domenica 22 marzo 2015

Venerdi Santo: Salmo 31,6

Ruminare i Salmi - Salmo 31 (Vulgata / liturgia 30),6:

Sal 31 (30),6 Alle tue mani affido il mio spirito.
NV e V In manus tuas commendo spiritum meum.
Lc 23,46 Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito.

Ebrei 4,15-16 Non abbiamo un sommo sacerdote che non sappia prendere parte alle nostre debolezze: egli stesso è stato messo alla prova in ogni cosa come noi, escluso il peccato.
Accostiamoci dunque con piena fiducia al trono della grazia per ricevere misericordia e trovare grazia, così da essere aiutati al momento opportuno.
Giovanni 19,30 Dopo aver preso l’aceto, Gesù disse: «È compiuto!». E, chinato il capo, consegnò lo spirito.

Bernardo di Clairvaux: Il fratello Gerardo, monaco anche lui, oramai sul punto di morire, dice: "Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito"; poi, dopo aver più volte ripetuto la parola "Padre", esclama: "Essere padre degli uomini, che gran benevolenza da parte di Dio! Essere figli di Dio e suoi eredi, che gloria per gli uomini!".
Utinam non te amiserim, sed praemiserim! utinam vel tarde aliquando sequar te quocunque ieris! Non enim dubium quin ad illos ieris, quos circa medium extremae noctis tuae invitabas ad laudem, cum in vultu et voce exsultationis subito erupisti in illud Davidicum, stupentibus qui assistebant: Laudate Dominum de coelis, laudate eum in excelsis (Psal. CXLVIII, 1). Jam tibi, frater mi, nocte adhuc media diescebat, et nox sicut dies illuminabatur Prorsus illa nox illuminatio tua in deliciis tuis. Accitus sum ego ad id miraculi, videre exsultantem in morte hominem, et insultantem morti. Ubi est, mors, victoria tua? ubi est, mors, stimulus tuus? Jam non stimulus, sed jubilus. Jam cantando moritur homo, et moriendo cantat. Usurparis ad laetitiam, mater moeroris; usurparis ad gloriam, gloriae inimica; usurparis ad introitum regni, porta inferi; et fovea perditionis, ad inventionem salutis: idque ab homine peccatore. Juste nimirum, quia tu inique in hominem innocentem et justum potestatem temeraria usurpasti. Mortua es, o mors, et perforata hamo quem incauta glutiisti, cujus illa vox est in propheta: O mors, ero mors tua; morsus tuus ero, inferne (Ose. XIII, 14). Illo, inquam, hamo perforata, transeuntibus per medium tui fidelibus latum laetumque exitum pandis ad vitam. Girardus te non formidat, larvalis effigies. Girardus per medias fauces tuas transit ad patriam, non modo securus, sed et laetabundus et laudans. Cum ergo supervenissem, et extrema jam psalmi, me audiente, clara voce complesset, suspiciens in coelum, ait: Pater, in manus tuas commendo spiritum meum (Luc. XXIII, 46). Et repetens eumdem sermonem, ac frequenter ingeminans: Pater, Pater, conversus ad me, exhilarata quidem facie: «Quanta,» inquit, «dignatio Dei, patrem hominum esse! quanta hominum gloria, Dei filios Dei esse et haeredes! Nam si filii, et haeredes.» Sic cantabat quem nos lugemus: in quo et meum, fateor, luctum pene in cantum convertit, dum intentus gloriae ejus, propriae fere miseriae obliviscor. (In Cantica Canticorum XXVI,11)

Alfonso Maria de' Liguori: 'Pater, in manus tuas commendo spiritum meum'. Queste parole proferite da Gesù Cristo in croce, stando vicino alla morte, apportano gran sollievo a' moribondi che si trovano in quell'ultimo combattimento coll'inferno, e stanno per passare all'eternità. Amato mio Gesù, io non voglio aspettare il punto della mia morte per raccomandarvi l'anima mia: da ora ve la raccomando; per quel sangue che avete sparso per me, non permettete che ella abbia a separarsi da voi. (Dolce trattenimento delle anime amanti di Dio a vista di Gesù crocifisso)

Prima di porvi a dormire, dite: 'In manus tuas, Domine, commendo spiritum meum', intendendo che tutt'i vostri respiri dormendo sieno atti d'amor di Dio, e l'ultime parole sieno: Gesù mio, voi solo voglio, e niente più. (La vera Sposa di Gesù Cristo,VII,3)

Affidiamo la nostra vita nelle mani di colui che ha affidato la sua alle mani del Padre, e in questo (duplice) movimento riceviamo il suo Spirito, che - con lui - ci fa figli ed eredi.


Nessun commento:

Posta un commento