lunedì 26 agosto 2013

XXII domenica del tempo ordinario, anno C: Salmo 68,5


Ruminare i Salmi - Salmo 68, (Vulgata / liturgia 67),5 (XXII domenica del tempo ordinario, anno C)

CEI Cantate a Dio, inneggiate al suo nome (...):
Signore è il suo nome.
TILC Cantate Dio, cantate salmi al suo nome, (...)
Signore è il suo nome
NV Cantate Deo, psalmum dicite nomini eius: (...)
Dominus nomen illi.

Ebrei 12,22-24: Voi invece vi siete accostati al monte Sion, alla città del Dio vivente, alla Gerusalemme celeste e a migliaia di angeli, all'adunanza festosa e all'assemblea dei primogeniti i cui nomi sono scritti nei cieli, al Dio giudice di tutti e agli spiriti dei giusti resi perfetti, a Gesù, mediatore dell'alleanza nuova, e al sangue purificatore, che è più eloquente di quello di Abele.
Luca 14,11: Chiunque si esalta sarà umiliato, e chi si umilia sarà esaltato.

Tagore (Gitanjali):

Quando mi comandi di cantare, il mio cuore
sembra scoppiare d'orgoglio
e fisso il tuo volto
e le lacrime mi riempiono gli occhi.

Tutto ciò che nella mia vita
vi è di aspro e discorde
si fonde in dolce armonia,
e la mia adorazione stende l'ali
come un uccello felice
nel suo volo a traverso il mare.

So che ti diletti del mio canto,
che soltanto come cantore
posso presentarmi al tuo cospetto.

Con l'ala distesa del mio canto
sfioro i tuoi piedi, che mai
avrei pensato di poter sfiorare.

Ebbro della felicità del mio canto
dimentico me stesso
e chiamo amico te
che sei il mio signore.

Cantiamo la grandezza del Signore, che solleva l'umile; la bellezza della Gerusalemme celeste con le sue miriadi di angeli; l'adunanza festosa nella quale splende la giustizia di Dio; la gloria dei santi ove rifulge la potenza di Gesù e del suo sangue redentore.


Nessun commento:

Posta un commento