domenica 21 luglio 2013

XVII domenica del tempo ordinario, anno C: Salmo 138,6


Ruminare i Salmi - Salmo 138, (Vulgata / liturgia 137),6:

CEI eccelso è il Signore, ma guarda verso l’umile
TILC In alto sta il Signore, ma si prende cura dei piccoli
NV excelsus Dominus et humilem respicit

Colossesi 2,13-14: Con lui Dio ha dato vita anche a voi, che eravate morti a causa delle colpe e della non circoncisione della vostra carne, perdonandoci tutte le colpe e annullando il documento scritto contro di noi che, con le prescrizioni, ci era contrario: lo ha tolto di mezzo inchiodandolo alla croce.
Luca 11,9-10: Ebbene, io vi dico: chiedete e vi sarà dato, cercate e troverete, bussate e vi sarà aperto. Perché chiunque chiede riceve e chi cerca trova e a chi bussa sarà aperto.

Bernardo di Clairvaux: Convertirsi significa imparare da Gesù, umile di cuore. Dio sta in alto: se chiedesse di salire lassù, tutti si calpesterebbero a vicenda pur di arrivarci. Ma è una strada inconcludente. Se vuoi arrivare fin lassù, diventa umile. E' una strada molto più facile: per questo il superbo è inescusabile.
SERMO II. Quomodo debeamus converti ad Dominum, 1. Ad Parvulum converti necesse est, ut discamus ab eo quia mitis est et humilis corde: ad hoc siquidem parvulus datus est nobis. Sane idem et magnus est, sed in civitate Domini, cui et dicitur: Exsulta et lauda, habitatio Sion, quia magnus in medio tui sanctus Israel. Quid tu inflaris, o homo? quid extolleris sine causa? quid alta sapis, et oculi tui omne sublime vident, quod tibi non cedet in bonum? Sublimis quidem Dominus, sed non ita proponitur tibi: laudabilis magnitudo illius, non etiam imitabilis. Elevata est magnificentia illius, et non poteris ad eam: nec si te ruperis, apprehendes. Accedet, inquit, homo ad cor altum, et exaltabitur Deus. Excelsus siquidem Dominus et humilia respicit, et alta a longe cognoscit. Humiliare, et apprehendisti. Haec plane lex pietatis, et propter hanc legem sustinui te, Domine. Si forte sublimitatis esset via proposita, et illic iter quo ostenderetur salutare Dei, quanta facerent homines ut exaltarentur? Quam crudeliter invicem sternerent, invicem conculcarent! Quam impudenter reperent, manibusque et pedibus conarentur in altum, ut imponerent sese homines super capita aliena! Et certe qui contendit supergredi alias, excedere proximos, multas inveniet difficultates, multos habebit aemulos, multos patietur contradictores, ascendentes equidem ex adverso: nihil vero facilius est volenti, quam humiliare semetipsum. Hoc verbum est, dilectissimi, quod omnino nos reddit inexcusabiles, ut ne tenue quidem nobis velamen praetendere liceat.

Se eravamo morti e Cristo ci ha risuscitato; se ha annullato il documento che deponeva contro di noi e ci ha perdonato, allora non possiamo presentarci a lui con superbia. E proprio l'umiltà ci spinge a chiedere tutto con grande confidenza.


Nessun commento:

Posta un commento