martedì 8 aprile 2014

Giovedi Santo, Cena del Signore: Salmo 116,13

Ruminare i Salmi - Salmo 116,13 (Vulgata / liturgia 115,4):

CEI Alzerò il calice della salvezza
e invocherò il nome del Signore.
TILC Alzerò il calice per il Signore:
lo ringrazierò, perché mi ha salvato.
NV Calicem salutaris accipiam
et nomen Domini invocabo.
Lett.: Il calice della salvezza alzerò,
nel nome del Signore griderò.

1Cor 11,26: Ogni volta che mangiate questo pane e bevete al calice, voi annunciate la morte del Signore, finché egli venga.
Gv 13,8: Gli disse Pietro: «Tu non mi laverai i piedi in eterno!». Gli rispose Gesù: «Se non ti laverò, non avrai parte con me».

Bernardo di Clairvaux: Davanti all’insufficienza della mia sapienza, giustizia e santità, non dispero: alzo il calice della salvezza, nel quale il tuo sangue grida a mio favore, e invoco il tuo nome, o Signore. (Passio tua ultimum refugium, singulare remedium. Deficiente sapientia, justitia non sufficiente, sanctitatis succumbentibus meritis, illa succurrit. Quis enim de sua vel sapientia, vel justitia, vel sanctitate praesumat sufficientiam sibi ad salutem? ‘Non quod sufficientes, inquit, simus cogitare aliquid a nobis tanquam ex nobis, sed sufficientia nostra ex Deo est’ (II Cor. III,5). Itaque cum defecerit virtus mea, non conturbor, non diffido. Scio quid faciam: ‘calicem salutaris accipiam, et nomen Domini invocabo’ (Psal. CXV,13). … Verumtamen nisi interpellet sanguis tuus pro me, salvus non sum. - Sup. Cant. XXII,8)
S. Alberto Magno: Si tratta del calice della salvezza attraverso il pentimento e la devozione alla passione del Signore. (In bona quidem significatione est calix eruditionis sacrae Scripturae, Psal. xxii,5: Calix meus inebrians, quam praeclarus est! Est calix benedictionis, Eucharistia, I ad Corinth. x,16: Calix benedictionis cui benedicimus, nonne communicatio sanguinis Christi est? Est calix salvationis per poenitentiam et devotionem Christi Passionis, Psal. cxv,13: Calicem salutaris accipiam, et nomen Domini invocabo. Est calix passionis, mortis angustia in charitate suscepta, Matth. xxvi,42: Pater, si non potest hic calix transire nisi bibam illum, fiat voluntas tua. Et, Joan. xviii,11: Calicem quem dedit mihi Pater, non bibam illum? - Super Marcum)

Il calice eucaristico è memoria, presenza e proclamazione della morte di Gesù, nella quale  egli si mette al mio servizio e mi salva.


Nessun commento:

Posta un commento