lunedì 9 novembre 2015

Cristo Re dell'universo, anno B: Salmo 93,2

Ruminare i Salmi - Salmo 93 (Vulgata / liturgia 92),2:

CEI Stabile è il tuo trono da sempre,
dall’eternità tu sei.
TILC Tu sei eterno, o Signore,
saldo è il tuo trono, da sempre.
NV Firmata sedes tua ex tunc,
a saeculo tu es.
V Parata sedes tua ex tunc,
a saeculo tu es.

Apocalisse 1,8 Dice il Signore Dio: «Io sono l’Alfa e l’Omèga, Colui che è, che era e che viene, l’Onnipotente!».
Giovanni 18,37 «Io sono re. Per questo io sono nato e per questo sono venuto nel mondo: per dare testimonianza alla verità. Chiunque è dalla verità, ascolta la mia voce».

Cassiodoro: Con queste parole, il salmo allude all'umanità e alla divinità unite nella persona di Cristo, che siede re a un tempo alla destra del Padre e nei cuori dei fedeli.
'Parata sedes tua, Deus, ex tunc; a saeculo tu es'. Ipse est quartus locus quem supra diximus a potestate. Sive illam sedem vult intelligi qua sedet ad dexteram Patris, sive istam quam habet in mente fidelium, sicut legitur: 'Super quem requiescit Spiritus meus, nisi super humilem, et quietum, et trementem verba mea?' (Is LXVI,2). 
'Parata' significat praedestinationem, quia totum in illa veritate consistit quidquid in administratione mundi evenire contigerit. 
'Ex tunc' significat Christi incarnationem, quae fuit ex Maria Virgine, quando apostolos suos et caeteros fideles plenitudine [plenitudinem] suae maiestatis edocuit. 
'A saeculo' deitatem significat, qua coaeternus regnans cum Patre, nescit esse sub tempore.
Per haec enim verba, una quidem persona, sed duae significantur naturae Domini Christi. Unde necessarium est hanc regulam per loca congrua (sicut patrum firmat auctoritas) saepius commonere. Atque utinam sic dementium haereticorum conquiescat improbitas, ut hoc magis importune quam necessarie repetere videamur. (Expositio in Psalterium, In ps. XCII)

Nessun potere umano può gestire o manipolare la Verità eterna, né arrestare il suo avvento.


Nessun commento:

Posta un commento