sabato 26 luglio 2014

XVIII domenica del tempo ordinario, anno A: Salmo 145,16

Ruminare i Salmi - Salmo 145 (Vulgata / liturgia 144),16:

CEI Tu apri la tua mano
e sazi il desiderio di ogni vivente.
NV Aperis tu manum tuam
et imples omne animal in beneplacito.
V Aperis tu manum tuam,
et imples omne animal benedictione.

Rm 8,35.37 Chi ci separerà dall’amore di Cristo? Forse la tribolazione, l’angoscia, la persecuzione, la fame, la nudità, il pericolo, la spada? … Ma in tutte queste cose noi siamo più che vincitori grazie a colui che ci ha amati.
Mt 14,19-20 Dopo aver ordinato alla folla di sedersi sull’erba, prese i cinque pani e i due pesci, alzò gli occhi al cielo, recitò la benedizione, spezzò i pani e li diede ai discepoli, e i discepoli alla folla. Tutti mangiarono a sazietà, e portarono via i pezzi avanzati: dodici ceste piene.

Alberto Magno: Nel sacramento dell’altare, il Signore ci dona tutto se stesso, niente escluso: corpo, anima, divinità. Tutti aspettiamo che apra la sua grande e generosa mano, e ci riempia della benedizione che è lui stesso dato in cibo. (Magnificum autem donum est sibi in corpore et anima et deitate nihil privatum retinere, quod non nobis exhibeat: unde dicitur, Deuteron. XXXII,3 et 4: ‘Date magnificentiam Deo nostro. Dei perfecta sunt opera’. Perfectum tunc fuit opus donationis, quando nihil sibi privatum retinuit quod non nobis donaverit: tunc enim omni laude liberalitatis suae, sicut dicit Psalmista, Psal. VII,2: ‘Elevata est magnificentia tua super coelos’: et quidquid in coelo fuit gratiae et gloriae, totum nobis dedit. Unde hanc magnificentiam canens Psalmista, Psal. CIII,27, dicit: ‘Omnia a te exspectant, ut des illis escam in tempore’. Hoc est donum alimenti divini, de quo dicitur, Psal. CXLIV,16: ‘Aperis tu manum tuam, et imples omne animal benedictione’. Ac si dicat: Quidquid hactenus dedisti, parum est, adhuc media destituit, exspectamus omnes donec largam manum magnificentiae aperias, et nos omnes dono quo teipsum das in escam, benedictione impleas. Et hoc est quod in Evangelio Matthei, XXII,2, dicitur de coena magna, quae ex abundanti omnibus Dei magnificentia est praeparata. - De Corpore Domini, dist. 2, tract. 1, cap. 1)

L’uomo è essere ‘famelico’ per eccellenza: la sua fame ultima è Dio stesso.


Nessun commento:

Posta un commento