sabato 30 agosto 2014

XXIII domenica del tempo ordinario, anno A: Sal 95,7

Ruminare i Salmi - Salmo 95 (Vulgata / liturgia 94),7:

CEI È lui il nostro Dio
e noi il popolo del suo pascolo,
il gregge che egli conduce.
TILC Lui è il nostro Dio e il nostro pastore,
noi siamo il suo popolo,
il gregge che la sua mano conduce.
NV ipse est Deus noster,
et nos populus pascuae eius 
et oves manus eius.

Romani 13,8 Non siate debitori di nulla a nessuno, se non dell’amore vicendevole; perché chi ama l’altro ha adempiuto la Legge.
Matteo 18,18-19 In verità io vi dico: tutto quello che legherete sulla terra sarà legato in cielo, e tutto quello che scioglierete sulla terra sarà sciolto in cielo.
In verità io vi dico ancora: se due di voi sulla terra si metteranno d’accordo per chiedere qualunque cosa, il Padre mio che è nei cieli gliela concederà.

Rabàno Mauro: Gesù è il pastore al quale il Padre ha dato ogni potere in cielo e in terra: è suo dono quel che noi, suo gregge, di giusto e sapiente sentiamo, diciamo e facciamo.
Sapientiae dux Deus est, quoniam omnipotens Pater incarnationis unigeniti Filii sui auctor est, quem misit in mundum, ut illuminationem veritatis perciperet genus humanum, cui dedit omnem potestatem in coelo et in terra, quoniam ex ipso, et per ipsum, et in ipso sunt omnia, ipseque fecit nos et non ipsi nos. Nos autem populus eius, et oves pascuae eius (Psal. XCIX). Cuius donum est quidquid recte sentimus, quidquid recte proferimus, et quidquid in bonis actibus elaboramus. (Rabanus Maurus, Commentaria in librum Sapientiae, II,3)

Ruperto di Deutz: Liberati dal Faraone (il diavolo e i peccati), e dall’Egitto (l’ignoranza), segnati col segno dell’Agnello, attraversato il mare con il battesimo, beviamo il cibo e la bevanda spirituale, il corpo e il sangue del Pastore-Agnello.
Nonne omnis ecclesiasticus ordo legendo et scribendo praedicat atque concinit quod nos populus Domini et oves pascuae sive grex haereditatis eius, secundum illorum similitudinem dierum a spirituali Pharaone, id est a diabolo liberati, et a peccatis in quibus servivimus ei, de Aegypto huius saeculi, id est de ignorantiae tenebris exivimus, signatis frontibus nostris signo passionis Christi, qui et agnus verus et pastor bonus est, et transivimus mare baptismi, et ecce spiritualem escam manducavimus, et spiritualem potum bibimus, scilicet corpus et sanguinem eiusdem pastoris et agni? 
(Rupertus Tuitiensis, Commentaria in duodecim prophetas minores, III, 7)

Liberi dall'individualismo, popolo in cammino sotto la guida del Pastore, viviamo la carità fraterna e la comunione nella preghiera.


Nessun commento:

Posta un commento