sabato 18 aprile 2015

IV domenica di Pasqua, anno B: Salmo 118,8

Ruminare i Salmi - Salmo 118 (Vulgata / liturgia 117),8:

CEI È meglio rifugiarsi nel Signore
che confidare nell’uomo.
TILC È meglio rifugiarsi nel Signore
che contare sull'uomo.
NV Bonum est confugere ad Dominum
quam confidere in homine.
V Bonum est confidere in Domino,
quam confidere in homine

Atti 4,12 In nessun altro c’è salvezza; non vi è infatti, sotto il cielo, altro nome dato agli uomini, nel quale è stabilito che noi siamo salvati.
Giovanni 10,17-18 Per questo il Padre mi ama: perché io do la mia vita, per poi riprenderla di nuovo. Nessuno me la toglie: io la do da me stesso. Ho il potere di darla e il potere di riprenderla di nuovo. Questo è il comando che ho ricevuto dal Padre mio.

Bruno di Segni: Il peccato non sta nel cercare aiuto da uomini, ma nel farlo riponendo in esso tutta la speranza, credendo di non poter avere altro aiuto. Spesso Dio aiuta quando si è persa la speranza nei mezzi umani.
Non est autem peccatum auxilium hominum quaerere, sed ita quaerere, ut totam spem in eorum auxilio ponat, et sine eorum auxiliis de suis necessitatibus se homo liberari posse diffidat, magnum peccatum est. Tunc enim suum auxilium fidelibus suis praestare Dominus solet, quando de hominum auxilio desperant. (Expositio in Ps. CXVII)

Guerrico d'Igny: Getto ogni preoccupazione su colui che è potente, sapiente, amante; così sono più sicuro di quando sono io a preoccuparmi di me stesso. Grande e bella pace, abitare al riparo dell'Altissimo!
Diligam te, Domine, propugnator potens, gubernator prudens, consolator clemens, remunerator affluens. Securus in eum projicio omnem sollicitudinem meam, cujus nec potentia vinci, nec sapientia falli, nec benevolentia potest fatigari quominus expleat omnem indigentiam meam. Quam satius, quam securius est ipsum esse sollicitum, quam me ipsum pro me! quam bonum est confidere in Domino, quam in homine! quam jure maledictus qui confidit in homine, carnem ponit brachium suum, et recedit a Domino cor ejus! (Jerem. XVII,5.) et quidem egenus et pauper ego sum; sed si Dominus sollicitus est mei, dives sum, beatus sum; cui nimirum omnia cooperantur in bonum. Sperent igitur in te qui noverunt nomen tuum, quoniam non derelinquis sperantes in te, Domine (Psal. IX,11); sedeatque populus tuus, sicut scriptum est, in pulchritudine pacis, in tabernaculis fiduciae, in requie opulenta, in securitate sempiterna (Isai. XXXII, 18,17). Omnino pulchra pax et securitas sempiterna, habitare in adjutorio Altissimi, in protectione Dei coeli commorari. (In Festo Sancti Benedicti Sermo II, De fiducia in Deum, 3)
Vedi pure qui.


Nessun commento:

Posta un commento