venerdì 18 aprile 2014

Pasqua, anno A: Salmo 118,1

Ruminare i Salmi - Salmo 118 (Vulgata / liturgia 117),1:

Rendete grazie al Signore perché è buono
 הֹוד֣וּ לַיהוָ֣ה כִּי־טֹ֑וב 
LXX ἐξομολογεῖσθε τῷ κυρίῳ ὅτι ἀγαθός
NV Confitemini Domino, quoniam bonus

At 10,37-43
«Dio consacrò in Spirito Santo e potenza Gesù di Nàzaret, il quale passò beneficando e risanando tutti coloro che stavano sotto il potere del diavolo, perché Dio era con lui.
Essi (i Giudei) lo uccisero appendendolo a una croce, ma Dio lo ha risuscitato al terzo giorno. E ci ha ordinato di annunciare che egli è costituito da Dio giudice dei vivi e dei morti. A lui tutti i profeti danno questa testimonianza: chiunque crede in lui riceve il perdono dei peccati per mezzo del suo nome»

Ruperto di Deutz: Il salmo è il cantico della risurrezione della carne, che Cristo ha vissuto e che noi vivremo. (In Regulam S. Benedicti 2,12: Psalmus quinquagesimus: Miserere mei, Deus, secundum magnam misericordiam tuam, et centesimus septimus decimus: Confitemini Domino quoniam bonus, quoniam in saeculum misericordia eius, in illas respiciunt causas, quas tunc maxime meditari debemus, iuxta illud quod continuo in psalmo sexagesimo sexto canimus: Si memor fui tui super stratum meum, in matutinis meditabor in te, quia fuisti adiutor meus. Quaenam illae sunt causae? Nimirum resurrectio prima, et resurrectio secunda. Resurrectio prima, resurrectio animarum est; resurrectio secunda, resurrectio corporum est, quam utramque nobis Christus semel mortuus acquisivit, unde et gratias agentes dicimus quia mortem nostram moriendo destruxit, et vitam resurgendo reparavit. … Porro psalmus centesimus septimus dicimus quem post illum quinquagesimum dicimus: Confitemini Domino quoniam bonus, canticum resurrectionis carnis est, qua sola Christus resurrexit: quippe qui sola carnis morte, mortuus fuit, et quae nobis in novissimo die, resurrectio secunda erit. Quid enim aliud est dicere in isto psalmo: Lapidem, quem reprobaverunt aedificantes, hic factus est in caput anguli, nisi Christum, quem eiecerunt extra civitatem, et crucifixerunt, hic resurrexit a mortuis, et omnis potestas in coelo et in terra data est ei? Item, quae est dies quam dicit, et designat ita: Haec est dies quam fecit Dominus, exsultemus, et laetemur in ea, nisi resurrectio mortuorum in Christo et per Christum clarissime exorta? Denique diem huiusmodi fecit Dominus; fecit, inquam, non quidem solum, sed inter omnia opera sua, maximum et praecipuum opus. Quid enim tale est, ut Mediator Dei et hominum, homo Christus Iesus? Hic vere dies est, quia resurrectio et vita est, et hic utique secundum humanitatem factus est. Ergo hic est dies quam fecit Dominus.)

Benedetto XVI: Si tratta di una preghiera di adorazione, non per questa o quell'altra cosa, ma semplicemente perché Dio merita di essere adorato. Una tale preghiera ‘senza scopo specifico’ vuol essere puro servizio divino, come quello degli angeli. È il servizio per eccellenza, offerto al Dio trinitario, degno di ricevere gloria, onore e potenza perché in modo meraviglioso ha creato il mondo e in modo ancora più meraviglioso l'ha rinnovato. (Nell'epoca dei Padri della Chiesa, la vita monastica veniva qualificata come vita a modo degli angeli. E come caratteristica essenziale degli angeli si vedeva il loro essere adoratori. La loro vita è adorazione. Questo dovrebbe valere anche per i monaci. Essi pregano innanzitutto non per questa o quell'altra cosa, ma semplicemente perché Dio merita di essere adorato. "Confitemini Domino, quoniam bonus! - Celebrate il Signore, perché è buono, perché eterna è la sua misericordia!", esortano vari Salmi. Una tale preghiera senza scopo specifico, che vuol essere puro servizio divino viene perciò chiamata con ragione "officium". È il "servizio" per eccellenza, il "servizio sacro" dei monaci. Esso è offerto al Dio trinitario che, al di sopra di tutto, è degno "di ricevere la gloria, l'onore e la potenza" (Ap 4,11), perché ha creato il mondo in modo meraviglioso e in modo ancora più meraviglioso l'ha rinnovato. - Heiligenkreuz, 2007)

Nella Pasqua di Gesù gustiamo appieno e celebriamo la bontà del Signore. Proprio per questo Dio ci ha creati: non per la morte, ma per gustare e cantare in eterno la sua bontà.


1 commento:

  1. anche senza canti e lodi auguro una Pasqua di resurrezione

    RispondiElimina