sabato 28 marzo 2015

Domenica di Pasqua: Salmo 118,24

Ruminare i Salmi - Salmo 118 (Vulgata / liturgia 117),24:

CEI Questo è il giorno che ha fatto il Signore:
rallegriamoci in esso ed esultiamo!
NV e V Haec est dies, quam fecit Dominus:
exsultemus et laetemur in ea.

Atti degli Apostoli 10,39-40 Essi (i Giudei) lo uccisero appendendolo a una croce, ma Dio lo ha risuscitato al terzo giorno.
Colossesi 3,1-2 Se siete risorti con Cristo, cercate le cose di lassù, dove è Cristo, seduto alla destra di Dio; rivolgete il pensiero alle cose di lassù, non a quelle della terra.

Liturgia (inno di compieta): Gesù, luce da luce, sole senza tramonto, tu rischiari le tenebre nella notte del mondo.

Cipriano: Per i figli della luce, è giorno anche di notte: quando è buio per chi ha la luce nel cuore? Quando non è giorno, per chi ha Cristo come sole?
Christum autem diem dictum declarat in psal. Spiritus sanctus dicens: A Domino factum est istud et est mirabile in oculis nostris, et rursus: Ista est dies quam fecit Dominus, exultemus et iucundemur in ea. Item quod sol appellatus sit, Malachias propheta testatur dicens: Vobis autem qui timetis nomen Domini orietur sol iustitiae et in aliis obscuratio.
Quod si in Scripturis sanctis sol verus et dies verus Christus est, hora nulla Christianis excipitur, quominus frequenter ac semper Deus debeat adorari; ut qui in Christo hoc est sole et in die vero sumus, instemus per totam diem precibus et oremus, ut quando mundi et legis decursis vicibus alternis nox resoluta succedit, nullum de nocturnis tenebris esse orantibus damnum possit, quia filiis lucis et in ipsa nocte dies est. Quando enim sine lumine est, cui lumen in corde est? aut quando sol et dies non est, cui sol et dies Christus est? Qui autem in Christo, hoc est in lumine semper fuimus, nec noctibus ab oratione cessemus. (De Oratione Dominica 35)

Bruno di Segni: Tutti i giorni sono creati dal Signore, ma 'questo è il giorno che ha fatto il Signore' in quanto mediante il suo sangue ha rigenerato l'uomo e mediante la sua risurrezione lo ha chiamato alla vita immortale dell'anima e del corpo.
Per unicam ergo mortem Christi nos a duplici nostra liberati sumus, eo quod per ipsum in anima et corpore resurgere possumus. Merito igitur Psalmista pro gloria resurrectionis nos admonet, dicens: « Haec dies, quam fecit Dominus, exsultemus, et laetemur in ea. » Licet enim omnes dies fecerit creando Deus; hanc tamen diem praecipue dicitur fecisse, dum in ea hominem in melius per sanguinem suum recreavit, et eum ad immortalem tam corporis, quam animae per utriusque resurrectionem revocavit. Unde in ea exsultare debemus, quia absorpta est mors corporis in victoria per resurrectionem Christi: et laetari debemus, quia a morte animae per triumphum resurrectionis Christi liberati sumus; cui Domino, et Deo resurgenti, et spem nobis resurgendi donanti sit laus, et gloria in saeculorum saecula. Amen. (Bruno Astensis, Sententiae, 4,11)

Giovanni Paolo II: Alla domenica ben s'addice l'esclamazione del Salmista: «Questo è il giorno che ha fatto il Signore: rallegriamoci ed esultiamo in esso». Questo invito alla gioia, che la liturgia di Pasqua fa proprio, porta il segno dello stupore da cui furono investite le donne che avevano assistito alla crocifissione di Cristo quando, recatesi al sepolcro «di buon mattino, il primo giorno dopo il sabato», lo trovarono vuoto. È invito a rivivere in qualche modo l'esperienza dei due discepoli di Emmaus, che sentirono «ardere il cuore nel petto» mentre il Risorto si affiancava a loro lungo il cammino, spiegando le Scritture e rivelandosi nello «spezzare il pane». È l'eco della gioia, prima esitante e poi travolgente, che gli Apostoli provarono la sera di quello stesso giorno, quando furono visitati da Gesù risorto e ricevettero il dono della sua pace e del suo Spirito. (Lettera apostolica "Dies Domini",1)

Opera del Signore per eccellenza è la vittoria della luce sulla tenebra e della vita sulla morte.


domenica 22 marzo 2015

Venerdi Santo: Salmo 31,6

Ruminare i Salmi - Salmo 31 (Vulgata / liturgia 30),6:

Sal 31 (30),6 Alle tue mani affido il mio spirito.
NV e V In manus tuas commendo spiritum meum.
Lc 23,46 Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito.

Ebrei 4,15-16 Non abbiamo un sommo sacerdote che non sappia prendere parte alle nostre debolezze: egli stesso è stato messo alla prova in ogni cosa come noi, escluso il peccato.
Accostiamoci dunque con piena fiducia al trono della grazia per ricevere misericordia e trovare grazia, così da essere aiutati al momento opportuno.
Giovanni 19,30 Dopo aver preso l’aceto, Gesù disse: «È compiuto!». E, chinato il capo, consegnò lo spirito.

Bernardo di Clairvaux: Il fratello Gerardo, monaco anche lui, oramai sul punto di morire, dice: "Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito"; poi, dopo aver più volte ripetuto la parola "Padre", esclama: "Essere padre degli uomini, che gran benevolenza da parte di Dio! Essere figli di Dio e suoi eredi, che gloria per gli uomini!".
Utinam non te amiserim, sed praemiserim! utinam vel tarde aliquando sequar te quocunque ieris! Non enim dubium quin ad illos ieris, quos circa medium extremae noctis tuae invitabas ad laudem, cum in vultu et voce exsultationis subito erupisti in illud Davidicum, stupentibus qui assistebant: Laudate Dominum de coelis, laudate eum in excelsis (Psal. CXLVIII, 1). Jam tibi, frater mi, nocte adhuc media diescebat, et nox sicut dies illuminabatur Prorsus illa nox illuminatio tua in deliciis tuis. Accitus sum ego ad id miraculi, videre exsultantem in morte hominem, et insultantem morti. Ubi est, mors, victoria tua? ubi est, mors, stimulus tuus? Jam non stimulus, sed jubilus. Jam cantando moritur homo, et moriendo cantat. Usurparis ad laetitiam, mater moeroris; usurparis ad gloriam, gloriae inimica; usurparis ad introitum regni, porta inferi; et fovea perditionis, ad inventionem salutis: idque ab homine peccatore. Juste nimirum, quia tu inique in hominem innocentem et justum potestatem temeraria usurpasti. Mortua es, o mors, et perforata hamo quem incauta glutiisti, cujus illa vox est in propheta: O mors, ero mors tua; morsus tuus ero, inferne (Ose. XIII, 14). Illo, inquam, hamo perforata, transeuntibus per medium tui fidelibus latum laetumque exitum pandis ad vitam. Girardus te non formidat, larvalis effigies. Girardus per medias fauces tuas transit ad patriam, non modo securus, sed et laetabundus et laudans. Cum ergo supervenissem, et extrema jam psalmi, me audiente, clara voce complesset, suspiciens in coelum, ait: Pater, in manus tuas commendo spiritum meum (Luc. XXIII, 46). Et repetens eumdem sermonem, ac frequenter ingeminans: Pater, Pater, conversus ad me, exhilarata quidem facie: «Quanta,» inquit, «dignatio Dei, patrem hominum esse! quanta hominum gloria, Dei filios Dei esse et haeredes! Nam si filii, et haeredes.» Sic cantabat quem nos lugemus: in quo et meum, fateor, luctum pene in cantum convertit, dum intentus gloriae ejus, propriae fere miseriae obliviscor. (In Cantica Canticorum XXVI,11)

Alfonso Maria de' Liguori: 'Pater, in manus tuas commendo spiritum meum'. Queste parole proferite da Gesù Cristo in croce, stando vicino alla morte, apportano gran sollievo a' moribondi che si trovano in quell'ultimo combattimento coll'inferno, e stanno per passare all'eternità. Amato mio Gesù, io non voglio aspettare il punto della mia morte per raccomandarvi l'anima mia: da ora ve la raccomando; per quel sangue che avete sparso per me, non permettete che ella abbia a separarsi da voi. (Dolce trattenimento delle anime amanti di Dio a vista di Gesù crocifisso)

Prima di porvi a dormire, dite: 'In manus tuas, Domine, commendo spiritum meum', intendendo che tutt'i vostri respiri dormendo sieno atti d'amor di Dio, e l'ultime parole sieno: Gesù mio, voi solo voglio, e niente più. (La vera Sposa di Gesù Cristo,VII,3)

Affidiamo la nostra vita nelle mani di colui che ha affidato la sua alle mani del Padre, e in questo (duplice) movimento riceviamo il suo Spirito, che - con lui - ci fa figli ed eredi.


sabato 14 marzo 2015

V domenica di quaresima, anno B: Salmo 51,12

Ruminare i Salmi - Salmo 51 (Vulgata / liturgia 50),12 (V domenica di quaresima, anno B)

לֵב טָהֹור בְּרָא־לִי אֱלֹהִים וְרוּחַ נָכֹון חַדֵּשׁ בְּקִרְבִּֽי
CEI Crea in me, o Dio, un cuore puro,
rinnova in me uno spirito saldo.
NV Cor mundum crea in me, Deus,
et spiritum firmum innova in visceribus meis. 
V Cor mundum crea in me, Deus,
et spiritum rectum innova in visceribus meis.

Ebrei 5,8-9 Pur essendo Figlio, imparò l’obbedienza da ciò che patì e, reso perfetto, divenne causa di salvezza eterna per tutti coloro che gli obbediscono.
Giovanni 12,31-32 Ora è il giudizio di questo mondo; ora il principe di questo mondo sarà gettato fuori. E io, quando sarò innalzato da terra, attirerò tutti a me.

Anselmo d'Aosta: Tu, o Dio, sei la vita della mia anima: finché abiti in me, vivo la vita della tua grazia, e sento il dolce e l'amaro; diversamente, divento morto, incapace di sentire gioia e dolore, muoio del niente che io stesso ho 'creato'. Se non ho la carità, sono niente. Da questo niente ricreami in te, o Dio, vero cuore della mia anima.
24. (V. 12.) Et deletis meis iniquitatibus et peccatis, cor mundum crea in me, Deus . O Deus cordis mei, qui intellectum das parvulis, da mihi intelligere hoc: intus legem peto, ut cor mundum crees in me, Deus: ne si petiero quod ignoro, dicas mihi quod dixisti matri filiorum et filiis Zebedaei: Nescitis quid petatis. Ecce enim coeli non sunt mundi in conspectu tuo, et in angelis reperis pravitatem, quanto minus homo putredo et filius eius vermis poterit dicere: Mundum est cor meum! Et non oportet me habere cor, et illud mundum antequam videam te, quem soli viri cordati videbunt, qui fuerunt mundo corde. (0838A) Nunc autem, lux intelligibilis (cuius invisibilia per ea, quae facta sunt, intellecta conspiciuntur), intelligo, te magistro intimo in schola mei pectoris intime me docente, quod sicut corpus meum, vitam, saporem, gaudium, et dolorem habet a carneo cordis modo, quo separato ab ipso corpore, privatur iis omnibus ipsum corpus; sic, imo veracius atque vivacius, tu es cor et vita animae meae, Deus; qui quandiu ipsam habitas, vita gratiae tuae vivit, gustat spiritualiter dulcia et amara: nam ei dulcescunt coelestia et virtutes, et terrena ac vitia sunt amara. Et etiam quasi unum mystici corporis tui membrum, si prosperitate membrorum aliud gloriatur, congaudet; et si adversitatem patitur, quodam compassionis participio molestatur et dolet: Et sic animam meam sentio cor habere. (0838B) Cum autem propter iniquitates meas ab anima mea fueris separatus, tunc nec vitam, nec saporem, nec gaudium, nec dolorem sentit vel habet super aliquo de promissis, sed velut mortua sine corde in loculo corporis sui iacet, et tunc vere potest dicere cum propheta: Cor meum derelinquit me; et quod facta est quasi columba seducta non habens cor. Et vere miserabiliter seductus est omnis homo, qui propter tanti et talis cordis inopiam animam suam perdit. Nam hoc est pro nihilo, hoc est pro peccato, quod vere nihil est, pro quo nihilo perit cor impii peccatoris.
25. Et heu mihi, domine Deus meus, sine te, per quem omnia facta sunt, a me factum est istud nihil, et pro isto nihilo perii, et ad nihilum redactus sum et nescivi. (0838C) Sed tu, creator omnium Deus, qui de nihilo cuncta creasti, cor mundum crea in anima mea, Deus, ad ipsam in misericordiis revertendo suspirantem et clamantem ad te: Velociter exaudi me, Domine: defecit Spiritus meus; ne avertas ergo aurem tuam a singultu meo, sed propter temetipsum, Deus, et propter nomen sanctum tuum revertere ad animam meam, ut vivat: tu es enim proprie proprium cor ipsius et vita. Ergo misericordissime, secretissime, intime, qui custodis pactum et misericordiam servis tuis; qui promisisti quod dares nobis cor novum, et spiritum novum poneres in medio nostri, si rediremus ad cor; et plantares [cod . plorantes] nos in corde tuo, et in anima tua tota. Da te solum mihi, et te in anima mea planta, et plenus sum. Ego autem praevaricator, ad vocationem tuam redire volo ad cor, hoc est ad te, qui es cor, quo vivit, sapit, gaudet, dolet, scit, intelligit anima mea, Deus. Et hoc est cor mundum, quod ut crees in me, Deus, requiro a te. (0838D) Verumtamen attende, Domine, quod intendo: non est enim intentionis meae, Deus meus, petere a te, qui semper es creans omnia, non creatus, ut te crees in me; cum in tuam aeternam essentiam creatio nulla cadat; sed tuum sanctum Spiritum emittendo in me, qui si charitatem non habuero, nihil sum, me de hoc nihilo crees in te, qui vere es cor animae meae verum et vivum et mundum; et mundum istum ab omnibus inquinamentis suis abluis et emundas: et propter reverentiam tui vitalis et mundi animae cordis, concede mihi per tuam ineffabilem bonitatem, ut cor mundum sincerum et purum ab immundis et vanis et noxiis cogitationibus sic valeam custodire, ut propter munditiam cordis mei te regem gloriae habeam amicum. (Meditatio super Miserere)
Tommaso d'Aquino: Il salmista chiede che sia eliminato l'effetto del peccato, che è duplice: l'inquinamento del cuore e il disordine dell'intenzione. Attaccandosi alle creature e distogliendosi dal suo vero fine, Dio, l'uomo diviene impuro e disordinato. La giustificazione (purificazione e rettificazione) del peccatore è una vera creazione. 
Cor mundum. Supra Psalmista petiit removeri peccatum; hic autem petit removeri effectus peccati, qui sunt duo: scilicet 1. inquinatio animae, et 2. inordinatio affectus. 
1. Primus effectus fit per hoc quod homo afficitur ad terrena: unde petit cordis munditiam: Matth. 5: beati mundo corde, quoniam ipsi Deum videbunt; et ideo dicit, cor mundum crea in me Deus, et spiritum rectum. Istam munditiam cordis solus Deus restituere potest: Job 14: quis potest facere mundum de immundo conceptum semine? Nonne tu quis solus es, scilicet mundus simpliciter. Et dicit, crea. Creatur aliquid ad esse naturae, quando ex nihilo producitur ad esse: Gen. 1: in principio creavit Deus et cetera. Item quando ad esse gratiae producitur: 1 Cor. 23: si habuero prophetiam, et noverim mysteria omnia etc. nihil sum in esse gratiae. Sed quando Deus operatur operatione gratiae in habente gratiam, dicitur magnificare eum. Quando vero de peccatore facit justum, tunc dicitur proprie creare: Eph. 2: ipsius creatura sumus creati in Christo Jesu in operibus bonis: Jac. 1: ut sitis initium aliquod creaturae Dei, scilicet spiritualis ejus. 
2. Secundum quod sequitur ex peccato, est inordinatio mentis, quae fit per aversionem a fine debito. Sicut ergo per conversionem ad aliquod commutabile bonum animus efficitur immundus, ita per aversionem a fine deordinatur; et hujusmodi deordinationi opponitur rectitudo qua homo dirigitur in Deum: Cantic. 1: recti diligunt te: et ideo dicit, et spiritum rectum innova, idest de novo tribuas, quia per peccatum amisi: Ephes. 4: renovamini spiritu mentis vestrae. Et, innova, non exterius, sed, in visceribus meis, ut scilicet non labia tantum ad loquendum, sed cor sit rectum ad cognoscendum. (Super Psalmo 50)

L'eucaristia ci attira verso Cristo (e il Padre), attirandoci al cuore. Memoriale della pasqua in cui Cristo è innalzato nella storia come polo di attrazione del genere umano, in un movimento unico, siamo ad un tempo attratti al nostro cuore e al cuore di Cristo. Attirandomi al suo, Cristo mi attira al mio cuore, perché al cuore del mio cuore c'è il suo. Così il Figlio obbediente innalzato mi ricrea, purificando il cuore dal male e orientandolo stabilmente al bene.




sabato 7 marzo 2015

IV domenica di quaresima, anno B: Salmo 137,5

Ruminare i Salmi - Salmo 137 (Vulgata / liturgia 136),5:

CEI Se mi dimentico di te, Gerusalemme,
si dimentichi di me la mia destra.
NV e V Si oblitus fuero tui, Ierusalem,
oblivioni detur dextera mea.

Efesini 2,4-5 Dio, ricco di misericordia, per il grande amore con il quale ci ha amato, da morti che eravamo per le colpe, ci ha fatto rivivere con Cristo: per grazia siete salvati.
Giovanni 3,14-16 Come Mosè innalzò il serpente nel deserto, così bisogna che sia innalzato il Figlio dell’uomo, perché chiunque crede in lui abbia la vita eterna.
Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito perché chiunque crede in lui non vada perduto, ma abbia la vita eterna.

Bernardo di Clairvaux: A volte ci commuoviamo profondamente al pensiero del gaudio della Gerusalemme celeste. Potesse durare! Ma per molti, che non s'impegnano nella lotta spirituale, si realizza questa terribile parola profetica.
* Numquid non plerumque orantibus nobis omnia viscerum succutiuntur occulta ad memoriam gaudii illius, quod est in Jerusalem quae sursum est, quae est mater nostra; et lacrymarum unda vultus meditantium superfundit? O si duraret! Si oblitus fuero tui, Jerusalem, oblivioni detur dextera mea; adhaereat lingua mea faucibus meis, si non meminero tui, si non proposuero Jerusalem in principio laetitiae meae (Psal. CXXXVI, 5, 6). Vere in principio laetitiae, quia finis illic repositus est. (Sermo XIX. De eisdem verbis apostoli, «Non est regnum Dei esca et potus»,6) 
* Quid nos miseri dormitamus a spirituali studio, quos tam multipliciter insectatur nequitia spiritualis? Et pudor est dicere, et silere prohibet vis doloris. Quantos enim invenire est, fratres, ex his quoque qui in religionis habitu et proposito degunt perfectionis, quos terribilis illa prophetae sententia comprehendisse videtur: Si oblitus fuero tui, Jerusalem, oblivioni detur dextera mea! (Psal. CXXXVI, 5.) (IN PSALMUM XC, QUI HABITAT, SERMO VII. De versu septimo, «Cadent a latere tuo mille, et decem millia a dextris tuis, ad te autem non appropinquabit»,14)

Alberto Magno: L'Eucarestia è memoria della dipartita del Signore: mediante il suo sangue egli è entrato nel santuario celeste. Non possiamo dimenticare questo sangue, che ci ha lasciato per consentirci di entrare a nostra volta.
Est etiam memoriale Domini abeuntis, qui dicit, Joan. XIV,2: Si quominus dixissem vobis: Quia vado parare vobis locum; et ideo eamdem quam pro nobis obtulit, frequentamus hostiam, quia per ipsius sanguinem introivit Jesus pro nobis in sancta, et cum ipso habemus ingressum. (...) Hoc est enim quod nulla umquam delere debet oblivio, quod pro nobis abiit, et sanguinem quo introivit ad hoc quod semper introire possimus, nobis frequentandum in devotione reliquit. Psal. CXXXVI,5: Si oblitus fuero tui, Jerusalem, etc. (De Corpore Domini, dist. 2, tract. 2, cap. 4)

Liturgia: Tu hai stabilito per i tuoi figli un tempo di rinnovamento spirituale perchè si convertano a te con tutto il cuore, e liberi dai fermenti del peccato vivano le vicende di questo mondo sempre orientati verso i beni eterni.

L'Eucarestia è memoriale perenne della salvezza offerta a noi gratuitamente in Cristo Gesù, che avrà la sua piena realizzazione nella Gerusalemme celeste, verso la quale siamo in cammino.


domenica 1 marzo 2015

III domenica di quaresima, anno B: Salmo 19,9

Ruminare i Salmi - Salmo 19 (Vulgata / liturgia 18),9:

CEI I precetti del Signore sono retti, fanno gioire il cuore;
il comando del Signore è limpido, illumina gli occhi.
TILC I precetti del Signore sono giusti: riempiono di gioia.
Gli ordini del Signore sono chiari: aprono gli occhi.
NV e V Iustitiae Domini rectae, laetificantes corda,
praeceptum Domini lucidum, illuminans oculos.

1Corinzi 1,22-24 Mentre i Giudei chiedono segni e i Greci cercano sapienza, noi invece annunciamo Cristo crocifisso: scandalo per i Giudei e stoltezza per i pagani; ma per coloro che sono chiamati, sia Giudei che Greci, Cristo è potenza di Dio e sapienza di Dio.
Giovanni 2,18-19.21-22 I Giudei presero la parola e gli dissero: «Quale segno ci mostri per fare queste cose?». Rispose loro Gesù: «Distruggete questo tempio e in tre giorni lo farò risorgere». ... Egli parlava del tempio del suo corpo. Quando poi fu risuscitato dai morti, i suoi discepoli si ricordarono che aveva detto questo, e credettero alla Scrittura e alla parola detta da Gesù.

Bernardo di Clairvaux: Chi segue la Parola fatta carne, ha la luce della vita; chi cammina nelle tenebre, soggiace al loro potere.
Non fames panis, neque sitis aquae, sed audiendi verbum Dei, compellit multos intrare Aegyptum. Hoc verbum Dei est lux vera, quae illuminat omnem hominem venientem in hunc mundum (Joan. I,9). Unde Psalmista: Praeceptum Domini lucidum, illuminans oculos (Psal. XVIII,9). Qui hanc lucem sequitur, non ambulat in tenebris, sed habet lumen vitae. De luce praeceptorum transitur ad lumen praemiorum. Qui huius divini verbi patitur egestatem, cogitur intrare Aegyptum, id est tenebras. Involvitur enim tenebris ignorantiae, et subiacet dominio Pharaonis, id est diaboli, qui princeps es Aegypti, hoc est tenebrarum. (Sermo LXXI. Servitutis Aegyptiacae cum servitute diaboli comparatio,2)
Tommaso d'Aquino: Il comando divino illumina gli occhi distogliendo da cupidigie e passioni, che ottenebrano gli occhi.
Dicitur enim praeceptum quasi 'praecise ceptum', scilicet ad agendum: quasi quod praecise teneamur illud agere: ideo tale praeceptum est: illuminans oculos, scilicet rationis, qui oculi tenebrescunt per cupiditatem exteriorum et concupiscentias interiorum passionum: et hoc removet praeceptum Domini, et ideo illuminans oculos. (In ps. XVIII)
Alfonso M. de' Liguori: Le giustizie, cioè i comandamenti del Signore sono retti e rallegrano i cuori de' fedeli; eglino sono lucidi, cioè pieni di luce divina, ed illuminano le menti. Le menti sono gli occhi delle anime. (Traduzione de' Salmi e de' Cantici)

La partecipazione al mistero pasquale - che è la volontà di Dio su di me - è per me potenza e sapienza, luce e gioia; oppure scandalo, stoltezza, tenebra e lutto?