sabato 26 aprile 2014

III domenica di Pasqua, anno A: Salmo 16,10

Ruminare i Salmi - Salmo 16 (Vulgata / liturgia 15),10:

CEI non abbandonerai la mia vita negli inferi,
né lascerai che il tuo fedele veda la fossa
TILC Non mi abbandonerai al mondo dei morti,
non lascerai finire nella fossa chi ti ama
NV non derelinques animam meam in inferno
nec dabis sanctum tuum videre corruptionem

Atti 2,24 Dio ha risuscitato Gesù, liberandolo dai dolori della morte, perché non era possibile che questa lo tenesse in suo potere.
1Pietro 1,21 Dio ha risuscitato Gesù dai morti e gli ha dato gloria, in modo che la vostra fede e la vostra speranza siano rivolte a Dio.
Luca 24,27 Cominciando da Mosè e da tutti i profeti, Gesù spiegò ai due discepoli in tutte le Scritture ciò che si riferiva a lui.

Gaudenzio di Brescia: E’ profezia della discesa agl’inferi del Salvatore. La Vita non poteva sottostare al potere della morte, e richiama alla vita le anime di coloro che dovevano risorgere. (Nam corpore in sepulcro seposito, divinitas cum anima hominis ad inferna descendens, vocavit de locis suis animas sanctorum, quorum corpora surrexisse Matthaeus evangelista testatur dicens: Et multa corpora sanctorum dormientium surrexerunt; et exeuntes, inquit, de monumentis post resurrectionem ipsius, intraverunt in sanctam civitatem, et multis apparuerunt (Matth. XXVII). Descendisse autem Salvatoris animam ad inferos visitandos, non solum beati Petri Epistola (I Petr. III), verum etiam beati Davidis prophetia testatur, cum dicit: Quoniam non derelinques animam meam in inferno, nec dabis sanctum tuum videre corruptionem (Ps. XV). Filius enim Dei non idcirco cum suscepti hominis anima ad inferos descendit, ut eam in inferno relinqueret, sed ut plurimas resurrecturis sanctorum corporibus animas revocaret. - Sermo X,11-12)

Tutta la Scrittura parla dell’unico mistero della vivificazione in Cristo.


Nessun commento:

Posta un commento