venerdì 15 maggio 2015

Pentecoste, anno B: Salmo 104,30

Ruminare i Salmi - Salmo 104 (Vulgata / liturgia 103),30:

CEI Mandi il tuo spirito, sono creati,
e rinnovi la faccia della terra.
TILC Mandi il tuo soffio di vita e sono ricreati,
così rinnovi la faccia della terra.
NV e V Emittes spiritum tuum, et creabuntur,
et renovabis faciem terrae.

Atti 2,5-11 Abitavano allora a Gerusalemme Giudei osservanti, di ogni nazione che è sotto il cielo. A quel rumore, la folla si radunò e rimase turbata, perché ciascuno li udiva parlare nella propria lingua. Erano stupiti e, fuori di sé per la meraviglia, dicevano: «Tutti costoro che parlano non sono forse Galilei? E come mai ciascuno di noi sente parlare nella propria lingua nativa? Siamo Parti, Medi, Elamìti; abitanti della Mesopotamia, della Giudea e della Cappadòcia, del Ponto e dell’Asia, della Frigia e della Panfìlia, dell’Egitto e delle parti della Libia vicino a Cirene, Romani qui residenti, Giudei e proséliti, Cretesi e Arabi, e li udiamo parlare nelle nostre lingue delle grandi opere di Dio».
Galati 5,19-22 Sono ben note le opere della carne: fornicazione, impurità, dissolutezza, idolatria, stregonerie, inimicizie, discordia, gelosia, dissensi, divisioni, fazioni, invidie, ubriachezze, orge e cose del genere. Riguardo a queste cose vi preavviso, come già ho detto: chi le compie non erediterà il regno di Dio. Il frutto dello Spirito invece è amore, gioia, pace, magnanimità, benevolenza, bontà, fedeltà, mitezza, dominio di sé.
Giovanni 15,26-27 Quando verrà il Paràclito, che io vi manderò dal Padre, lo Spirito della verità che procede dal Padre, egli darà testimonianza di me; e anche voi date testimonianza, perché siete con me fin dal principio.

Bernardo di Clairvaux: L'effusione dello Spirito crea e rinnova il volto dell'uomo interiore, disponendo la nostra volontà all'obbedienza.
"Emitte, inquit, Spiritum tuum, et creabuntur, et renovabis faciem terrae" (Ps. CIII,30). Sicut per faciem exterior homo cognoscitur, sic per voluntatem demonstratur interior. Emisso ergo Spiritu creatur et renovatur facies terrae, id est terrena voluntas fit coelestis, parata ad nutum nutu citius obedire. Beati qui tales sunt; qui non solum malum non sentiunt, sed in mira quadam cordis dilatatione commorantur. De illis enim quos supra commemoravimus, terribiliter ait Deus: "Non permanebit spiritus meus in hominibus istis, quia caro sunt" (Gen. VI,3), id est carnales; et quidquid in eis spiritus fuerat, in carnem evanuit. (In Ascensione Domini, sermo III, De intellectu et affectu, 8)

Guglielmo di Saint-Thierry: Amare e temere Dio altro non è se non essere un solo spirito con lui. Questo realizza lo Spirito Santo, santità divina che ci santifica, unità divina che ci fa uno.
Sicut Spiritui sancto nihil est aliud nosse vel comprehendere Patrem et Filium, quam hoc esse quod est Pater et Filius; ita nobis (qui ad imaginem tuam conditi sumus, et ab illa per Adam inveterati, per Christum ad illam renovamur de die in diem) amantibus Deum nihil sit aliud amare et timere Deum, et mandata eius observare, quam esse, et unum spiritum cum Deo esse. Deum enim timere, et mandata eius observare, hoc est omnis homo (Eccles. XII,13). Adorande, tremende, benedicende, da eum nobis. Emitte Spiritum tuum, et creabuntur, et renovabis faciem terrae (Ps. CIII,30). Non enim in diluvio aquarum multarum, id est in perturbatione et confusione affectionum tam multarum, tam diversarum, ad Deum approximabunt (Ps. XXXI,6). Iam satis, Domine, duravit cataclysmus iste, poena filiorum Adae. Adduc Spiritum super terram: recedat mare, recedat antiquae damnationis salsugo, et appareat arida, fontem vitae sitiens. Veniat columba Spiritus sanctus, expulso teterrimo alite, et cadaveribus suis incumbente: veniat, inquam, columba, ramo olivae, id est ramo refectionis et luminis, pacem annuntians (Gen. VIII). Sanctificet nos sanctitas et sanctificatio tua, uniat nos unitas tua; ut Deo qui est charitas, velut cognata quadam affinitate per charitatis nomen sociemur, et per virtutem nominis uniamur. (De Contemplando Deo, VIII, Per amorem nos fieri unum cum Deo, 17)

Lo Spirito Creatore rinnova la terra conducendo i popoli all'unità nell'adesione alla volontà di Dio.


Nessun commento:

Posta un commento