sabato 19 marzo 2016

Sabato Santo, ufficio delle letture

La veglia pasquale tiene il posto dell'ufficio delle letture: non c'è lettura patristica. Propongo pertanto la lettura del Sabato Santo. Nella Patrologia Graeca (vol. 43), che riproduce una edizione del 1622 (Petau), si trova tra gli scritti di Epifanio di Salamina (a Cipro). L'autore non è lui, ma probabilmente un altro Epifanio, vescovo anche lui a Cipro alla fine del VII secolo. Questa omelia (Homilia II in sabbato magno / Homilia in divini corporis sepulturam, CPG 3768; BHG 808e), sulla quale traggo notizie da André Vaillant, L'homélie d'Épiphane sur l'ensevelissement du Christ. Texte vieux-slave, texte grec et traduction française, Radovi Staroslavenkog Instituta 3, Zagreb 1958, pp. 5-101 (Istituto Paleoslavo di Zagabria), molto significativa per la teologia della discesa agli inferi, ha influenzato in modo determinante l'iconografia bizantina dell'Anàstasis (risurrezione). Si rifà al Vangelo di Nicodemo, che nella sua seconda parte racconta la discesa di Gesù nel mondo dei morti, in parte discostandosene. Letta dalla Chiesa Ortodossa nella liturgia del Sabato Santo, eccone lo svolgimento:

1. il tumulto del venerdi e il silenzio del sabato
2. la legge antica e la nuova
3. la nascita e la rinascita (nel sepolcro) di Cristo
4. commento a Mt 27,57
5. discorso di Giuseppe d'Arimatea a Pilato
6. Giuseppe seppellisce Dio
7. Benedizioni su Giuseppe e Nicodemo
8. i giusti prigionieri negli inferi
9-12. Cristo scende agli inferi
13. disfatta dell'inferno
14-16. Cristo parla ad Adamo e lo risuscita.

La lettura LO consiste essenzialmente nel discorso di Cristo a Adamo (n. 15).

Da un'antica Omelia sul Sabato santo (PG 43, 439. 451. 462-463)

1. Che cosa è questo? Oggi c'è un grande silenzio sulla terra. Grande silenzio ormai, e solitudine: il Re dorme. La terra ha tremato ed è rimasta quieta perché Dio si è addormentato nella sua carne, svegliando quelli che da secoli dormivano. Dio è morto nella carne, gl'inferi hanno tremato. [...]
7. [...] [Come e perché è avvenuta la sua discesa negli inferi? Forse discende per ricondurre Adamo colpevole e schiavo come noi.] Certo egli va per cercare il primo uomo come la pecora smarrita (cf. Mt 18,12-13; Lc 15,4-5). Egli vuole comunque visitare quelli che siedono nella tenebra e nell'ombra di morte (Sal 107,10; Is 9,2; 42,7; 49,9; Lc 1,79). Comunque Dio, fatto anche loro figlio, va a liberare dai dolori Adamo prigioniero ed Eva prigioniera con lui. [...]
15. [Mentre Adamo dice queste e simili parole a quanti erano prigionieri con lui,] il Signore entra da loro, tenendo l'arma vittoriosa della croce. Vedendolo, Adamo il primo uomo, battendosi il petto per lo stupore, grida a tutti: "Il mio Signore sia con tutti!". Cristo in risposta dice ad Adamo: "e con il tuo spirito!". Lo prende per la mano e lo solleva, dicendogli:
"Svegliati, tu che dormi! Risorgi dai morti, e Cristo t'illuminerà!" (Ef 5,14). Io sono il tuo Dio, divenuto per te tuo figlio. Per te e per i tuoi discendenti, nella mia autorità ora comando ai prigionieri: 'uscite!', a chi sta nella tenebra: 'siate illuminati!', e a chi dorme: 'svegliatevi!'. Ti ordino, tu che dormi: 'risorgi!'. Non ti ho fatto perché tu fossi tenuto prigioniero dagli inferi. Risorgi dai morti! Io sono la vita dei morti. Risorgi, opera mia, risorgi, effigie mia, modellata a mia immagine! Risorgi, andiamo via da qui. Tu sei infatti in me, e io in te: siamo una sola ed indivisibile persona. Per te io, tuo Dio, sono divenuto tuo figlio. Per te io, il Signore, ho preso la tua forma di servo (Fil 2,6). Per te io che sono al di sopra dei cieli sono venuto sulla terra e sotto terra. Per te, uomo, sono divenuto "come un uomo indifeso, libero tra i morti" (Sal 87,5 - 88,4). Per te che sei uscito da un giardino, sono stato consegnato ai Giudei in un giardino, e in un giardino crocifisso.
Guarda gli sputi sul mio volto: li ho ricevuti per restituirti al primo soffio vitale (Gen 2,7). Guarda gli schiaffi sulle mie guance: li ho ricevuti per riportare a mia immagine il tuo volto sfigurato (Gen 1,26). Guarda la flagellazione sulle mie spalle: l'ho subita per sciogliere il fardello dei tuoi peccati che gravava le tue spalle (Sal 37,5 - 38,4). Vedi le mie mani inchiodate sul legno - cosa buona - per te, che avevi steso la mano verso il legno (Gen 3,6) - cosa cattiva. [... i piedi, il fiele, l'aceto, la canna ...]
Mi sono addormentato sulla croce e una spada mi trafisse il fianco per te (Gv 19,34), che nell'Eden ti addormentasti, e dal fianco producesti Eva (Gen 2,21-22): il mio fianco guarì il dolore del fianco, il mio sonno ti porterà fuori dal sonno della morte, la mia spada ha fermato la spada stesa contro di te (Gen 3,24).
Alzati ormai, andiamo via da qui. Il nemico ti ha portato fuori dalla terra dell'Eden (Gen 3,23): io non ti rimetterò nell'Eden, ma su un trono celeste. Ti proibii quel simbolico albero della vita (Gen 2,9.17), ora mi sono unito a te, io che sono la vita (cf. Gv 14,6). Ordinai ai Cherubini di custodirti come un servo (Gen 3,24), ora li faccio prostrare davanti a te come a un dio (Eb 1,5-6). [... la nudità, le tuniche di pelle ... usciamo dalla morte alla vita ... gli angeli attendono]
Ecco, il trono di Cherubini è pronto, pronti agli ordini i portatori; la camera nuziale preparata, il banchetto imbandito, le dimore eterne predisposte. I forzieri colmi di beni sono aperti, il regno dei cieli è preparato prima dei secoli[: "le cose che occhio non vide e orecchio non udì né salirono in cuore umano" (1Cor 2,9), ecco i beni che attendono l'uomo].

1. Τί τοῦτο; σήμερον σιγὴ πολλὴ ἐν τῇ γῇ· σιγὴ πολλὴ καὶ ἠρεμία λοιπόν· σιγὴ πολλὴ, ὅτι ὁ Βασιλεὺς ὑπνοῖ· γῆ ἐφοβήθη καὶ ἡσύχασεν, ὅτι ὁ Θεὸς σαρκὶ ὕπνωσε, καὶ τοὺς ἀπ' αἰῶνος ὑπνοῦντας ἀνέστησεν. Ὁ Θεὸς ἐν σαρκὶ τέθνηκε, καὶ ὁ ᾅδης ἐτρόμαξεν. [...]
7. [...] [Τίς ὁ λόγος; τίς ὁ τρόπος; τίς ἡ βουλὴ τῆς ἐν τῷ ἅδῃ αὐτοῦ καταβάσεως; Τάχα τὸν Ἀδὰμ τὸν κατάδικον καὶ ἡμῶν σύνδουλον ἀνενέγκαι κατέρχεται.] Ὄντως τὸν πρωτόπλαστον ὡς ἀπολωλὸς πρόβατον ἐπιζητῆσαι πορεύεται. Πάντως καὶ τοὺς ἐν σκότει καὶ σκιᾷ θανάτου καθημένους βούλεται ἐπισκέψασθαι· πάντως τὸν αἰχμάλωτον Ἀδὰμ, καὶ τὴν συναιχμάλωτον Εὔαν τῶν ὀδυνῶν λύσαι πορεύεται ὁ Θεὸς, καὶ υἱὸς αὐτῆς ὅθεν καὶ υἱὸς αὐτοῦ ἀναδέδεικται. [...]
15. [Ταῦτα καὶ τὰ τοιαῦτα τοῦ Ἀδὰμ πρὸς πάντας τοὺς συγκαταδίκους αὐτοῦ λέγοντος,] εἰσῆλθεν ὁ Δεσπότης πρὸς αὐτοὺς, τὸ νικητικὸν ὅπλον τοῦ σταυροῦ κατέχων. Ὃν ἰδὼν ὁ Ἀδὰμ ὁ πρωτόπλαστος, καὶ τῇ ἐκπλήξει τὸ στῆθος τύψας, ἐβόησε πρὸς πάντας, καὶ εἶπεν· Ὁ Κύριός μου μετὰ πάντων. Καὶ ἀποκριθεὶς ὁ Χριστὸς, λέγει τῷ Ἀδάμ· Καὶ μετὰ τοῦ πνεύματός σου· καὶ κρατήσας αὐτοῦ τῆς χειρὸς ἀνίστησι, λέγων·
Ἔγειρε, ὁ καθεύδων, καὶ ἀνάστα ἐκ τῶν νεκρῶν, καὶ ἐπιφαύσει σοι ὁ Χριστός. Ἐγὼ ὁ Θεός σου, ὁ διὰ σὲ γενόμενος υἱός σου, ὁ διὰ σὲ καὶ τοὺς ἀπὸ σοῦ, νῦν λέγων καὶ κατ' ἐξουσίαν ἐπιτρέπων τοῖς ἐν δεσμοῖς· Ἐξέλθετε, καὶ τοῖς ἐν σκότει· Φωτίσθητε, καὶ τοῖς κεκοιμημένοις· Ἀνάστητε· σοὶ διακελεύομαι· Ἔγειρε, ὁ καθεύδων· οὐ γὰρ διὰ τοῦτό σε πεποίηκα, ἵνα ἐν ᾅδῃ κατέχῃ δέσμιος. Ἀνάστα ἐκ τῶν νεκρῶν· ἐγώ εἰμι ἡ ζωὴ τῶν νεκρῶν. Ἀνάστα, πλάσμα τὸ ἐμὸν, ἀνάστα, μορφὴ ἡ ἐμὴ, καὶ κατ' εἰκόνα ἐμὴν γεγενημένη. Ἔγειρε, ἄγωμεν ἐντεῦθεν· σὺ γὰρ ἐν ἐμοὶ, κἀγὼ ἐν σοὶ, ἓν καὶ ἀδιαίρετον ὑπάρχομεν πρόσωπον· διὰ σὲ ὁ Θεός σου γέγονα υἱός σου· διὰ σὲ ὁ Δεσπότης, ἔλαβον τὴν σὴν μορφὴν τοῦ δούλου· διὰ σὲ ὁ ὑπεράνω τῶν οὐρανῶν ἦλθον ἐπὶ γῆς καὶ ὑποκάτω γῆς· διὰ σὲ τὸν ἄνθρωπον γέγονα ὡσεὶ ἄνθρωπος ἀβοήθητος, ἐν νεκροῖς ἐλεύθερος· διὰ σὲ τὸν ἀπὸ κήπου ἐξελθόντα ἀπὸ κήπου Ἰουδαίοις παρεδόθην, καὶ ἐν κήπῳ ἐσταυρώθην.
Ἴδε τοῦ προσώπου μου τὰ ἐμπτύσματα, ἅπερ διὰ σὲ κατεδεξάμην, ἵνα σε ἀποκαταστήσω εἰς τὸ ἀρχαῖον ἐμφύσημα. Ἴδε μου τῶν σιαγόνων τὰ ῥαπίσματα, ἃ κατεδεξάμην, ἵνα σου τὴν διαστραφεΐσαν μορφὴν ἐπανορθώσω εἰς τὸ κατ' εἰκόνα μου. Ἴδε μου τοῦ νώτου τὴν φραγγέλλωσιν, ἣν κατεδεξάμην, ἵνα σκορπίσω τῶν ἁμαρτιῶν σου τὸ φορτίον τὸ ἐπὶ τοῦ νώτου κείμενον.
[Ἴδε μου τὰς προσηλωθείσας χεῖρας ἐν τῷ ξύλῳ καλῶς, διὰ σὲ τὸν ἐκτείναντα τὴν χεῖρα ἐν τῷ ξύλῳ κακῶς. Ἴδε μου τοὺς προσηλωθέντας, καὶ ὀρυχθέντας τῷ ξύλῳ πόδας, διὰ τοὺς σοὺς πόδας τοὺς κακῶς δραμόντας ἐπὶ τὸ ξύλον τῆς παρακοῆς τῇ ἕκτῃ ἡμέρᾳ, ᾗ ἡ ἀπόφασις γέγονεν, καὶ τὴν σὴν ἀνάπλασιν, καὶ παραδείσου ἄνοιξιν πεπόνημαι. Ἐγευσάμην διὰ σὲ χολὴν, ἵνα ἰάσωμαί σοι τὴν διὰ βρώσεως ἐκείνης τῆς γλυκείας πικρὰν ἡδονήν. Ἐγευσάμην ὄξους, ἵνα καταργήσω τοῦ σοῦ θανάτου τὸ δριμὺ, καὶ παρὰ φύσιν ποτήριον. Ἐδεξάμην σπόγγον, ἵνα ἐξαλείψω τὸ χειρόγραφόν σου τῆς ἁμαρτίας. Ἐδεξάμην κάλαμον, ἵνα ὑπογράψω ἐλευθερίαν τῷ γένει τῶν ἀνθρώπων.]
Ὕπνωσα ἐν τῷ σταυρῷ, καὶ ῥομφαίᾳ ἐνύχθην τὴν πλευρὰν, διὰ σὲ τὸν ἐν παραδείσῳ ὑπνώσαντα, καὶ τὴν Εὔαν ἐκ πλευρᾶς ἐξενέγκαντα. Ἡ ἐμὴ πλευρὰ ἰάσατο τὸ ἄλγος τῆς πλευρᾶς· ὁ ἐμὸς ὕπνος ἐξάξει σε ἐκ τοῦ ἐν ᾅδῃ ὕπνου· ἡ ἐμὴ ῥομφαία ἔστησε τὴν κατὰ σοῦ στρεφομένην ῥομφαίαν.
Λοιπὸν ἔγειρε, ἄγωμεν ἐντεῦθεν. Ἐξήγαγέ σε ὁ ἐχθρὸς ἀπὸ γῆς παραδείσου· ἀποκαθιστῶ σε οὐκέτι ἐν παραδείσῳ, ἀλλ' ἐν οὐρανίῳ θρόνῳ. Ἐκώλυσά σε τοῦ ξύλου τοῦ τυπικοῦ τῆς ζωῆς, ἀλλ' ἰδοὺ αὐτὸς ἐγὼ ἡνώθην σοι ἡ ζωή. Ἔταξα τὰ χερουβὶμ δουλοπρεπῶς φυλάττειν σε· ποιῶ τὰ χερουβὶμ θεοπρεπῶς προσκυνῆσαί σε.
[Ἐκρύβης ἀπὸ Θεοῦ ὡς γυμνός· ἀλλ' ἰδοὺ ἔκρυψας ἐν ἑαυτῷ Θεὸν γυμνόν. Ἐνεδύθης τὸν τῆς αἰσχύνης δερμάτινον χιτῶνα· ἀλλ' ἐνεδύθην Θεὸς ὢν τὸν τῆς σῆς σαρκὸς αἱμάτινον χιτῶνα. Διὸ ἐγείρεσθε, ἄγωμεν ἐντεῦθεν, ἀπὸ τοῦ θανάτου εἰς τὴν ζωὴν, ἀπὸ τῆς φθορᾶς εἰς ἀφθαρσίαν, ἀπὸ τοῦ σκότους εἰς τὸ αἰώνιον φῶς. Ἐγείρεσθε, ἄγωμεν ἐντεῦθεν, ἀπὸ τῆς ὀδύνης εἰς εὐφροσύνην, ἀπὸ δουλείας εἰς ἐλευθερίαν, ἀπὸ φυλακῆς εἰς τὴν ἄνω Ἱερουσαλὴμ, ἀπὸ τῶν δεσμῶν ἐπὶ τὴν ἄνεσιν, ἀπὸ τῆς κατοχῆς ἐπὶ τὴν τοῦ παραδείσου τρυφὴν, ἀπὸ τῆς γῆς εἰς τὸν οὐρανόν. Ἐπὶ τοῦτο γὰρ ἀπέθανον, καὶ ἀνέστην, ἵνα καὶ νεκρῶν καὶ ζώντων κυριεύσω. Ἐγείρεσθε, ἄγωμεν ἐντεῦθεν· ὁ γὰρ Πατήρ μου ὁ οὐράνιος τὸ ἀπολωλὸς ἐκδέχεται  πρόβατον. Τὰ ἐννενήκοντα ἐννέα τῶν ἀγγέλων πρόβατα τὸν σύνδουλον ἀναμένουσιν Ἀδὰμ, πότε ἀναστῇ, καὶ πότε ἀνέλθῃ καὶ πρὸς Θεὸν ἐπανέλθῃ.]
Χερουβικὸς θρόνος ηὐτρέπισται· οἱ ἀναφέροντες ὀξεῖς τε καὶ ἕτοιμοι· ὁ νυμφὼν παρεσκεύασται· ἐδέσματα ἕτοιμα· αἱ αἰώνιοι σκηναὶ καὶ μοναὶ ἕτοιμοι· οἱ θησαυροὶ τῶν ἀγαθῶν ἀνεῴχθησαν, ἡ τῶν οὐρανῶν βασιλεία πρὸ αἰώνων ἡτοίμασται· [ἃ ὀφθαλμὸς οὐκ οἶδεν, καὶ οὖς οὐκ ἤκουσε, καὶ ἐπὶ καρδίαν ἀνθρώπου οὐκ ἀνέβη, ἃ ἀγαθὰ τὸν ἄνθρωπον περιμένουσι.]

Ed ecco un passo del Vangelo di Nicodemo (5-21): "Mentre Satana e l'inferno dicevano tra di loro queste cose, si udì una voce potente come tuono che diceva: «Alzate le vostre porte, o Principi, e voi rimanete alzate, porte eterne, ed entrerà il Re della gloria!». Udendo ciò l'Inferno disse a Satana: «Esci, e se sei capace, fagli fronte!» Satana usci fuori. Allora l'Inferno disse ai suoi demoni: «Serrate bene, e saldamente, le porte di bronzo e i chiavistelli di ferro e sprangate le mie serrature. Sorvegliate ogni luogo, stando bene in guardia, perché se egli entra qui, ahimè, ci afferrerà tutti». Udite queste parole, gli antenati si diedero tutti a inveire contro di lui dicendo: «Divoratore insaziabile di ogni cosa, apri, affinché entri il Re della gloria!» Disse il profeta Davide: «Non sai, o cieco, che quando vivevo nel mondo io ha già profetizzato con queste parole: "Alzate, o Principi, le vostre porte"?». E Isaia disse: «Io, prevedendo questo, per grazia dello Spirito Santo, ho scritto: "Risorgeranno i morti, si sveglieranno quelli che sono nei sepolcri e si rallegreranno quelli che sono sulla terra", e: “O morte, dov'è il tuo dardo? Dov'è, o inferno la tua vittoria?"». Allora venne di nuovo una voce che diceva: «Alzate le porte!» E l’Inferno, udendo per la seconda volta quella voce, rispose, come se fino allora non avesse capito: «Chi è questo Re della gloria?». Dissero gli angeli dei Signore: «Il Signore forte e possente, il Signore possente in battaglia». E subito, a queste parole, le porte di bronzo caddero infrante e si spezzarono i chiavistelli di ferro e tutti i morti che erano legati furono sciolti dalle loro catene, e noi con loro. E il Re della gloria entrò, in figura di uomo, e tutte le tenebre dell'inferno furono illuminate."

Nessun commento:

Posta un commento