domenica 11 maggio 2014

V domenica di Pasqua, anno A: Salmo 33,4

Ruminare i Salmi - Salmo 33 (Vulgata / liturgia 32),4:

CEI Retta è la parola del Signore
e fedele ogni sua opera.
TILC Chiara è la parola del Signore,
sicure sono tutte le sue opere.
NV Rectum est verbum Domini,
et omnia opera eius in fide.

At 6,4 Noi ci dedicheremo alla preghiera e al servizio della Parola.
1Pt 2,7-8 Onore a voi che credete; ma per quelli che non credono “la pietra che i costruttori hanno scartato è diventata pietra d’angolo” e sasso d’inciampo, pietra di scandalo. Essi v’inciampano perché non obbediscono alla Parola.
Gv 14,1 Non sia turbato il vostro cuore. Abbiate fede in Dio e abbiate fede anche in me.

Concilio Vaticano II, Dei Verbum 2: Questa economia della Rivelazione comprende eventi e parole intimamente connessi, in modo che le opere, compiute da Dio nella storia della salvezza, manifestano e rafforzano la dottrina e le realtà significate dalle parole, mentre le parole proclamano le opere e illustrano il mistero in esse contenuto. (Haec revelationis oeconomia fit gestis verbisque intrinsece inter se connexis, ita ut opera, in historia salutis a Deo patrata, doctrinam et res verbis significatas manifestent ac corroborent, verba autem opera proclament et mysterium in eis contentum elucident.)

Alfonso de’ Liguori: In questo salmo il salmista esorta i giusti a lodare il Signore, a temere i suoi giudizi ed insieme a confidare nella sua misericordia. …
Il Signore è sincero nelle sue parole, e tutte le sue opere son fedeli, cioè stabili.

Parole e opere del Signore sono pienamente affidabili e solide. Chi su di esse non costruisce, ci sbatte contro. Occorre pertanto fidarsi del Signore, guardandosi bene dal dimenticarle.


Nessun commento:

Posta un commento