venerdì 31 luglio 2015

XIX domenica del tempo ordinario, anno B: Salmo 34,9

Ruminare i Salmi - Salmo 34 (Vulgata / liturgia 33),9:

CEI Gustate e vedete com'è buono il Signore;
beato l'uomo che in lui si rifugia.
NV e V Gustate et videte quoniam suavis est Dominus;
beatus vir, qui sperat in eo.

Efesini 5,1-2 Fatevi imitatori di Dio, quali figli carissimi, e camminate nella carità, nel modo in cui anche Cristo ci ha amato e ha dato se stesso per noi, offrendosi a Dio...
Giovanni 6,51 Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo».

Ambrogio: La Chiesa invita i suoi figli a gustare il cibo spirituale che è il corpo di Cristo. Che cosa si gusta in esso? Il profeta risponde: "Gustate e vedete che il Signore è buono".
Unde et Ecclesia videns tantam gratiam, hortatur filios suos, hortatur proximos, ut ad sacramenta concurrant, dicens: Edite proximi mei, et bibite, et inebriamini, fratres mei (Cant. V,1). Quid edamus, quid bibamus, alibi tibi per Prophetam Spiritus sanctus expressit dicens: Gustate et videte quoniam suavis est Dominus: beatus vir qui sperat in eo (Psal. XXXIII,9). In illo sacramento Christus est; quia corpus est Christi: non ergo corporalis esca, sed spiritalis est. (De Mysteriis 9,58)

Tommaso d'Aquino: Tra i sensi, tatto e gusto percepiscono direttamente i loro oggetti, ma il gusto lo sente dentro. Dio non è fuori di noi ma dentro, e perciò l'esperienza della bontà divina è detta 'gusto'. Il suo effetto è duplice: la saldezza dell'affetto e la certezza dell'intelletto. Nelle cose materiali, prima si vede e poi si gusta. Nelle cose spirituali invece, prima si gusta e poi si vede, perché nessuno conosce quel che non gusta.
Dicit ergo, gustate et videte etc.. Experientia de re sumitur per sensum; sed aliter de re praesenti, et aliter de absente: quia de absente per visum, odoratum et auditum; de praesente vero per tactum et gustum; sed per tactum de extrinseca praesente, per gustum vero de intrinseca. Deus autem non longe est a nobis, nec extra nos, sed in nobis: Hier. 14: tu in nobis es Domine. Et ideo experientia divinae bonitatis dicitur gustatio: 1 Pet. 2: si tamen gustatis quam dulcis etc.. Prov. ult.: gustavit et vidit, quoniam bona est negotiatio ejus. Effectus autem experientiae ponitur duplex. Unus est certitudo intellectus, alius securitas affectus. Quantum ad primum dicit, et videte. In corporalibus namque prius videtur, et postea gustatur; sed in rebus spiritualibus prius gustatur, postea autem videtur; quia nullus cognoscit qui non gustat; et ideo dicit prius, gustate, et postea, videte. Quantum ad secundum dicit, quoniam suavis est Dominus: Sap. 12: o quam bonus et suavis est Domine spiritus tuus in nobis. Ps. 30: quam magna multitudo dulcedinis tuae.

Chi gusta la bontà di Dio diviene buono.


Nessun commento:

Posta un commento