sabato 29 novembre 2014

II domenica di avvento, anno B: Salmo 85,10

Ruminare i Salmi - Salmo 85 (Vulgata / liturgia 84),10:
CEI Sì, la sua salvezza è vicina a chi lo teme,
perché la sua gloria abiti la nostra terra.
TILC Sì, egli è pronto a salvare chi l'ascolta,
con la sua presenza riempirà la nostra terra.
NV Vere prope timentes eum salutare ipsius,
ut inhabitet gloria in terra nostra.
V Verumtamen prope timentes eum salutare ipsius,
ut inhabitet gloria in terra nostra.

2Pietro 3,10-13 Il giorno del Signore verrà come un ladro; allora i cieli spariranno in un grande boato, gli elementi, consumati dal calore, si dissolveranno e la terra, con tutte le sue opere, sarà distrutta. Dato che tutte queste cose dovranno finire in questo modo, quale deve essere la vostra vita nella santità della condotta e nelle preghiere, mentre aspettate e affrettate la venuta del giorno di Dio, nel quale i cieli in fiamme si dissolveranno e gli elementi incendiati fonderanno! Noi infatti, secondo la sua promessa, aspettiamo nuovi cieli e una terra nuova, nei quali abita la giustizia.
Marco 1,5-8 Accorrevano a lui tutta la regione della Giudea e tutti gli abitanti di Gerusalemme. E si facevano battezzare da lui nel fiume Giordano, confessando i loro peccati. Giovanni era vestito di peli di cammello, con una cintura di pelle attorno ai fianchi, e mangiava cavallette e miele selvatico. E proclamava: «Viene dopo di me colui che è più forte di me: io non sono degno di chinarmi per slegare i lacci dei suoi sandali. Io vi ho battezzato con acqua, ma egli vi battezzerà in Spirito Santo».

Ambrogio: Salvezza di Dio e sua gloria è Gesù Cristo, che si è fatto vicino a noi per liberarci dal cattivo timore e sottoporci al giogo del buon timore, che è la piena dedizione a Dio.
'Salutare Dei' virtus est, salutare Dei Christus est; et ideo prope timentes hoc salutare. Longe erat Christus a nobis, longe erat a nationibus: descendit in terras, factus est prope, coepimus non timere. Nam qui Christum timet, non timori est subditus, sed devotioni. Pietatis hic timor, non infirmitatis est. Denique nihil deest timentibus eum. Quomodo autem factus sit prope, audi: Ut inhabitet, inquit, gloria in terra nostra. Quis est gloria, nisi Dominus Iesus? Unde et apostolus Paulus ait: 'Deus Domini nostri Iesu Christi, Pater gloriae' [II Cor 1,3]. Merito complacet in eo Pater; quia Patris gloria est. Hunc qui a Patre separat, maiorem Patri iniuriam facit, quem vult esse sine gloria. Hunc quisquis aequalem Patri non putat, inferiorem et Patrem iudicat; cum alio verbo Patrem plus laudare non possit, cuius summa laus et gloria Christus est. (In Psalmum David CXVIII Expositio,VI,3)

Chi pone Dio al centro e si purifica dal male, sperimenta già da ora la salvezza e non ha nulla da temere dall'irruzione della gloria di Dio nel mondo.


sabato 22 novembre 2014

I domenica di avvento, anno B: Salmo 80,20

Ruminare i Salmi - Salmo 80 (Vulgata / liturgia 79),20 (I domenica di avvento, anno B)

CEI Fa' splendere il tuo volto
e noi saremo salvi
TILC Mostra sereno il tuo volto
e noi saremo salvi
NV Illustra faciem tuam, 
et salvi erimus
V Ostende faciem tuam,
et salvi erimus.

1Corinzi 1,6-7 La testimonianza di Cristo si è stabilita tra voi così saldamente che non manca più alcun carisma a voi, che aspettate la manifestazione del Signore nostro Gesù Cristo.
Marco 13,35-36 Vegliate dunque: voi non sapete quando il padrone di casa ritornerà, se alla sera o a mezzanotte o al canto del gallo o al mattino; fate in modo che, giungendo all’improvviso, non vi trovi addormentati.

Ambrogio: Lo sguardo di Dio è la nostra salvezza. Essere guardati da Dio, significa essere salvati.
Ostende faciem tuam, et salvi erimus (Psal. LXXIX, 4). Aspectus ergo Dei, salus nostra est, atque in eius vultu nostrum est adiumentum. In quo quanta vis sit, divina Scriptura declarat, quae non otiose attexuit, quod respexit Deus super munera Abel, super munera autem Cain non respexit (Gen. IV, 4 et 5) ; et ideo contristatus est Cain, quod sacrificium suum Deo displicuisse cognovit, placuisse germani. Unde et illud quod hodie in psalmi responsorio decantatum est, plurimum nostrae conducit assertioni: Exspectans exspectavi Dominum, et respexit me (Psal. XXXIX, 2). Quem Dominus respicit, salvat. Denique in Domini passione cum titubaret Petrus sermone, non mente (licet ipse Petri sermo titubantis fidelior sit, quam doctrina multorum), respexit eum Christus, et Petrus flevit; quo proprium lavit errorem. Ita quem visus est voce denegare, lacrymis fatebatur. (Enarrationes in XII psalmos Davidicos, 15)
Eucherio di Lione: "Volto di Dio" è la conoscenza di Dio offerta a tutti gli uomini nel Figlio dell'Uomo.
Facies Dei cognitio est divinitatis eius ad omnes: de qua cognitione in psalmis scriptum est: Ostende nobis faciem tuam, et salvi erimus (Ps. LXXIX, 4) , hoc est, dona nobis cognitionem tuam, quam cognitionem per Filium hominis hominibus innotuit: ipso dicente in Evangelio, Nemo novit Patrem nisi Filius, et cui voluerit Filius revelare (Matth. XI, 27).(Formulae spiritalis intelligentiae, I)

Vegliare significa tenersi durevolmente e pazientemente volti al Volto del Signore come proprio centro esistenziale, sapendo che senza di Lui si è perduti.


sabato 15 novembre 2014

XXXIV domenica del tempo ordinario, Nostro Signore Gesù Cristo Re dell'Universo, anno A: Salmo 23,3

Ruminare i Salmi - Salmo 23 (Vulgata / liturgia 22),3:

CEI mi guida per il giusto cammino
a motivo del suo nome.
TILC mi guida sul giusto sentiero:
il Signore è fedele!
NV Deduxit me super semitas iustitiae 
propter nomen suum.

1Corinzi 15,21-22 se per mezzo di un uomo venne la morte, per mezzo di un uomo verrà anche la risurrezione dei morti. Come infatti in Adamo tutti muoiono, così in Cristo tutti riceveranno la vita.
Matteo 25,31 Quando il Figlio dell'uomo verrà nella sua gloria, e tutti gli angeli con lui, siederà sul trono della sua gloria.

Fulgenzio di Ruspe: Per sbagliare, alla libertà umana non occorre nient’altro; per scegliere bene, le occorre la guida di Dio.
Haec igitur inter litteram iubentem et spiritum vivificantem, id est inter legem gratiamque distantia est, quia lex convenit, gratia convertit hominis voluntatem: ut bonum velimus, illa clamat, haec donat; illic voluntati hominis incutit iustitia divina terrorem, hic infundit misericordia caritatem: per illam accipit voluntas spiritum servitutis in timore, per istam accipit spiritum adoptionis filiorum, in quo clamamus: Abba, Pater. Haec ergo in nobis libera voluntas eam in se habet naturaliter qualitatem, ut appetere sponte possit bona vel mala; sed bona proficiendo appetit, mala vero deficiendo. Ut autem deficiat, potest ipsa sola sibi sufficere; ut proficiat vero, indiget semper divinae miserationis auxilio. (633B) Nisi enim gratia praeveniente levetur, nullatenus surgit, quia Dominus erigit elisos (Psal. CXLV, 8); nisi ea deducente iuvetur, nullatenus currit, quia de Deo scriptum est: Deduxit me super semitas iustitiae propter nomen suum (Psal. XXII, 3); et ipsi dicitur: Domine, deduc me in iustitia tua propter inimicos meos (Psal. V, 9). Nisi gratia custodiente perducatur, nullatenus pervenit; dicit enim sanctus David: Emitte lucem tuam et veritatem tuam, ipsa me deduxerunt et perduxerunt in montem sanctum tuum, et in tabernacula tua (Psal. XLII, 3). Neque spretis malis voluntas humana vel eligere bona quae ducunt ad vitam, vel diligere poterit, nisi gratiam discretionis a Deo et caritatis acceperit. (De veritate praedestinationis II,7,11)

Cassiodoro: "Vie della giustizia" sono i due precetti della carità (di Dio e del prossimo), sulle quali il salmista riconosce di essere guidato, non per suo merito ma per gratuito dono divino.
Semita enim iustitiae sunt duo praecepta salutaria, in quibus lex et prophetalis sermo concluditur: Diliges Dominum Deum tuum ex toto corde tuo, et ex tota anima tua, et proximum tuum sicut teipsum. Merito ergo super semitas iustitiae deductum se esse gaudebat, qui animi contemplatione profecerat. Addidit, propter nomen suum, ut nemo diceret meritis suis collatum, quod divina gratia probabat esse concessum.

Il Cristo è il condottiero della vita, colui che ci precede e guida sulla via della vita. Non lasciarsi guidare da lui significa cadere nel nulla della morte.


sabato 8 novembre 2014

XXXIII domenica del tempo ordinario, anno A: Salmo 128,2

Ruminare i Salmi - Salmo 128 (Vulgata / liturgia 127),2:

CEI Della fatica delle tue mani ti nutrirai,
sarai felice e avrai ogni bene.
TILC Potrai godere del frutto del tuo lavoro,
sarai felice e tutto ti andrà bene.
NV Labores manuum tuarum manducabis,
beatus es, et bene tibi erit.
Vulg Labores manuum tuarum quia manducabis:
beatus es, et bene tibi erit.

1Tessalonicesi 5,6 Non dormiamo come gli altri, ma vigiliamo e siamo sobri.
Matteo 25,14-15 Avverrà come a un uomo che, partendo per un viaggio, chiamò i suoi servi e consegnò loro i suoi beni. A uno diede cinque talenti, a un altro due, a un altro uno, secondo le capacità di ciascuno; poi partì.

Girolamo: Quando si respinge Dio, si mangia comunque il frutto delle proprie mani, che è la morte.
"Ecce ego adducam mala super populum istum, fructum cogitationum (sive aversionis) eius: quia verba mea non audierunt, et legem meam proiecerunt" (Ier 6,19). Mala appellat supplicia poenasque patientium, non super gentes quae vocantur ad Evangelii veritatem, sed super populum qui respondit: Non audiemus. Et recepturus est fructum cogitationum, sive aversionis suae, dicente David: Labores manuum tuarum manducabis [Psal. CXXVII, 2]. Causaque perspicua, quia verba Domini non audierint, et legem eius abiecerint. (In Ieremiam 6,19)

Alberto Magno:
1.
Con il suo lavoro, l'opera della redenzione, Cristo ha mangiato quel frutto di cui aveva fame: la salvezza dei peccatori.
I ad Thessal. iv, 3: Haec est voluntas Dei, sanctificatio vestra. Apocal. ii, 7: Vincenti dabo edere de ligno vitae, quod est in paradiso Dei mei. Hoc enim est dulce manna, Angelorum esca, quod est conversio peccatorum. Quia, sicut dicitur, Luc. xv, 10: Gaudium erit coram angelis Dei super uno peccatore poenitentiam agente. Sapient. xvi, 20: Angelorum esca nutrivisti populum tuum, et paratum panem de coelo praestitisti illis sine labore, omne delectamentum in se habentem, et omnis saporis suavitatem. Sapor enim suavissimus est sapor de conversione infidelium et peccatorum. Et hoc significatum est, Genes. xxvii, 9: Affer mihi duos hoedos optimos, ut faciam ex eis escas patri tuo, quibus libenter vescitur. Hoedi enim duo sunt duo genera peccatorum : quorum unum est conversio infidelium, et aliud contritio peccatorum fidelium, qui hoedi per confessionem excoriantur, per ignem contritionis coquuntur, et per aromata virtutum condiuntur : et sic in cibum spiritualem magno Patri de coelis exhibentur. Haec est enim voluntas Dei per quam Filium suum misit in mundum, "ut perficiam opus ejus," scilicet, quod ipse fieri per me disposuit. Joan. vi, 29: Hoc est opus Dei, ut credatis in eum quem misit ille. Haec enim est vita reconciliationis super omnia opera ejus. Psal. cxliv, 9: Miserationes ejus super omnia opera ejus. Et hoc opus Dei perficere fuit fames Christi et manducatio. Psal. cxxvii, 2: Labores manuum tuarum quia manducabis, etc. Hos enim labores manuum Christus manducavit. (Super Iohannem, In 4,34)
2.
Dio vuole che l'uomo lavori per procurarsi il necessario, perché l'inerzia non lo distrugga.
"Semper da nobis," non ad unum tempus, ut sine sollicitudine et labore vivamus, "panem hunc," sicut Samaritana adhuc carnalis dixit, Joan. iv, 15: Da mihi hanc aquam, ut non sitiam, neque veniam huc haurire. Sed Deus hoc non vult: sed vult ut homo laboret pro cibo suo, ne inertia dissolvatur. Job, v, 7: Homo nascitur ad laborem, et avis ad volatum. Genes. iii, 19: In sudore vultus tui vesceris pane. Psal. cxxvii, 2: Labores manuum tuarum quia manducabis. (Super Iohannem, In 6,34)
3.
Attraverso l'attività, rappresentata da Marta, l'uomo si dispone alla santa cena.
Martha per quam activa vita designatur quae in coena fructificante ministrat, quia per ministerium virtutis in activa vita homo ad coenam sanctam praeparatur. Psal. cxxvii, 2: Labores manuum tuarum quia manducabis, etc. Luc. x, 40: Martha autem satagebat circa frequens ministerium. (Super Iohannem, In 12,2-3)

Dio ci chiede un'attiva e vigile collaborazione, solo mediante la quale possiamo disporci a ricevere i suoi doni


sabato 1 novembre 2014

Dedicazione della Basilica Lateranense: Salmo 46,5

Ruminare i Salmi - Salmo 46 (Vulgata / liturgia 45),5:

CEI Un fiume e i suoi canali rallegrano la città di Dio,
la più santa delle dimore dell’Altissimo.
NV Fluminis rivi laetificant civitatem Dei,
sancta tabernacula Altissimi.
V Fluminis impetus laetificat civitatem Dei;
sanctificavit tabernaculum suum Altissimus.

1Corinzi 3,17 Santo è il tempio di Dio, che siete voi.
Giovanni 2,17 I suoi discepoli si ricordarono che sta scritto: «Lo zelo per la tua casa mi divorerà».

Ambrogio: Lo Spirito Santo è un grande fiume che da Gesù fluisce sulla terra, e al tempo stesso riversa incessantemente e impetuosamente l'acqua della fonte della vita sulla Gerusalemme celeste.
'Flumina de ventre eius fluent aquae vivae. Hoc autem dicebat de Spiritu, quem incipiebant accipere, qui credituri erant in eum'. Ergo flumen est Spiritus sanctus, et flumen maximum, quod secundum Hebraeos de Iesu fluxit in terris, ut ore Esaiae accepimus prophetatum. Magnum hoc flumen, quod fluit semper, et numquam deficit. Nec solum flumen, sed etiam profusi impetus, et magnitudinis redundantis, sicut etiam David dixit: 'Quia fluminis impetus laetificat civitatem Dei'. Neque enim civitas illa Ierusalem coelestis meatu alicuius fluvii terrestris abluitur: sed ille ex vitae fonte procedens Spiritus sanctus, cuius nos brevi satiamur haustu, in illis coelestibus Thronis, Dominationibus et Potestatibus, Angelis et Archangelis redundantius videtur effluere, pleno septem virtutum spiritalium fervens meatu. Si enim fluvius riparum editis superfusus exundat, quanto magis Spiritus omnem supereminens creaturam, cum reliqua tamquam inferiora nostrae mentis arva perstringat, coelestem illam creaturarum naturam effusiore quadam sanctificationis ubertate laetificat! (De Spiritu Sancto I,15)

Girolamo: La città di Dio allietata dalle acque impetuose provenienti dal Cielo è la Chiesa.
Dominus loquitur de fluminibus suis: 'Qui credit in me, flumina de ventre eius fluent aquae vivae'. Et ad Samaritanam: 'Qui biberit de aqua quam ego dedero ei, non sitiet in aeternum: sed fiet in eo fons aquae salientis in vitam aeternam'. Ista sunt flumina de coelo venientia, de quibus David canit: 'Fluminis impetus laetificat civitatem Dei'; haud dubium quin Ecclesiam significet. (In Ezechielem 29)

Casa di Dio e suo tempio è la comunità ecclesiale, incessantemente allietata dall'abbondante e molteplice effusione dello Spirito vivificante.