lunedì 26 agosto 2013

XXII domenica del tempo ordinario, anno C: Salmo 68,5


Ruminare i Salmi - Salmo 68, (Vulgata / liturgia 67),5 (XXII domenica del tempo ordinario, anno C)

CEI Cantate a Dio, inneggiate al suo nome (...):
Signore è il suo nome.
TILC Cantate Dio, cantate salmi al suo nome, (...)
Signore è il suo nome
NV Cantate Deo, psalmum dicite nomini eius: (...)
Dominus nomen illi.

Ebrei 12,22-24: Voi invece vi siete accostati al monte Sion, alla città del Dio vivente, alla Gerusalemme celeste e a migliaia di angeli, all'adunanza festosa e all'assemblea dei primogeniti i cui nomi sono scritti nei cieli, al Dio giudice di tutti e agli spiriti dei giusti resi perfetti, a Gesù, mediatore dell'alleanza nuova, e al sangue purificatore, che è più eloquente di quello di Abele.
Luca 14,11: Chiunque si esalta sarà umiliato, e chi si umilia sarà esaltato.

Tagore (Gitanjali):

Quando mi comandi di cantare, il mio cuore
sembra scoppiare d'orgoglio
e fisso il tuo volto
e le lacrime mi riempiono gli occhi.

Tutto ciò che nella mia vita
vi è di aspro e discorde
si fonde in dolce armonia,
e la mia adorazione stende l'ali
come un uccello felice
nel suo volo a traverso il mare.

So che ti diletti del mio canto,
che soltanto come cantore
posso presentarmi al tuo cospetto.

Con l'ala distesa del mio canto
sfioro i tuoi piedi, che mai
avrei pensato di poter sfiorare.

Ebbro della felicità del mio canto
dimentico me stesso
e chiamo amico te
che sei il mio signore.

Cantiamo la grandezza del Signore, che solleva l'umile; la bellezza della Gerusalemme celeste con le sue miriadi di angeli; l'adunanza festosa nella quale splende la giustizia di Dio; la gloria dei santi ove rifulge la potenza di Gesù e del suo sangue redentore.


lunedì 19 agosto 2013

XXI domenica del tempo ordinario, anno C: Salmo 117,2


Ruminare i Salmi - Salmo 117, (Vulgata / liturgia 116),2 (XXI domenica del tempo ordinario, anno C)

CEI forte è il suo amore per noi
e la fedeltà del Signore dura per sempre.
TILC È forte il suo amore per noi,
la sua fedeltà dura per sempre.
NV Quoniam confirmata est super nos misericordia eius,
et veritas Domini manet in aeternum

Ebrei 12,7.11: Dio vi tratta come figli; e qual è il figlio che non viene corretto dal padre? Certo, sul momento, ogni correzione non sembra causa di gioia, ma di tristezza; dopo, però, arreca un frutto di pace e di giustizia a quelli che per suo mezzo sono stati addestrati.
Luca 13,24 Sforzatevi di entrare per la porta stretta, perché molti, io vi dico, cercheranno di entrare, ma non ci riusciranno.

S. Rabano Mauro: Quando Dio sarà tutto in tutti e la Chiesa sarà perfettamente illuminata dalla luce dello Spirito Santo, l'universale assemblea delle lingue canterà a una sola voce le gradi opere di Dio: Lodate il Signore, popoli tutti...".
De Laudibus Sanctae Crucis 1, Figura XX: Nam et Ecclesia suo tempore resurgens a morte, atque ad coelos ascendens in carne incorruptibili, plene ac perfecte dono Spiritus sancti illustrabitur, quando, iuxta promissum Apostoli, erit Deus omnia in omnibus. Tunc plena erit adunatio linguarum in omnibus, ad praedicanda magnalia Dei, quia consona mente ac voce omnes divinae gloriam maiestatis, quam praesentem vident, collaudant; tuncque vox illa psalmi perfecte complebitur, qua Spiritus sanctus per prophetam omnes gentes ad laudem Domini provocando exhortatur, ita dicens: "Laudate Dominum, omnes gentes, et collaudate eum omnes populi, quoniam confirmata est super nos misericordia eius, et veritas Domini manet in aeternum"; quando quotquot de omnibus gentibus ad vitam praedestinati sunt aeternam, omnibus scandalis de Ecclesia Christi per angelorum officia eiectis, uniti capiti suo unam laudem omnia membra concorditer et perpetuo cantabunt.

Quando non riesco a entrare nel mistero dell'amore di Dio, ad accorgermi che ciò che domina su tutto è la sua misericordia, e che essa è amore vero, allora fallisco l'ingresso nella porta stretta.
Allora, come un padre il Signore mi corregge, per aiutarmi a entrare in questa nuova prospettiva, al di fuori della quale non c'è che "pianto e stridore di denti".


martedì 13 agosto 2013

XX domenica del tempo ordinario, anno C: Salmo 40,2


Ruminare i Salmi - Salmo 40, (Vulgata / liturgia 39),2:

CEI Ho sperato, ho sperato nel Signore,
ed egli su di me si è chinato
TILC Ho continuato a sperare nel Signore:
si è chinato verso di me
NV Exspectans exspectavi Dominum,
et intendit mihi.

Eb 12,1-4 anche noi, circondati da tale moltitudine di testimoni, avendo deposto tutto ciò che è di peso e il peccato che ci assedia, corriamo con perseveranza nella corsa che ci sta davanti, tenendo fisso lo sguardo su Gesù, colui che dà origine alla fede e la porta a compimento. Egli, di fronte alla gioia che gli era posta dinanzi, si sottopose alla croce, disprezzando il disonore, e siede alla destra del trono di Dio.
Pensate attentamente a colui che ha sopportato contro di sé una così grande ostilità dei peccatori, perché non vi stanchiate perdendovi d’animo. Non avete ancora resistito fino al sangue nella lotta contro il peccato.

Tommaso d'Aquino: quando ti arriva qualche tribolazione, non disperarti subito, non agitarti contro Dio: aspettalo, finché non ti soccorra (si aliquam molestiam pateris, non statim desperes, nec turberis contra Deum, sed expecta quousque succurrat: "expectans expectavi Dominum, et intendit mihi").

Gesù sa attendere con pace e fiducia la salvezza dal Padre, senza entrare nell'ansia e nella disperazione.
Tenendo lo sguardo su di lui e in sintonia con la sua pazienza, ci slanciamo verso la meta.

Rumina per nutrire la tua speranza!


domenica 11 agosto 2013

Assunzione della B. V. Maria, messa del giorno: Salmo 45,12


Ruminare i Salmi - Salmo 45, (Vulgata / liturgia 44),12

CEI Il re è invaghito della tua bellezza.
È lui il tuo signore: rendigli omaggio.
TILC Il re s'innamori della tua bellezza!
È il tuo signore, inchinati a lui.
NV concupiscet rex speciem tuam.
Quoniam ipse est dominus tuus, et adora eum.

Luca 1,46-48 L’anima mia magnifica il Signore
e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,
perché ha guardato l’umiltà della sua serva

Liturgia: Congratulamini mihi omnes qui diligitis Dominum,
quia cum essem parvula placui Altissimo,
et de meis visceribus genui Deum et hominem.
Rallegratevi con me, voi tutti che amate il Signore,
perché, essendo piccola, sono piaciuta all'Altissimo
e dal mio grembo ho generato il Dio-uomo.

Crisippo di Gerusalemme: Maria, ascolta quanto ti ama colui che è Signore di tutto: il Padre stesso ti prende come sposa, lo Spirito prepara le nozze, il tuo Creatore diviene tuo bambino: adoralo come tuo Signore.

Rumina, per partecipare alla gioia e all'adorazione di Maria


sabato 10 agosto 2013

XIX domenica del tempo ordinario, anno C: Sal 33,22


Ruminare i Salmi - Salmo 33, (Vulgata / liturgia 32),22:

CEI Su di noi sia il tuo amore, Signore,
come da te noi speriamo.
TILC Il tuo amore ci accompagni,
perché noi confidiamo in te, Signore.
NV Fiat misericordia tua, Domine, super nos,
quemadmodum speravimus in te.

Ebrei 11,8-12: Per fede, Abramo, chiamato da Dio, obbedì partendo per un luogo che doveva ricevere in eredità, e partì senza sapere dove andava.
Per fede, egli soggiornò nella terra promessa come in una regione straniera, abitando sotto le tende, come anche Isacco e Giacobbe, coeredi della medesima promessa. Egli aspettava infatti la città dalle salde fondamenta, il cui architetto e costruttore è Dio stesso.
Per fede, anche Sara, sebbene fuori dell’età, ricevette la possibilità di diventare madre, perché ritenne degno di fede colui che glielo aveva promesso. Per questo da un uomo solo, e inoltre già segnato dalla morte, nacque una discendenza numerosa come le stelle del cielo e come la sabbia che si trova lungo la spiaggia del mare e non si può contare.

Agostino: Quale diritto abbiamo alla sua misericordia? Quello di avere sperato in lui.

Chi si fida del Signore e spera in lui, nel cammino verso la patria è posto sotto il riparo della sua grazia.