàzaret.
Matteo 3,16-17 Appena battezzato, Gesù uscì dall’acqua: ed ecco, si aprirono per lui i cieli ed egli vide lo Spirito di Dio discendere come una colomba e venire sopra di lui. Ed ecco una voce dal cielo che diceva: «Questi è il Figlio mio, l’amato: in lui ho posto il mio compiacimento».

S. Alberto Magno:
* La Voce porta la Parola, e significa la processione del Figlio dal Padre.
* La rigenerazione battesimale è data nell’incontro tra un elemento visibile, l’acqua, e l’invisibile azione dello Spirito Santo.
* Super Marcum, in cap. 1 v.11: "Vox de coelo facta est."
Vox quidem est verbi vehiculum. Et significatur processus Verbi a paterno corde, Psal. xliv,2 : Eructavit cor meum verbum bonum. Cantic. ii,14 : Sonet vox tua in auribus meis : vox enim tua dulcis. Psal. xxviii,3 : Vox Domini super aquas, Deus majestatis intonuit.
* Super Iohannem, in cap. 3 v. 5: Nisi quis renatus fuerit ex aqua et Spiritu sancto."
Quasi dicat: De terrena non intelligo nativitate, sed de illa quae est per sacramentum gratiae, in qua "nisi quis renatus fuerit," ad similitudinem primae innocentiae quantum ad immunitatem culpae. Isa. i,16: Lavamini, mundi estote, auferte malum cogitationum vestrarum ab oculis meis. Et hoc est: "Ex aqua," ut materia habente vim regenerativam, "et Spiritu sancto" regenerante. Genes. i,2: Spiritus Dei ferebatur super aquas. Psal. xxviii,3: Vox Domini super aquas, Deus majestatis intonuit. Sic enim completur sacramentum, quando aqua, visibile elementum, per virtutem ablutivam similitudinem facit extra, et Spiritus regenerans operationem munditiae facit intus. Joan. i,33: Hic est qui baptizat in Spiritu sancto. Numer. xix,13 : Quia aqua expiationis non est aspersus, immundus erit, et manebit spurcitia ejus super eum. Ezechiel. xlvii,9: Postquam venerint illuc aqua istae, et sanabuntur et vivent omnia ad quae venerit torrens.

Mediante la Parola che risuona sull’acqua, la Trinità ci rigenera e consacra figli nel Figlio.