giovedì 17 settembre 2015

XXVI domenica del tempo ordinario, anno B: Salmo 19,14a

Ruminare i Salmi - Salmo 19 (Vulgata / liturgia 18),14a:

CEI Anche dall’orgoglio salva il tuo servo
perché su di me non abbia potere.
TILC Difendi il tuo servo dall'orgoglio:
su di me non abbia presa.
NV et a superbia custodi servum tuum, 
ne dominetur mei.
V et ab alienis parce servo tuo.
Si mei non fuerint dominati, tunc immaculatus ero,
et emundabor a delicto maximo.

Giacomo 5,1-3 Ora a voi, ricchi: piangete e gridate per le sciagure che cadranno su di voi! Le vostre ricchezze sono marce, i vostri vestiti sono mangiati dalle tarme. Il vostro oro e il vostro argento sono consumati dalla ruggine, la loro ruggine si alzerà ad accusarvi e divorerà le vostre carni come un fuoco.
Marco 9,42-48 Chi scandalizzerà uno solo di questi piccoli che credono in me, è molto meglio per lui che gli venga messa al collo una macina da mulino e sia gettato nel mare. Se la tua mano ti è motivo di scandalo, tagliala: è meglio per te entrare nella vita con una mano sola, anziché con le due mani andare nella Geènna, nel fuoco inestinguibile. E se il tuo piede ti è motivo di scandalo, taglialo: è meglio per te entrare nella vita con un piede solo, anziché con i due piedi essere gettato nella Geènna. E se il tuo occhio ti è motivo di scandalo, gettalo via: è meglio per te entrare nel regno di Dio con un occhio solo, anziché con due occhi essere gettato nella Geènna, dove il loro verme non muore e il fuoco non si estingue.

Pietro Cantore: La superbia è il peccato massimo, in quanto ci separa da Dio.
... nihil adeo Deo displicet sicut cervix erecta post peccatum. Item idem: «Si mei non fuerint dominati, tunc immaculatus ero, et emundabor a delicto maximo», id est superbia. Nihil enim gravius est quam «apostatare a Deo» (Eccli X,14), quod facit superbia. (...) «Et emundabor a delicto maximo», id est a delicto superbiae, quod vere est maximum. Non enim est maius peccatum quam «apostatare a Deo», quod est vitium superbiae hominis et angeli. «Superbia vero est initium» et causa «omnis peccati» (Eccli X,15), id est omnis generis peccati, qua, qui caret, ille vero est immunis ab omni peccato. (Verbum Abbreviatum X, De Suggillatione Superbiae)
Bruno di Colonia: Quando gli disobbediamo, montiamo in superbia contro Dio e ci allontaniamo da lui.
Tunc immaculatus ero, id est innocens. Et tunc emundabor, id est mundus ero a delicto maximo, id est a superbia, quae delictum maximum recte dicitur eo quod per illam primum a Deo recedimus. Cum enim inobedientes sumus, contra Deum superbimus. (In ps. XVIII)
Tommaso d'Aquino: Praeterea, super illud Psalm. XVIII,14: emundabor a delicto maximo, dicit Glossa quod delictum maximum est superbia; qua qui caret, omni vitio caret. Ex quo videtur quod superbia sit vitium commune. Sed commune non dividitur contra proprium. Ergo non debet superbia poni vitium capitale condivisum ab aliis, sicut a quibusdam ponitur.
...
Ad decimumsextum dicendum, quod sicut dictum est, superbia dupliciter accipi potest. Uno modo secundum quod importat quamdam rebellionem ad legem Dei; et sic est universalis radix omnium peccatorum, ut Gregorius dicit, unde non enumerat eam inter vitia capitalia, sed inanem gloriam. Alio modo potest accipi superbia secundum quod est inordinatus appetitus cuiusdam excellentiae; et sic ponitur vitium capitale aliis condivisum. Et quia ad huiusmodi excellentiam maxime videtur pertinere humana gloria, ideo Gregorius loco huius superbiae specialis, inanem gloriam ponit. (De malo, q. 8 a. 1 arg. 16)

Il grande scandalo, cioè inciampo, è la superbia, usurpazione di una qualche ricchezza, che ha il potere di far marcire tra le nostre mani ogni buon dono di Dio.


Nessun commento:

Posta un commento