domenica 7 aprile 2013

III Domenica di Pasqua, anno C: Salmo 30,4


Salmo 30 (Vulgata/liturgia 29),4:

CEI Signore, hai fatto risalire la mia vita dagli inferi
TILC Mi hai sottratto al regno dei morti
NV Domine, eduxisti ab inferno animam meam

Giovanni 21,15
Gesù disse a Simon Pietro: «Simone, figlio di Giovanni, mi ami?». Gli rispose: «Certo, Signore, tu lo sai che ti voglio bene». Gli disse: «Pasci i miei agnelli».

S. Bernardo: La coscienza colpevole è una specie di inferno e di carcere

SERMO IV, De quatriduo Lazari et praeconio Virginis,4
Super hac Lazari suscitatione manifestius psallit propheta: Non derelinques animam meam in inferno; quia, ut dixisse me memini secundo hujus festivitatis die, infernus quidam et carcer animae, rea conscientia est. Nec dabis sanctum tuum (non suum ipsius, sed tuum utique, quem ipse sanctificas) videre corruptionem. Corruptione siquidem proximus erat quatriduanus, qui coeperat jam fetere. Prope erat ut penitus dissolveretur, et veniens in profundum malorum contemneret impius; sed praeventus voce virtutis, et ab ea vivificatus gratias agit dicens: Notas mihi fecisti vias vitae, adimplebis me laetitia cum vultu tuo. Ad ipsius siquidem contemplationem evocasti et eduxisti ab inferno animam meam: dum anxiaretur super me spiritus meus, intuens conscientiae propriae faciem nimis abominandam.

La risurrezione di Gesù è anche risurrezione di Pietro. Chiuso nel sepolcro in cui lo ha posto una sequela generosa ma troppo fondata su prospettive e forze personali, il Risorto lo libera per un servizio radicato nell'amore: dal carcere della fiducia in se stessi alla libertà della fiducia nel Signore.


Nessun commento:

Posta un commento