sabato 13 dicembre 2014

IV domenica di avvento, anno B: Salmo 89,27

Ruminare i Salmi - Salmo 89 (Vulgata / liturgia 88),20:

CEI «Egli mi invocherà: “Tu sei mio padre,
mio Dio e roccia della mia salvezza”.
TILC Egli mi dirà: 'Tu sei mio padre e mio Dio,
la roccia della mia salvezza'.
NV Ipse invocabit me: “Pater meus es tu,
Deus meus et refugium salutis meae”.
V Ipse invocabit me: Pater meus es tu,
Deus meus, et susceptor salutis meae

Romani 16,25-26 ...il mio vangelo annuncia Gesù Cristo,
secondo la rivelazione del mistero,
avvolto nel silenzio per secoli eterni,
ma ora manifestato mediante le scritture dei Profeti,
per ordine dell’eterno Dio,
annunciato a tutte le genti
perché giungano all’obbedienza della fede...

Luca 1,30-33 L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine».

Ambrogio: Il trono promesso alla discendenza di David spetta al Figlio dell'Altissimo che si fa figlio di Maria.
Non Salomonem utique, non Roboam, non Nathan, sed illum de quo solo potest dicere: 'Ponam in mari manum eius, et in fluminibus dexteram eius. Ipse invocabit me, Pater meus es tu' (Ps. 88,26-27); et 'Ponam in saeculum saeculi semen eius, et thronum eius sicut dies coeli' (Ibid.,30). Non utique hunc thronum Salomon sedit, non Roboam, non Iechonias. Vis scire quis sederit? Hic est de quo dicit angelus ad Mariam: 'Ecce concipies in utero, et paries filium, et vocabis nomen eius Iesum. Hic erit magnus, et filius Altissimi vocabitur: et dabit illi Dominus Deus sedem David patris sui, et regnabit in domo Iacob in aeternum, et regni eius non erit finis'. Si angelo non credis, ipsi saltem Domino crede dicenti: 'Tu dicis, quia ego sum rex'. (In Luc. III,42)

Tommaso d'Aquino: La persona del Padre si distingue dalle altre persone trinitarie per la paternità, e dunque 'Padre' è il suo nome proprio.
Nomen proprium cuiuslibet personae significat id per quod illa persona distinguitur ab omnibus aliis. Sicut enim de ratione hominis est anima et corpus, ita de intellectu huius hominis est haec anima et hoc corpus, ut dicitur in VII Metaphys.; his autem hic homo ab omnibus aliis distinguitur. Id autem per quod distinguitur persona patris ab omnibus aliis, est paternitas. Unde proprium nomen personae patris est hoc nomen 'pater', quod significat paternitatem. (S. Th. I,33,2)

Il Figlio dell'Altissimo si fa figlio di Maria per farci figli con, per e in lui, mediante l'obbedienza della fede.


Nessun commento:

Posta un commento