sabato 25 ottobre 2014

Commemorazione di tutti i fedeli defunti, Messa I: Salmo 27,8-9

Ruminare i Salmi - Salmo 27 (Vulgata / liturgia 26),8-9:

CEI Il tuo volto, Signore, io cerco.
Non nascondermi il tuo volto
TILC Vengo davanti a te, Signore.
Non nascondermi il tuo volto
NV Faciem tuam, Domine, exquiram.
Ne avertas faciem tuam a me

Romani 5,5 La speranza non delude, perché l’amore di Dio è stato riversato nei nostri cuori per mezzo dello Spirito Santo che ci è stato dato.
Giovanni 6,40 Questa è la volontà del Padre mio: che chiunque vede il Figlio e crede in lui abbia la vita eterna; e io lo risusciterò nell’ultimo giorno.

Bernardo di Clairvaux: Vedere il volto di Dio è vita. L'impurità del cuore ostacola la visione.
'Beati mundo corde, quoniam ipsi Deum videbunt'. Beati plane, et omnino beati, qui videbunt in quem desiderant angeli prospicere, quem videre vita aeterna est. 'Tibi dixit cor meum, exquisivit te facies mea: faciem tuam, Domine, requiram' (Psal. XXVI,8). 'Quid enim mihi est in coelo? et a te quid volui super terram? Defecit caro mea et cor meum, Deus cordis mei, et pars mea Deus in aeternum' (Psal. LXXII, 25,26). Quando adimplebis me laetitia cum vultu tuo? Vae mihi ab immunditia cordis mei! qua impediente, necdum mereor ad beatam illam visionem admitti. (In festo omnium Sanctorum, Sermo I,13)

Guillaume de Saint-Thierry: Chi vede il volto di Dio ne viene trasformato, e fa del proprio cuore un tempio costruito secondo il modello che ha di fronte (cf. Es 25,40; Eb 8,5).
Et, o facies, facies, quam beata facies, quae affici tibi meretur videndo te; aedificans in corde suo tabernaculum Deo Jacob, et omnia faciens secundum exemplar quod ei ostenditur in monte, hic vero et competenter cantatur: Tibi dixit cor meum: Exquisivit te facies mea, faciem tuam, Domine, requiram! (Psal. XXVI,8.) Itaque, ut dixi, ex dono gratiae tuae contemplans omnes angulos conscientiae meae vel terminos, unice et singulariter desidero videre te, ut omnes fines terrae meae videant salutare Domini Dei sui, ut amem, cum videro, quem amare hoc est vere vivere. Dico enim mihi in languore desiderii mei: Quis amat quod non videt? quomodo potest esse amabile quod non est aliquatenus visibile? Sed te desideranti amabilia quidem tua ocurrunt, et a coelo et a terra, et ab omni creatura tua se mihi ultro offerunt, et ingerunt, o in omnibus adorande et amabilis Domine. Quae quanto te manifestius et verius praedicant et approbant amabilem, tanto ardentius te mihi faciunt desiderabilem: sed heu! non ad fruendi perfectam suavitatem et gaudium, sed ad intentionis et defectus (non tamen sine aliqua suavitate) tormentum. Sicut enim mea non tibi perfecte placent oblata, nisi mecum: sic bonorum tuorum contemplatio reficit nos quidem dulciter, sed non satiat perfecte nisi tecum. (De contemplando Deo I,4)

Alfonso Maria de' Liguori: Per lo passato il mio cuore, cioè il desiderio del mio cuore a voi ben noto, già vi ha fatto sapere che gli occhi miei han cercato di trovarvi, per l'avvenire cercherò di star sempre alla vostra presenza per ubbidirvi ed amarvi. (Traduzione de' Salmi e de' Cantici)

Di fronte al volto di Cristo riceviamo il suo Spirito, che riversa nel cuore vita e amore, speranza e risurrezione, plasmandoci a immagine di Lui.


Nessun commento:

Posta un commento