domenica 24 novembre 2013

I domenica di avvento, anno A: Salmo 122,2

Ruminare i Salmi - Salmo 122 (Vulgata / liturgia 121),2:

CEI Già sono fermi i nostri piedi
alle tue porte, Gerusalemme!
NV Stantes iam sunt pedes nostri
in portis tuis, Ierusalem.

Romani 13,12: La notte è avanzata, il giorno è vicino. Perciò gettiamo via le opere delle tenebre e indossiamo le armi della luce.

Matteo 24,37-39: Come furono i giorni di Noè, così sarà la venuta del Figlio dell’uomo. Infatti, come nei giorni che precedettero il diluvio mangiavano e bevevano, prendevano moglie e prendevano marito, fino al giorno in cui Noè entrò nell’arca, e non si accorsero di nulla finché venne il diluvio e travolse tutti: così sarà anche la venuta del Figlio dell’uomo.

S. Alfonso Maria de’ Liguori: O Gerusalemme, noi giubiliamo vedendo i nostri piedi quasi già arrivati a toccar le tue soglie! Ogni cristiano deve con questo salmo infervorare i suoi desiderj pel cielo. (Traduzione de' Salmi e de' Cantici)

Chi non si lascia affogare nell’immediato e vigila, sente già la gioia dell’alba imminente e quasi tocca - con i piedi del desiderio e della speranza - le soglie della celeste Gerusalemme.


Nessun commento:

Posta un commento