mercoledì 23 marzo 2011

3 aprile 2011 - IV domenica di quaresima

Efesini 5,14
Svégliati, tu che dormi, risorgi dai morti e Cristo ti illuminerà.
Ἔγειρε, ὁ καθεύδων, καὶ ἀνάστα ἐκ τῶν νεκρῶν, καὶ ἐπιφαύσει σοι ὁ Χριστός.
Surge qui dormis, et exsurge a mortuis, et illuminabit te Christus.

Il sermone "Tria retinent", di autenticità dubbia, è poco più che uno schema. In esso S. Tommaso (o chi per lui) nota che tre cose tengono il pigro nella sua inerzia:
1. la paura di fronte alle difficoltà (che invece in Cristo sono già vinte)
2. l'attaccamento ai beni e alla propria comodità
3. l'accontentarsi di quanto ha (anche a livello spirituale).
La frase di Efesini figura nelle citazioni in nota: occorre scuotere il torpore spirituale (cf. Proverbi 6,9: "Fino a quando, pigro, te ne starai a dormire? Quando ti scuoterai dal sonno?") e fare subito quello che è alla portata (cf. Ecclesiaste 9,10).
Due chicche esegetiche:
* Proverbi 26,14: come la porta gira sui cardini e non si sposta mai, così il pigro riposa come su un caldo letto nelle sue ricchezze; il predicatore lo fa girare senza mai riuscire a farlo smuovere!
* Salmo 42,3: "manda la tua verità e la tua luce: esse mi hanno condotto"; non "esse mi hanno fatto riposare"!

1. Tria retinent pigros in pigricia sua ne surgant. Timor pusillanimitatis. Prou.: "dicit piger: leo est in uia"; hoc dicit piger quando uidet aliquam asperitatem, credens se statim deficere si illam sustineret; "leena est in itineribus", id est, dicit eciam: fragilis sum, non possum sustinere. Sed talibus dicitur Prou. XXIIII: "usquequo, piger, dormis?" Surge audacter quia dicitur in Iob: "rugitus leonis et uox leene contrita est", et cetera. Rugitus leonis, id est, diabolus, deuictus est, unde in Io.: "confidite, ego uici mundum"; leena eciam, id est omnis fragilitas, deponenda est quia contrita est per uirtutem crucis, unde Apostolus: "vetus homo noster crucifixus est".

2. Secundum quod retinet est amor, qui duplex est, scilicet amor proprietatis suorum exteriorum. Prou.: "sicut ostium uertitur in cardine suo", et tamen non mouetur, a cardine scilicet, "ita piger in lectulo suo", id est in diuiciis ubi ad modum lecti requiescit; per predicatores uertitur sed non mouetur. Alius amor est proprii corporis. Nolunt enim asperitates aliquas sustinere. Prou.: "ascondit", piger scilicet, "sub assellas manus suas et laborat si ad os suum conuertit eas". Contra quos dixit Apostolus: "hora est iam nos de sompno surgere", et alibi: "Karitas Christi urget nos".

3. Alii enuie in sua pigricia detinentur quibus uidentur sua bona sufficere. Talis erat ille diues qui dicebat: "anima mea multa bona", id est uirtutes, "habes reposita in annos plurimos, requiesce"; non surgas cum aliis ad matutinas. Sed ei dictum: "stulte, hac nocte", et cetera. Ab hoc errore reuocat scriptura illuminans intellectum, in Ps.: "Emitte lucem tuam et ueritatem tuam; ipsa me deduxerunt", non requiescere fecerunt.

nota 1 Suple que dicit Salomon: Quecumque potest manus tua.
nota 2 Efe. VI: surge qui dormis.

venerdì 18 marzo 2011

27 marzo 2011 - III domenica di quaresima

Romani 5,1:

Giustificati per fede, noi siamo in pace con Dio per mezzo del Signore nostro Gesù Cristo.
Δικαιωθέντες οὖν ἐκ πίστεως εἰρήνην ἔχομεν πρὸς τὸν θεὸν διὰ τοῦ κυρίου ἡμῶν Ἰησοῦ Χριστοῦ.
Iustificati ergo ex fide, pacem habe(a)mus ad Deum per Dominum nostrum Iesum Christum.

La fede è una virtù? La domanda può sorprendere, ma si giustifica considerando che la virtù ha per oggetto il bene, mentre la fede ha per oggetto la verità: sembrerebbe dunque che la fede non sia propriamente una virtù. S. Tommaso (S. Th. IIª-IIae q. 4 a. 5) evince dal passo paolino che la fede è una virtù, e distingue: nella fede "formata" (ossia animata dalla carità, viva) c'è sia il contributo della fede, per il quale l'intelletto accoglie la verità, sia della carità, per il quale la volontà tende al (vero) sommo bene (Dio). La fede formata è infatti un atto dell'intelletto che accoglie il bene per comando della volontà (e non per evidenza intrinseca, il che escluderebbe la fede). Perciò la fede formata è una virtù. La fede "informe" (ossia senza la carità, morta) invece non lo è, perché le manca l'apporto della volontà.

Videtur quod fides non sit virtus. Virtus enim ordinatur ad bonum, nam virtus est quae bonum facit habentem, ut dicit philosophus, in II Ethic. Sed fides ordinatur ad verum. Ergo fides non est virtus.
Sed contra est quod homo per virtutes iustificatur, nam iustitia est tota virtus, ut dicitur in V Ethic. Sed per fidem homo iustificatur, secundum illud ad Rom. V: "iustificati ergo ex fide pacem habemus" et cetera. Ergo fides est virtus.

IIª-IIae Respondeo dicendum quod, sicut ex supradictis patet, virtus humana est per quam actus humanus redditur bonus. Unde quicumque habitus est semper principium boni actus, potest dici virtus humana. Talis autem habitus est fides formata. Cum enim credere sit actus intellectus assentientis vero ex imperio voluntatis, ad hoc quod iste actus sit perfectus duo requiruntur. Quorum unum est ut infallibiliter intellectus tendat in suum bonum, quod est verum, aliud autem est ut infallibiliter ordinetur ad ultimum finem, propter quem voluntas assentit vero. Et utrumque invenitur in actu fidei formatae. Nam ex ratione ipsius fidei est quod intellectus semper feratur in verum, quia fidei non potest subesse falsum, ut supra habitum est, ex caritate autem, quae format fidem, habet anima quod infallibiliter voluntas ordinetur in bonum finem. Et ideo fides formata est virtus. Fides autem informis non est virtus, quia etsi habeat perfectionem debitam actus fidei informis ex parte intellectus, non tamen habet perfectionem debitam ex parte voluntatis. Sicut etiam si temperantia esset in concupiscibili et prudentia non esset in rationali, temperantia non esset virtus, ut supra dictum est, quia ad actum temperantiae requiritur et actus rationis et actus concupiscibilis, sicut ad actum fidei requiritur actus voluntatis et actus intellectus.

Ad primum ergo dicendum quod ipsum verum est bonum intellectus, cum sit eius perfectio. Et ideo inquantum per fidem intellectus determinatur ad verum, fides habet ordinem in bonum quoddam. Sed ulterius, inquantum fides formatur per caritatem, habet etiam ordinem ad bonum secundum quod est voluntatis obiectum.

martedì 15 marzo 2011

A proposito di Fukushima

Sarebbe l'ora di riconoscere i nostri limiti, e di rendersi conto che la pretesa di soddisfare a ogni costo ogni esigenza materiale, anche facendo violenza alla natura, è del tutto insensata, non solo da un punto di vista spirituale (del che a molti ben poco importa) ma anche materiale. Bisogna smettere di pensare alla tecnica come a un grimaldello col quale, non appena ce ne venga una utilità immediata, scardinare ogni cosa.

venerdì 11 marzo 2011

20 marzo 2011 - II domenica di quaresima

2Timoteo 1,8b-10
... con la forza di Dio, soffri con me per il Vangelo. Egli infatti ci ha salvati e ci ha chiamati con una vocazione santa, non già in base alle nostre opere, ma secondo il suo progetto e la sua grazia. Questa ci è stata data in Cristo Gesù fin dall’eternità, ma è stata rivelata ora, con la manifestazione del salvatore nostro Cristo Gesù. Egli ha vinto la morte e ha fatto risplendere la vita e l’incorruttibilità per mezzo del Vangelo.

... συγκακοπάθησον τῷ εὐαγγελίῳ κατὰ δύναμιν θεοῦ, 9τοῦ σώσαντος ἡμᾶς καὶ καλέσαντος κλήσει ἁγίᾳ, οὐ κατὰ τὰ ἔργα ἡμῶν ἀλλὰ κατὰ ἰδίαν πρόθεσιν καὶ χάριν, τὴν δοθεῖσαν ἡμῖν ἐν Χριστῷ Ἰησοῦ πρὸ χρόνων αἰωνίων, 10 φανερωθεῖσαν δὲ νῦν διὰ τῆς ἐπιφανείας τοῦ σωτῆρος ἡμῶν Χριστοῦ Ἰησοῦ, καταργήσαντος μὲν τὸν θάνατον φωτίσαντος δὲ ζωὴν καὶ ἀφθαρσίαν διὰ τοῦ εὐαγγελίου.

... collabora Evangelio secundum virtutem Dei; 9 qui nos liberavit, et vocavit vocatione sua sancta, non secundum opera nostra, sed secundum propositum suum, et gratiam, quæ data est nobis in Christo Iesu ante tempora sæcularia. 10 Manifestata est autem nunc per illuminationem Salvatoris nostri Iesu Christi, qui destruxit quidem mortem, illuminavit autem vitam, et incorruptionem per Evangelium.

A proposito del Cristo distruttore della morte, dai Sermoni quaresimali di un altro domenicano, il beato Jacopo (Giacomo) da Voragine (da Varazze) ecco un commento a Gv 11,50 ("conviene che uno solo muoia per tutto il popolo" - Feria VI quinte hebdomade quadragesime, 2/2).

Il genere umano era morto di una quadruplice morte:

a. nel presente:
1. morte della natura, vinta dalla risurrezione
2. morte della colpa, vinta dall'effusione del sangue di Cristo

b. nel futuro:
3. morte dell'inferno, vinta dalla spoliazione dell'inferno operata nella discesa agli inferi
4. morte della privazione della visione divina (più grave della precedente), visione nuovamente accessibile grazie alla morte di Cristo.

Expediebat ut Christus mortem subiret ideo expediens erat ut moreretur Christus ut eius mors mortem nostram destrueret; ideo dicit: "expedit uobis ut unus moriatur" etc. Homo etiam erat perditus et ideo expediebat, ut Christus ad nos ueniret et mortem subiret; ut sic hominem perditum inueniret; ideo subditur: "Et non tota gens pereat". Erat etiam homo a Deo diuisus et dispersus; ideo expediebat ut Christus homines ad eum congregaret, ideo subditur: "Non tantum pro gente, sed ut filios Dei qui erant dispersi congregaret in unum". Ex his igitur habetur, et humanum genus mortuum, perditum et dispersum. Expediebat ergo ut Christus moreretur, et sic humanum genus mortuum uiuificaret, perditum inueniret et dispersum congregaret.

Primo ergo expediebat ut Christus moreretur ut sic hominem mortuum uiuificaret. Erat autem homo mortuus quadruplici morte. Quarum due erant in presenti, scilicet mors nature et mors culpe. Due autem erant in futuro, scilicet mors gehenne et mors que causatur ex priuatione uisionis diuine.

Primam mortem, scilicet nature, destruxit per suam gloriosam resurrectionem.
"Per hominem mors, et per hominem resurrectio mortuorum" (I Cor. 15).
"Uiuificabit nos post duos dies, in die tertia suscitabit nos" (Osee 6).

Secundam mortem, scilicet culpe, destruxit per sui sanguinis effusionem.
"Lauit nos a peccatis nostris in sanguine suo" (Apoc. 1).
"Sanguis Christi emundabit conscientiam nostram ab operibus mortuis" (Hebr. 9).

Tertiam mortem, scilicet gehenne, destruxit per inferni expoliationem; tunc enim infernum expoliauit; quando sanctos Patres inde eduxit.
"Ero mors tua, o mors, morsus tuus ero, o inferne" (Osee 13).

Quartam mortem, que causatur ex priuationem uisionis diuine, destruxit per sue uisionis restitutionem; quam quidem restitutionem petebat sibi fieri Propheta dicens: "Redde mihi letitiam salutaris tui" (Psal. 50). Ista autem mors est grauior quam gehenna; unde Augustinus in Enchiridion: "A regno Dei exulare, a ciuitate Dei alienari, a uita Dei cadere, dulcedine Dei carere, tam grauis est pena, ut ei nulla possint tormenta, que nouimus, comparari". De hac etiam sic dicit Chrysostomus in libro de reparatione lapsi: Nonnulli imperitorum putant sibi satis esse et optabile uideri, si gehenna tantummodo careant; ego autem multo grauiores gehenna dico esse cruciatus, remoueri et abiici ab illa gloria, et ita excludi a beatis, et alienum effici ab his, que preparata sunt Sanctis; tantum generat cruciatum, tantum dolorem, ut si etiam nulla extrinsecus pena torqueat, hec sola sufficeret; omnis enim gehenne superat cruciatum.

sabato 5 marzo 2011

13 marzo 2011 - I domenica di quaresima

Romani 5,12:

Come a causa di un solo uomo il peccato è entrato nel mondo e, con il peccato, la morte, così in tutti gli uomini si è propagata la morte, poiché tutti hanno peccato.

Διὰ τοῦτο ὥσπερ δι'ἑνὸς ἀνθρώπου ἡ ἁμαρτία εἰς τὸν κόσμον εἰσῆλθεν καὶ διὰ τῆς ἁμαρτίας ὁ θάνατος, καὶ οὕτως εἰς πάντας ἀνθρώπους ὁ θάνατος διῆλθεν, ἐφ'ᾧ πάντες ἥμαρτον.

Propterea sicut per unum hominem peccatum in hunc mundum intravit, et per peccatum mors, et ita in omnes homines mors pertransiit, in quo omnes peccaverunt.

Su questo testo, uno dei capitali per quanto riguarda la dottrina del peccato originale, richiamo l'attenzione al post precedente. Il terzo errore circa la grazia che S. Tommaso elenca è quello dei pelagiani, i quali 1. negarono che nei neonati vi fosse peccato originale 2. vollero che l'inizio dell'opera buona venisse dall'uomo e il compimento da Dio 3. ritennero che la grazia fosse data all'uomo in base propri meriti. Contro il primo errore l'Aquinate cita Romani 5,12 (e Salmo 51,7); contro il secondo Filippesi 2,13; contro il terzo Romani 11,6. Il nostro testo è citato nella traduzione della Vulgata, che suona: "nel quale (Adamo) tutti hanno peccato". Al proposito ecco alcuni stralci di una catechesi di Giovanni Paolo II (udienza generale del 1 ottobre 1986):

1. Il Concilio di Trento ha formulato in un testo solenne la fede della Chiesa circa il peccato originale. Nella precedente catechesi abbiamo considerato l’insegnamento conciliare relativo al peccato personale dei progenitori. Ora vogliamo riflettere su quanto il Concilio dice circa le conseguenze che quel peccato ha avuto per l’umanità. Al riguardo, il testo del decreto tridentino fa una prima affermazione:

2. Il peccato di Adamo è passato in tutti i suoi discendenti, cioè in tutti gli uomini in quanto provenienti dai progenitori, e loro eredi nella natura umana, ormai privata dell'amicizia con Dio.
Il decreto tridentino lo afferma esplicitamente: il peccato di Adamo ha recato danno non solo a lui, ma a tutta la sua discendenza. La santità e la giustizia originali, frutto della grazia santificante, non sono state perse da Adamo solo per sé, ma anche «per noi» («nobis etiam»). Perciò egli ha trasmesso a tutto il genere umano non solo la morte corporale e altre pene (conseguenze del peccato), ma anche il peccato stesso come morte dell'anima («Peccatum, quod mors est animae»).

3. Qui il Concilio di Trento ricorre a un'osservazione di san Paolo nella lettera ai Romani, alla quale faceva riferimento già il Sinodo di Cartagine, riprendendo peraltro un insegnamento ormai diffuso nella Chiesa. Nella traduzione odierna il testo paolino suona così: «Come a causa di un solo uomo il peccato è entrato nel mondo e con il peccato la morte, così anche la morte ha raggiunto tutti gli uomini, perché tutti hanno peccato» (Rm 5,12). Nell'originale greco si legge: «eph'o pantes emarton», espressione che nell'antica Volgata latina era tradotta: «in quo omnes peccaverunt», «nel quale (unico uomo) tutti hanno peccato»; tuttavia i greci, sin dall'inizio, intendevano chiaramente ciò che la Volgata traduce «in quo» come un «perché» o «in quanto», senso ormai accolto comunemente dalle traduzioni moderne. Tuttavia questa diversità di interpretazioni dell'espressione non muta la verità di fondo contenuta nel testo di san Paolo, che cioè il peccato di Adamo (dei progenitori) ha avuto conseguenze per tutti gli uomini. Del resto nello stesso capitolo della lettera ai Romani l'Apostolo scrive: «per la disobbedienza di uno solo tutti sono stati costituiti peccatori». E nel versetto precedente: «per la colpa di uno solo si è riversata su tutti gli uomini la condanna» (Rm 5,19.18). San Paolo connette dunque la situazione di peccato di tutta l'umanità con la colpa di Adamo.

...

5. Un'altra affermazione è contenuta nel decreto tridentino: il peccato di Adamo passa in tutti i discendenti, a causa della loro origine da lui, e non solo del cattivo esempio. Il decreto afferma:

«Questo peccato di Adamo, che per origine è unico e trasmesso per propagazione non per imitazione, è presente in tutti come proprio di ciascuno».

Dunque il peccato originale viene trasmesso per via di generazione naturale. Questa convinzione della Chiesa è indicata anche dalla pratica del battesimo ai neonati, alla quale si richiama il decreto conciliare. I neonati, incapaci di commettere un peccato personale, tuttavia ricevono, secondo la secolare tradizione della Chiesa, il battesimo poco dopo la nascita in remissione dei peccati. Il decreto dice:

«sono veracemente battezzati per la remissione dei peccati, affinché sia mondato nella rigenerazione ciò che hanno contratto nella generazione».

In questo contesto appare chiaro che il peccato originale in nessun discendente di Adamo possiede il carattere di colpa personale. Esso è la privazione della grazia santificante in una natura che, per colpa dei progenitori, è stata distorta dal suo fine soprannaturale. E un «peccato della natura», rapportabile solo analogicamente al «peccato della persona». Nello stato di giustizia originale, prima del peccato, la grazia santificante era come la «dote» soprannaturale della natura umana. Nella «logica» interiore del peccato, che è rifiuto della volontà di Dio, datore di questo dono, è contenuta la perdita di esso. La grazia santificante ha cessato di costituire l'arricchimento soprannaturale di quella natura, che i progenitori trasmisero a tutti i loro discendenti nello stato in cui si trovava quando diedero inizio alle generazioni umane. Perciò l'uomo viene concepito e nasce senza la grazia santificante. Proprio questo «stato iniziale» dell'uomo, legato alla sua origine, costituisce l'essenza del peccato originale come un'eredità («peccatum originale originatum», come si suol dire).

...

(6.) Il Concilio di Trento si riferisce particolarmente al testo paolino della lettera ai Romani 5,12 come a cardine del suo insegnamento, vedendo affermata in esso l'universalità del peccato, ma anche l'universalità della redenzione. Il Concilio si richiama anche alla pratica del battesimo dei neonati, e lo fa a motivo dello stretto riferimento del peccato originale - come universale eredità ricevuta con la natura dai progenitori - alla verità dell'universale redenzione in Gesù Cristo.