sabato 31 gennaio 2015

V domenica del tempo ordinario, anno B: Salmo 147,3

Ruminare i Salmi - Salmo 147 (Vulgata / liturgia 146),3:

CEI Risana i cuori affranti
e fascia le loro ferite.
TILC Rianima il cuore spezzato
e cura le loro ferite.
NV Qui sanat contritos corde
et alligat plagas eorum.
V qui sanat contritos corde,
et alligat contritiones eorum.

1Cor 9,22 Mi sono fatto debole per i deboli, per guadagnare i deboli; mi sono fatto tutto per tutti, per salvare a ogni costo qualcuno.
Mc 1,32-34 Venuta la sera, dopo il tramonto del sole, gli portavano tutti i malati e gli indemoniati. Tutta la città era riunita davanti alla porta. Guarì molti che erano affetti da varie malattie e scacciò molti demòni

Ilario: Mediante l'Evangelo, la vittoria sulla morte è annunziata e già iniziata, non ancora completamente compiuta.
Tenet deinde ordinem competentem, dicens: Qui sanat contritos corde, et alligat contritiones eorum. Congregato enim Israel, et in unam quae aedificatur civitatem collecto, omnes humanae infirmitates et labes corporeae auferentur. Absorpta enim corruptione, et omnibus humanae naturae vitiis devoratis, incorruptio aeterna et in nullis anxietatum mortibus conterenda succedet. Venit enim Dominus, secundum Evangelia, sanare contritos corde, praedicare captivis remissionem et caecis visum, dimittere confractos in requiem, praedicare annum Domini acceptum, et diem retributionis (Lc IV, 18, 19). Et haec quidem pro parte jam coepta sunt; quia per speculum et in aenigmate et in imagine futurorum secundum Apostolum demoramur (1Co XIII, 12). Sed tamen nondum nobis ejus temporis fructus est, quo secundum prophetam dicere adepta spei consummatione possimus, Convertere anima mea in requiem tuam: quia Dominus benefecit tibi. Quia eripuit animam meam de morte, oculos meos a lacrymis, pedes meos a lapsu, placebo Domino in regione vivorum (Ps CXIV, 7 et seqq.). Sanata enim omni cordis contritione, et ne perpetuo rursum subeat alligata, his omnibus humanarum passionum infirmitatibus liberati, placebimus Deo in regione vivorum, anima nostra in requiem suam, ex qua per transgressionem primi parentis sui Adae ejecta est, revertente (V. Tract. Ps. CXLV, n. 2).

Cassiodoro: Il Medico celeste fascia con la sua misericordia i cuori contriti dalla penitenza, consolidandoli con una fermissima speranza di salvezza.
Qui sanat contritos corde, qui alligat contritiones eorum. Mirabile genus curationis edicitur, ut si restaurari volumus, nosmetipsos vivacissime conteramus. Sed ista contritio ad redintegrationem pertinet, ad soliditatem deducit; et quod supra omne bonum est, illum medicum introducit, qui aeternam tribuit sospitatem. Sequitur, qui alligat contritiones eorum. Metaphora ab artificibus medendi, qui ossa fracta atque contrita quando solidare cupiunt, linteorum illigatione constringunt, ut in soliditatem pristinam ad locum suum redeuntia membra coalescant. Sic coelestis medicus poenitentium corda gravi afflictione contrita, quasi quadam fascia pietatis suae superducta constringit atque consolidat, et ad firmissimam spem sanitatis adducit, sicut et in quinquagesimo psalmo dictum est: Cor contritum et humiliatum Deus non spernit [Psal. L, 19]. Nam et ille publicanus qui pectus suum assidua percussione tundebat [Luc. XVIII, 13], ipsam in se contritionem probatus est effecisse, quam reo pectori non desinebat ingerere.

Liturgia: Ancora oggi, come buon samaritano, (Cristo) viene accanto ad ogni uomo piagato nel corpo e nello spirito e versa sulle sue ferite l'olio della consolazione e il vino della speranza (Prefazio comune VIII).

In Gesù, Dio si è fatto debole con noi deboli, per renderci partecipi della sua vita immortale.


domenica 25 gennaio 2015

IV domenica del tempo ordinario, anno B: Salmo 95,6

Ruminare i Salmi - Salmo 95 (Vulgata / liturgia 94),6:

CEI Entrate: prostràti, adoriamo,
in ginocchio davanti al Signore (che ci ha fatti).
TILC Venite, in ginocchio adoriamo,
inchiniamoci al Dio (che ci ha creati).
NV Venite, adoremus et procidamus
et genua flectamus ante Dominum, qui fecit nos.
V Venite, adoremus, et procidamus,
et ploremus ante Dominum qui fecit nos.

1Corinzi 7,32 Chi non è sposato si preoccupa delle cose del Signore, come possa piacere al Signore.
Marco 1,27 «Che è mai questo? Un insegnamento nuovo, dato con autorità. Comanda persino agli spiriti impuri e gli obbediscono!».

Ambrogio: Durante la trasfigurazione, gli Apostoli cadono faccia a terra di fronte alla gloria del volto di Cristo, esclamando: 'Venite, prostràti, adoriamo, in ginocchio davanti a lui'.
Nempe hanc claritatem viderunt apostoli, cum Dominus Iesus divinitatis suae luce in monte fulgeret: Viderunt, inquit, apostoli, et in faciem prociderunt (Matth. XVII,6) . Putasne illos vel cum prociderent, adorasse; cum fulgorem divini luminis corporalibus oculis sustinere non possent, et splendor lucis aeternae aciem visus mortalis obduceret? Aut quid aliud tunc temporis dixerunt illi videntes gloriam eius, nisi: Venite adoremus, et procidamus ante eum (Psal. XCIV,6)? Illuxit enim Deus in cordibus nostris ad illuminationem scientiae claritatis Dei in facie Iesu Christi (II Cor. IV,6). (De Spiritu Sancto III,12,87)
Pietro Crisòlogo: Chi non prega, si espone alla tentazione. Lo sapeva il profeta che cantava: 'Venite, in ginocchio adoriamo, inchiniamoci al Dio che ci ha creati'.
Audiamus vocem Dei monentem: Orate, ne intretis in tentationem. In tentationem vadit, qui ad orationem non vadit. Hoc sciens propheta, cantabat: Venite adoremus, et procidamus ante eum; et ploremus coram Domino qui fecit nos. (Sermo XLIII)

Prostrandoci a Cristo, unico maestro di sapienza e liberatore dalle potenze del male, e volendo piacere a lui solo, siamo liberati da falsi maestri e poteri tenebrosi.


domenica 18 gennaio 2015

III domenica del tempo ordinario, anno B: Salmo 25,4

Ruminare i Salmi - Salmo 25 (Vulgata / liturgia 24),4:

CEI Fammi conoscere, Signore, le tue vie,
insegnami i tuoi sentieri.
TILC Fammi conoscere le tue vie, Signore;
insegnami il cammino da seguire.
NV e V Vias tuas, Domine, demonstra mihi
et semitas tuas edoce me.

1Corinzi 7,29 Questo vi dico, fratelli: il tempo si è fatto breve.
Marco 1,16-20 Passando lungo il mare di Galilea, vide Simone e Andrea, fratello di Simone, mentre gettavano le reti in mare; erano infatti pescatori. Gesù disse loro: «Venite dietro a me, vi farò diventare pescatori di uomini». E subito lasciarono le reti e lo seguirono.
Andando un poco oltre, vide Giacomo, figlio di Zebedèo, e Giovanni suo fratello, mentre anch’essi nella barca riparavano le reti. E subito li chiamò. Ed essi lasciarono il loro padre Zebedèo nella barca con i garzoni e andarono dietro a lui.

Cassiano: Gli uomini spirituali, anche quando si tratta della scienza della legge di Dio, non dicono di poterla acquistare con lo studio e la lettura, ma l'aspettano dal magistero e dall'illuminazione di Dio, al quale rivolgono ogni giorno questa preghiera: "Fammi conoscere, Signore, le tue vie, insegnami i tuoi sentieri".
Collationes III,14. Legis quoque ipsius scientiam non lectionis industria, sed magisterio et illuminatione Dei quotidie desiderant adipisci, dicentes ad eum: Vias tuas, Domine, demonstra mihi, et semitas tuas edoce me (Psal. XXIV). Et, Revela oculos meos, et considerabo mirabilia de lege tua (Psal. XVIII). Et, Doce me facere voluntatem tuam, quia Deus meus es tu (Psal. CXLVI). Et iterum: Qui doces hominem scientiam (Psal. XCIII).

Pietro di Celle: Non smettere mai di cercare, non smettere mai di amare; come un grande bevitore, che più beve e più vuole bere, dici alla Sapienza: "Fammi conoscere le tue vie, insegnami il cammino da seguire".
Si omnis anima undecunque vires ingenii sui, quasi in funiculo beatae sollicitudinis colligaret, et ad unam quaerendi Dominum occupationem cogeret, seu colligeret; nunquid vel sic sapientiam Dei praecedentem omnia investigaret? O misera et insipiens anima, quare argentum tuum expendis, non in panibus; et laborem tuum, non in saturitate? Cur te evisceras in vanitates et insanias falsas, vana mundi lucra sectando; philosophica ingenia admirando, poetica figmenta legendo; et evangelica Dei negligendo, legemque praevaricando? Dic potius Domino: Legem pone mihi, Domine, viam iustificationum tuarum; et exquiram eam semper (Psal. CXVIII,33); ut nunquam desistas quaerere, nunquam desinas amare, quasi ardentissimus potator, qui quo amplius biberit, vehementius ad pocula recurrit. Dic Sapientiae: Vias tuas demonstra mihi, et semitas tuas edoce me (Psal. XXIV,4). (Sermo XII., In Nativitate Domini V.)

Il tempo che ci rimane è poco: impieghiamo ogni risorsa ed energia per seguire il Signore!



domenica 11 gennaio 2015

II domenica del tempo ordinario, anno B: Salmo 40,7-8

Ruminare i Salmi - Salmo 40 (Vulgata / liturgia 39),7-8:

CEI Non hai chiesto olocausto né (sacrificio per il) peccato.
Allora ho detto: «Ecco, io vengo».
TILC Non hai chiesto di bruciare animali sull'altare,
o di offrire sacrifici per togliere i peccati.
Allora ho detto: 'Ecco, io vengo'.
NV e V Holocaustum et pro peccato non postulasti,
tunc dixi: 'Ecce venio'.

1Corinzi 6,19-20 Non sapete che il vostro corpo è tempio dello Spirito Santo, che è in voi? Lo avete ricevuto da Dio e voi non appartenete a voi stessi. Infatti siete stati comprati a caro prezzo: glorificate dunque Dio nel vostro corpo!
Giovanni 1,35 Giovanni stava con due dei suoi discepoli e, fissando lo sguardo su Gesù che passava, disse: «Ecco l’agnello di Dio!». E i suoi due discepoli, sentendolo parlare così, seguirono Gesù.

Alberto Magno: I sacrifici imperfetti dell'Antica Alleanza cessano confluendo nell'eucarestia, sacrificio dell'Agnello senza macchia, liberamente offertosi per riconciliarci con Dio. L'amore fraterno vale, infatti, più di ogni sacrificio.

De Corpore Domini, dist. 1, cap. 2
Propter hoc enim etiam in ipso sacramento sacrificium placationis posuit, ut si quid esset quod nos ab ipso disjungeret, merito sacrificii illius purgaretur : sic enim dicitur in Psalmo XXXIX, 7 et seq. : Sacrificium et oblationem noluisti : aures autem perfecisti mihi. Holocaustum et pro peccato non postulasti : tunc dixi : Ecce venio. In capite libri scriptum est de me, ut facerem voluntatem tuam. Deus meus, volui, etc. Quia enim Deus nullum priscae legis sacrificium acceptavit in quo peccata remitteret, ideo Christo aptavit corpus conjunctum et unitum divinitati, in quo sacrificio placatus nobis de omnibus efficeretur peccatis : et quia holocaustum animalium et sanguinem animalium pro peccato sibi oblatorum nec voluit nec debuit acceptare pro peccati satisfactione, ideo ex voluntate venit Christus, ut voluntate devotae obedientiae Patris perficeret voluntatem, se offerendo ut nobis omnibus in suo sanguine placationem inveniret. Hoc igitur est quod quotidie devotamus ad aram Agnum sine macula mysterialiter mactando, ut in placabili voluntate qua hanc gratiam pro nobis invenit Deus, Deum placatum nobis esse faciamus. 

De Corpore Domini, dist. 5, cap. 4
His et similibus de causis nullum umquam sacrificium perfecte Deo placuit, nisi istud. Isa. I, 11 : Quo mihi multitudinem victimarum vestrarum, dicit Dominus ? Plenus sum. Holocausta arietum, et adipem pinguium, et sanguinem vitulorum, et agnorum, et hircorum, nolui. Glossa Interlinearis dicit ibidem : "Numquam volui." Psal. XXXIX, 7 et seq. : Sacrificium et oblationem noluisti, aures, obedientiae scilicet, perfecisti mihi. Holocaustum et pro peccato non postulasti : tunc dixi : Ecce venio. In capite libri scriptum est de me, ut facerem voluntatem tuam. Deus meus, volui, etc. Ac si dicat : Illa propter imperfectionem suam non placent quae secundum legem offeruntur : et ideo ego aures patulas habens ad obediendum in corpore quod tu aptasti mihi animatum et deitati unitum, venio in sacrificio mei corporis et sanguinis, totam tuam, o Pater, voluntatem in sanctificando homines et satisfaciendo pro ipsis perficiens, ut omnia vetera imperfecta in usum hujus efficacis sacrificii commutentur. 

Super Sententiarum, Lib. III, dist. 18, art. 14
DICENDUM ergo ad primum secundum Anselmum, quod Pater non sitivit Filii sanguinem, nec crudelis fuit in eum : sed cum justitiam suam negare non posset, et vinceretur misericordia humanae redemptionis, Filium voluntarie se offerentem ad satisfaciendum dedit homini, ut satisfaceret pro ipso, sicut dicitur, Joan. iii, 16 : Sic Deus dilexit mundum, ut Filium suum unigenitum daret : ut omnis qui credit in eum non pereat, sed habeat vitam aeternam. Quod autem Filius sic propria voluntate se obtulit, probatur ex Psal. xxxix, 7 et seq., ubi dicitur : Holocaustum et pro peccato non postulasti : tunc dixi : Ecce venio. In capite libri scriptum est de me, ut facerem voluntatem tuam. Deus meus, volui, etc.

Super Marcum, in cap. 12, v. 31-34
"Et diligere proximum tamquam seipsum," secundo loco, "majus est omnibus holocautomatibus," quae tota incendebantur. Isa. I, 11 et 12: Adipem pinguium et sanguinem vitulorum nolui: quis quaesivit haec de manibus vestris, ut ambularetis in atriis meis? Psal. XXXIX, 7 et 8: Holocaustum et pro peccato non postulasti: tunc dixi: Ecce venio. 
"Et sacrificiis," quae non tota incendebantur. Deuter. X, 12: Et nunc, Israel, quid Dominus Deus tuus petit a te, nisi ut diligas eum ex toto corde tuo?

L'amore totale di Cristo ci attrae e c'induce a rinunziare a nostra volta all'autosufficienza per fare di noi stessi e della nostra vita un'offerta per la gloria di Dio.


venerdì 2 gennaio 2015

Battesimo del Signore, anno B: Isaia 12,3

Ruminare i Salmi - Isaia 12,3:

CEI Attingerete acqua con gioia
alle sorgenti della salvezza.
TILC Come l'acqua fresca ristora chi ha sete,
così la tua salvezza dà gioia al tuo popolo.
NV Haurietis aquas in gaudio de fontibus salutis.
V Haurietis aquas in gaudio de fontibus salvatoris.

1Giovanni 5,4-6 Chiunque è stato generato da Dio vince il mondo; e questa è la vittoria che ha vinto il mondo: la nostra fede. E chi è che vince il mondo se non chi crede che Gesù è il Figlio di Dio? Egli è colui che è venuto con acqua e sangue, Gesù Cristo; non con l’acqua soltanto, ma con l’acqua e con il sangue. Ed è lo Spirito che dà testimonianza, perché lo Spirito è la verità.
Marco 1,7-10 Giovanni proclamava: «Viene dopo di me colui che è più forte di me: io non sono degno di chinarmi per slegare i lacci dei suoi sandali. Io vi ho battezzato con acqua, ma egli vi battezzerà in Spirito Santo». Ed ecco, in quei giorni, Gesù venne da Nàzaret di Galilea e fu battezzato nel Giordano da Giovanni. E, subito, uscendo dall’acqua, vide squarciarsi i cieli e lo Spirito discendere verso di lui come una colomba.

Bernardo di Clairvaux: "Haurietis aquas in gaudio de fontibus Salvatoris" (Isa. XII,3). Pro paradiso quem perdidimus, restitutus est nobis Christus Salvator. Sicut ergo de uno fonte paradisi derivantur quatuor flumina ad irrigandum paradisum: ita de pectoris ejus arcano procedunt quatuor fontes, ex quibus hauriuntur quatuor aquarum genera, unde tota per universum mundum rigatur Ecclesia. Sunt autem quatuor fontes, veritas, sapientia, virtus et charitas. Ex his ergo fontibus hauriuntur aquae, ex singulis scilicet singulae. Nam de fonte veritatis, sumuntur aquae 0720A judiciorum; de fonte sapientiae, aquae consiliorum; de fonte virtutis, aquae praesidiorum; de fonte charitatis, aquae desideriorum. (Sermo XCVI. De quatuor fontibus Salvatoris, et aquis inde hauriendis,1)

Alberto MagnoSuper Marcum, in cap.1, v. 9
Ecce perfectio sanctitatis et consummatio. Baptizatus enim tetigit aquam secundum quod est aqua baptismatis. Nec etiam aqua aliter habet vim regenerativam, nisi secundum quod est materia baptismatis. Et hoc notat verbum passivum baptizatus est : quod est suppletio verbi passivi. Patiens autem sic agit in id a quo patitur. Tactus enim ab aqua, infundit aquae vim regenerationis. /355b/Unde, Isa. xii, 3 : Haurietis aquas in gaudio de fontibus salvatoris. IV Reg. ii, 21 : Sanavi aquas has, et non erit ultra in eis mors, neque sterilitas.

Alberto Magno, Super Iohannem, in cap.7, v. 37
"Et bibat" abundanter. Isa. xii, 3 : Haurietis aquas in gaudio de fontibus Salvatoris, in restrictionem sitis, in ablutionem sordis, in refrigerium fomitis. De primo, Joan. lv, 13 : Qui biberit ex aqua quam ego dabo ei, non sitiet in aeternum. Quia non ulterius praeter Deum aliquid desiderabit. De secundo, IV Regum, v, 10 : Lavare septies in Jordane, et recipiet sanitatem caro tua, atque mundaberis. De tertio, in Psalmo xli, 2 : Quemadmodum desiderat caro tua ad fontes aquarum. Cervus enim in aquis quaerit refrigerium.

Alfonso M. de' Liguori, MEDITAZIONE XVI. - Haurietis aquas in gaudio de fontibus Salvatoris.
Considera i quattro fonti di grazie che noi abbiamo in Gesù Cristo, contemplati da S. Bernardo.
- Il primo fonte è di misericordia, in cui noi possiamo lavarci di tutte le sozzure de' nostri peccati. Questo fonte fu per noi formato dal Redentore colle sue lagrime e col suo sangue: Dilexit nos et lavit nos a peccatis nostris in sanguine suo (Ap. I, 5).
- Il secondo fonte è di pace e consolazione nelle nostre tribolazioni: Invoca me, dice Gesù Cristo, in die tribulationis (Ps. XLIX, 15), ed io ti consolerò. Qui sitit veniat ad me (Io. VII. 37). Chi ha sete delle vere consolazioni, anche in questa terra, venga da me, ch'io lo farò contento. Chi prova l'acque del mio amore, sdegnerà per sempre tutte le delizie del mondo: Qui autem biberit ex aqua quam ego dabo ei, non sitiet in aeternum (Io. IV, 13). E pienamente contento poi sarà quando entrerà nel regno de' beati; poiché l'acqua della mia grazia dalla terra lo solleverà al cielo: Fiet in eo fons aquae salientis in vitam aeternam (Io. IV, 14). La pace che Dio dona alle anime che l'amano non è la pace che promette il mondo nei piaceri sensuali, che lasciano poi nell'anima più amarezza che pace; la pace che dona Dio avanza tutti i diletti de' sensi: Pax Dei quae exsuperat omnem sensum. Beati coloro che desiderano questa fonte divina! Beati qui esuriunt et sitiunt iustitiam (Matth. V, 6).
- Il terzo fonte è di divozione. Oh come si rende divoto e pronto ad eseguire le divine voci e cresce sempre nelle virtù chi spesso medita quanto ha fatto Gesù Cristo per nostro amore! Egli sarà come l'albero piantato alla corrente dell'acque: Erit tamquam lignum quod plantatum est secus decursus aquarum (Ps. I, 3).
- Il quarto fonte è d'amore: In meditatione mea exardescet ignis (Ps. XXXVIII, 4). Chi medita i patimenti e l'ignominie di Gesù Cristo sofferte per amor nostro, non è possibile che non sentasi infiammato da quel beato fuoco ch'egli è venuto ad accendere in terra. Con ciò si rende troppo vero che chi si avvale di queste beate fonti che noi abbiamo in Gesù Cristo, ne trarrà sempre acque di gaudio e di salute: Haurietis aquas in gaudio de fontibus Salvatoris. (Meditaz. per li giorni dell'Avvento, 16)