giovedì 19 febbraio 2015

II domenica di quaresima, anno B: Salmo 116,9

Ruminare i Salmi - Salmo 116 (Vulgata / liturgia 114),9:

CEI Camminerò alla presenza del Signore
nella terra dei viventi.
TILC Cammino alla presenza del Signore,
di nuovo, nel mondo dei vivi.
NV Ambulabo coram Domino
in regione vivorum.
V Placebo Domino in regione vivorum.

Romani 8,31-34 Se Dio è per noi, chi sarà contro di noi? Egli, che non ha risparmiato il proprio Figlio, ma lo ha consegnato per tutti noi, non ci donerà forse ogni cosa insieme a lui? Chi muoverà accuse contro coloro che Dio ha scelto? Dio è colui che giustifica! Chi condannerà? Cristo Gesù è morto, anzi è risorto, sta alla destra di Dio e intercede per noi!
Marco 9,2-3 Gesù fu trasfigurato davanti a loro e le sue vesti divennero splendenti, bianchissime.

Ambrogio: Colui che ha aperti gli occhi dello spirito, vive già la vita terrena - che è immagine e ombra della vita vera - alla presenza del Signore e all'ombra del suo volto, sia pure in modo germinale. Vivere all'ombra di Cristo è vivere all'ombra della vita.
Ergo ista vita in corpore, umbra est vitae atque imago, non veritas. Denique in imagine ambulat homo, et in regione umbrae mortis consistimus. Sed si quis non ad terrena oculos mentis intendat, sed ad spiritalia erigat; ut possit dicere: Spiritus ante faciem nostram Christus Dominus (Thren 4,20); dignus erit qui dicat: In umbra eius vivemus. Christus enim vita est; et ideo qui in umbra Christi vivit, in umbra vitae est. Meritoque alibi dicit Sanctus Domini: In umbra alarum tuarum protege me. Omnes ergo etiam sancti in umbra sunt, quamdiu sunt in corpore: non perfecte vident: non perfecte, sed ex parte cognoscunt. Ipse Paulus ait: Ex parte enim cognoscimus. Ipse Vas electionis, cui Christus oculos reddidit, et sua illuminavit gratia; non facie ad faciem, sed per speculum videbat. Et David revelari oculos suos petit; ut removeretur umbra, quae integrum oculorum impediebat obtutum. Regionem autem hanc mortuorum esse quis dubitet; cum Sanctus ipse dicat: Placebo Domino in regione vivorum? Quia perfecte hic placere nemo potest, ubi etiam si fieri possit, ut sua peccata non habeat; in ipsa tamen mortuorum regione vivendo, purificatione indiget, quae a contagio eum regionis huius absolvat. (In Psalmum David CXVIII, III,18)

Alla luce del volto amico di Cristo, siamo in cammino verso la nostra Pasqua.


Nessun commento:

Posta un commento