sabato 7 marzo 2015

IV domenica di quaresima, anno B: Salmo 137,5

Ruminare i Salmi - Salmo 137 (Vulgata / liturgia 136),5:

CEI Se mi dimentico di te, Gerusalemme,
si dimentichi di me la mia destra.
NV e V Si oblitus fuero tui, Ierusalem,
oblivioni detur dextera mea.

Efesini 2,4-5 Dio, ricco di misericordia, per il grande amore con il quale ci ha amato, da morti che eravamo per le colpe, ci ha fatto rivivere con Cristo: per grazia siete salvati.
Giovanni 3,14-16 Come Mosè innalzò il serpente nel deserto, così bisogna che sia innalzato il Figlio dell’uomo, perché chiunque crede in lui abbia la vita eterna.
Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito perché chiunque crede in lui non vada perduto, ma abbia la vita eterna.

Bernardo di Clairvaux: A volte ci commuoviamo profondamente al pensiero del gaudio della Gerusalemme celeste. Potesse durare! Ma per molti, che non s'impegnano nella lotta spirituale, si realizza questa terribile parola profetica.
* Numquid non plerumque orantibus nobis omnia viscerum succutiuntur occulta ad memoriam gaudii illius, quod est in Jerusalem quae sursum est, quae est mater nostra; et lacrymarum unda vultus meditantium superfundit? O si duraret! Si oblitus fuero tui, Jerusalem, oblivioni detur dextera mea; adhaereat lingua mea faucibus meis, si non meminero tui, si non proposuero Jerusalem in principio laetitiae meae (Psal. CXXXVI, 5, 6). Vere in principio laetitiae, quia finis illic repositus est. (Sermo XIX. De eisdem verbis apostoli, «Non est regnum Dei esca et potus»,6) 
* Quid nos miseri dormitamus a spirituali studio, quos tam multipliciter insectatur nequitia spiritualis? Et pudor est dicere, et silere prohibet vis doloris. Quantos enim invenire est, fratres, ex his quoque qui in religionis habitu et proposito degunt perfectionis, quos terribilis illa prophetae sententia comprehendisse videtur: Si oblitus fuero tui, Jerusalem, oblivioni detur dextera mea! (Psal. CXXXVI, 5.) (IN PSALMUM XC, QUI HABITAT, SERMO VII. De versu septimo, «Cadent a latere tuo mille, et decem millia a dextris tuis, ad te autem non appropinquabit»,14)

Alberto Magno: L'Eucarestia è memoria della dipartita del Signore: mediante il suo sangue egli è entrato nel santuario celeste. Non possiamo dimenticare questo sangue, che ci ha lasciato per consentirci di entrare a nostra volta.
Est etiam memoriale Domini abeuntis, qui dicit, Joan. XIV,2: Si quominus dixissem vobis: Quia vado parare vobis locum; et ideo eamdem quam pro nobis obtulit, frequentamus hostiam, quia per ipsius sanguinem introivit Jesus pro nobis in sancta, et cum ipso habemus ingressum. (...) Hoc est enim quod nulla umquam delere debet oblivio, quod pro nobis abiit, et sanguinem quo introivit ad hoc quod semper introire possimus, nobis frequentandum in devotione reliquit. Psal. CXXXVI,5: Si oblitus fuero tui, Jerusalem, etc. (De Corpore Domini, dist. 2, tract. 2, cap. 4)

Liturgia: Tu hai stabilito per i tuoi figli un tempo di rinnovamento spirituale perchè si convertano a te con tutto il cuore, e liberi dai fermenti del peccato vivano le vicende di questo mondo sempre orientati verso i beni eterni.

L'Eucarestia è memoriale perenne della salvezza offerta a noi gratuitamente in Cristo Gesù, che avrà la sua piena realizzazione nella Gerusalemme celeste, verso la quale siamo in cammino.


Nessun commento:

Posta un commento