sabato 9 maggio 2015

Ascensione del Signore, anno B: Salmo 47,3

Ruminare i Salmi - Salmo 47 (Vulgata / liturgia 46),3:

CEI Terribile è il Signore, l'Altissimo,
grande re su tutta la terra.
NV Dominus Altissimus, terribilis,
rex magnus super omnem terram.
V Dominus excelsus, terribilis,
rex magnus super omnem terram

Efesini 4,10-12 Colui che discese è lo stesso che anche ascese al di sopra di tutti i cieli, per essere pienezza di tutte le cose. Egli ha dato ad alcuni di essere apostoli, ad altri di essere profeti, ad altri ancora di essere evangelisti, ad altri di essere pastori e maestri, per preparare i fratelli a compiere il ministero, allo scopo di edificare il corpo di Cristo.
Marco 16,19-20 Il Signore Gesù, dopo aver parlato con loro, fu elevato in cielo e sedette alla destra di Dio. Allora essi partirono e predicarono dappertutto, mentre il Signore agiva insieme con loro e confermava la Parola con i segni che la accompagnavano.

Ruperto di Deutz: Ecce rex tuus venit tibi mansuetus, cedens super asinam. Si intellexeris, venit tibi; si non intellexeris, veniet contra te, id est, si intellexeris, veniet ut salvet te, et sub pedibus tuis subiget gentes, ut gaudens per Prophetam dicas: Quoniam Deus excelsus terribilis, et rex magnus super omnem terram subiecit populos nobis, et gentes sub pedibus nostris; elegit nos haereditatem sibi speciem Iacob quem dilexit (Psal. XLVI). Si autem non intellexeris, veniet ut perdat te, et de templo sanctitatis expellat, et aliam sponsam de gentibus castiorem inducat in cubiculum sanctitatis suae. (Comm. in Matthaeum VI,21)

Tommaso d'Aquino: Il fatto che Dio sia Altissimo, non significa che sia lontano, indifferente e irrilevante. Egli vede tutto, castiga e usa misericordia. Il suo regno è grande perché si estende a tutti i tempi, tutti i luoghi, tutte le potenze.
Magnitudo Dei commendatur dupliciter. Primo per altitudinem potestatis. Secundo per majestatem dominationis. Dicit ergo. Laudandus est Deus propter altitudinem suae naturae, quia dominus excelsus: Ps. 112: excelsus super omnes gentes dominus et cetera. Et quia excelsa sunt a nobis remota, posset aliquis credere quod non esset timendus, nec haberet providentiam de nobis; sicut aliqui stulti dixerunt, in quorum persona dicitur Job 22: circa cardines caeli perambulat, nec nostra considerat. Et ideo dicebat: quantum in te est evacuasti timorem. Sed non est ita. Iste est excelsus, quia est terribilis, quia omnia prospicit, omnia punit. Item timendus est propter ejus dominium, quia, rex magnus super omnem terram: Ps. 23: domini est terra et cetera. Magnus est universalitate dominii, quia regnum omnium saeculorum, Ps. 144. Item duratione, quia in aeternum. Item auctoritate, quia rex omnium regum. Signum magnitudinis huius regis sumitur ex his, quae nobis fecit, et haec sunt beneficia Dei. (Super Psalmo 46 n. 2)

Il crocifisso risorto estende la sua regalità a terra e cielo, allo stesso tempo altissimo al di sopra di tutte le forze spirituali e attivamente presente nella storia per l'edificazione del suo corpo.


Nessun commento:

Posta un commento