venerdì 26 giugno 2015

XV domenica del tempo ordinario, anno B: Salmo 85,11

Ruminare i Salmi - Salmo 85 (Vulgata / liturgia 84),11:

CEI Amore e verità s’incontreranno,
giustizia e pace si baceranno.
TILC Amore e fedeltà si incontreranno,
giustizia e pace si abbracceranno.
NV e V Misericordia et veritas obviaverunt sibi,
iustitia et pax osculatae sunt.

Efesini 1,3.13-14 Benedetto Dio, Padre del Signore nostro Gesù Cristo, che ci ha benedetti con ogni benedizione spirituale nei cieli in Cristo. ... Avete ricevuto il sigillo dello Spirito Santo che era stato promesso, il quale è caparra della nostra eredità, in attesa della completa redenzione di coloro che Dio si è acquistato a lode della sua gloria.
Marco 6,7.12 Chiamò a sé i Dodici e prese a mandarli a due a due e dava loro potere sugli spiriti impuri. ... Ed essi, partiti, proclamarono che la gente si convertisse, scacciavano molti demòni, ungevano con olio molti infermi e li guarivano.

Bruno di Colonia: La misericordia e la verità divina realizzano infallibilmente la promessa di Dio, cioè la gloriosa pace del Regno di Dio, nella quale gli uomini sono riconciliati nell'amore filiale e fraterno.
Et ad hanc pacem non per nostra merita attingemus, sed per misericordiam Dei et per veritatem eius, quoniam verax est, et cum hoc promiserit, non potest non complere, et misericors in natura, vere per misericordiam et veritatem Dei ad hoc attingemus; ideo namque misericordia et veritas obviaverunt sibi, id est concordabunt inter se haec duo ad hoc efficiendum ut pacem et gloriam habeamus, a similitudine aliquorum, qui sibi obviam veniunt ad hoc ut aliquid concordanter efficiant. Ac si dicat: Nunc concorditer misericordia et veritas Dei cooperabuntur, ut pacem et gloriam adipiscamur, et per hoc etiam ad haec deveniemus, quia per misericordiam Dei in hominibus iustitia, id est remissio peccatorum, et pax, id est dilectio Dei et proximi osculatae sunt, id est concordabuntur valde, a similitudine concordantium, qui sese mutuo osculantur. Quod est dicere: Per hoc ad pacem aeternam et gloriam homines devenient, quia misericordia et veritas Dei, et iustitia et pax per misericordiam Dei hominibus datae, hoc cooperabuntur. (Expositio in Psalmos, In Ps. LXXXIV)

Guerrico d'Igny: In Gesù (bambino) la misericordia e la verità s'incontrano per operare un meraviglioso scambio: prendere la nostra umanità per darci la sua divinità.
Gratias agimus gratuitae atque gratiosae nativitati tuae, Deus fili hominis, per quam accessum habemus in gratiam istam in qua stamus, et gloriamur in spe gloriae filiorum Dei (Rm 5,2). Prorsus admirabile commercium, ut sumens carnem, largiaris deitatem! commercium, inquam, charitate, non cupiditate contractum; indulgentiae quidem tuae gloriosum, sed indigentiae meae omnino lucrosum. Vere tu puer misericors, quem sola misericordia puerum fecit: licet pariter misericordia et veritas in te obviaverunt sibi. Vere, inquam, tu misericors puer, natus es nobis, non tibi: lucra nostra, non augmenta tua nascens de nobis quaesisti, quia ad hoc solum nasci dignatus es, ut nos minoratione tui proveheres, humiliatione glorificares. (Sermo III. De admirabili Dei cum homine commercio)

La missione della Chiesa è sacramento del Regno, segno e strumento della benedizione nello Spirito Santo che unisce pienamente gli uomini con Dio e tra di loro.


Nessun commento:

Posta un commento