giovedì 28 aprile 2011

8 maggio 2011 - III domenica di pasqua

1Pietro 1,18-19
Voi sapete che non a prezzo di cose effimere, come argento e oro, foste liberati dalla vostra vuota condotta, ereditata dai padri, ma con il sangue prezioso di Cristo, agnello senza difetti e senza macchia.
εἰδότες ὅτι οὐ φθαρτοῖς, ἀργυρίῳ ἢ χρυσίῳ ἐλυτρώθητε ἐκ τῆς ματαίας ὑμῶν ἀναστροφῆς πατροπαραδότου, ἀλλὰ τιμίῳ αἵματι ὡς ἀμνοῦ ἀμώμου καὶ ἀσπίλου Χριστοῦ.
Scientes quod non corruptibilibus, auro vel argento, redempti estis de vana vestra conversatione paternæ traditionis, sed pretioso sanguine quasi agni immaculati Christi, et incontaminati

Nel "torchio" di Is 63,3 (Torcular calcavi solus - Nel torchio ho pigiato da solo, Expositio super Isaiam ad litteram, cap. 63) S. Tommaso vede la croce, dalla quale è stato spremuto 1. sangue, per redimerci (e qui egli ricorda il passo di 1Pt) 2. acqua, per purificarci 3. olio, per risanarci 4. miele, per rafforzarci 5. vino, per rallegrarci:

Nota super illo verbo "torcular calcavi" quod de torculari crucis fluxit:
* Primo sanguis ad redimendum: 1Pet. 1: non corruptibilibus auro vel argento redempti estis de vana vestra conversatione, sed pretioso sanguine Jesu Christi.
* Secundo aqua ad emundandum: Ps. 77: eduxit aquam de petra; Ezech. 36: effundam super vos aquam mundam.
* Tertio oleum ad sanandum: Job 29: petra fundebat mihi rivos olei.
* Quarto mel ad consolidandum: Deut. 32: ut sugeret mel de petra.
* Quinto vinum ad confortandum: Prov. 3: vino torcularia redundabunt.

Nessun commento:

Posta un commento