domenica 1 giugno 2014

Pentecoste, anno A: Salmo 104,29

Ruminare i Salmi - Salmo 104 (Vulgata / liturgia 103),29:

104,29 CEI Togli loro (alle tue creature) il respiro: muoiono,
e ritornano nella loro polvere.
TILC togli loro il respiro ed essi muoiono,
tornano ad essere polvere!
NV auferes spiritum eorum, et deficient
et in pulverem suum revertentur.

At 2,1-4 Mentre stava compiendosi il giorno della Pentecoste, si trovavano tutti insieme nello stesso luogo. Venne all’improvviso dal cielo un fragore, quasi un vento che si abbatte impetuoso, e riempì tutta la casa dove stavano. Apparvero loro lingue come di fuoco, che si dividevano, e si posarono su ciascuno di loro, e tutti furono colmati di Spirito Santo e cominciarono a parlare in altre lingue.
1Cor 12,3 Nessuno può dire: «Gesù è Signore!», se non sotto l’azione dello Spirito Santo.
Gv 20,22-23 Gesù soffiò sui discepoli e disse loro: «Ricevete lo Spirito Santo. A coloro a cui perdonerete i peccati, saranno perdonati; a coloro a cui non perdonerete, non saranno perdonati».

Ambrogio: Senza lo Spirito Santo, Creatore, nessuna creatura può sussistere.
(Itaque cum superferebatur Spiritus, nulla erat gratia creaturae: postea vero quam operationem Spiritus etiam creatura mundi istius suscepit, omnem hanc gratiae meruit venustatem, qua mundus illuxit. Denique sine Spiritu sancto universitatis gratiam manere non posse Propheta declaravit dicens: Auferes Spiritum eorum, et deficient, et in pulverem suum revertentur. Emitte Spiritum tuum, et creabuntur, et innovabis omnem faciem terrae (Ps 103,29-30). Non solum igitur sine Spiritu docuit omnem creaturam stare non posse, sed etiam creatorem totius esse Spiritum creaturae. De Spiritu Sancto V,33)
Aelredo: E’ bene per il superbo cadere ed essere umiliato, perché sia eliminato lo spirito di superbia e discenda lo Spirito di dio, che non riposa se non sull’umile e il pacifico.
(Itaque quicunque putat se aliquid esse, cum nihil sit, ipse se seducit (Gal. VI). Et quicunque putat scire se aliquid, nondum intelligit, quomodo oporteat eum scire (I Cor. VIII). Utinam quicunque tales sunt, visitet eos Dominus in virga correptionis suae, quiescere faciens superbiam infidelium, et arrogantiam fortium humilians. Expedit itaque superbis, ut ait quidam sanctus, ut in aliquod manifestum peccatum incidant, ut humilientur, fiatque illud, quod scriptum est: ‘Auferes spiritum eorum, et deficient, et in pulverem suum revertentur’ (Psal. CIII). Spiritus nempe hominis proprie spiritus est superbiae. Quo ablato, ad pulverem suum, id est, ad propriae fragilitatis cognitionem revertitur, ut emittatur ei Spiritus Dei, qui non requiescit, nisi super humilem et quietum, et trementem sermones eius: ut ita recreetur et renovetur, proficiatque in virum perfectum, et in hominem rationi per omnia consentientem: et sic sit, quod hic scriptum est: Pretiosior erit vir auro, et homo mundo obrizo. Sermones de oneribus, Sermo XIII su Is 13,11 visitabo super urbes (orbis) mala)
Alfonso Maria de’ Liguori: Considera che sei terra, ed in terra hai da ritornare. Ha da venire un giorno che hai da morire e da trovarti a marcire in una fossa, dove sarai coperto da' vermi. «Operimentum tuum erunt vermes» (Is 14,11). A tutti ha da toccare la stessa sorte, a nobili ed a plebei, a principi ed a vassalli. Uscita che sarà l'anima dal corpo con quell'ultima aperta di bocca, l'anima anderà alla sua eternità, e 'l corpo ha da ridursi in polvere. «Auferes spiritum eorum, et in pulverem revertentur» (Ps 103,29). (Apparecchio alla Morte, Considerazione 1, Punto 1)


Nessun commento:

Posta un commento