sabato 24 maggio 2014

Ascensione del Signore, anno A: Salmo 47,6

CEI Ascende Dio tra le acclamazioni,
il Signore al suono di tromba.
TILC Dio procede fra grida di gioia.
Il Signore avanza al suono delle trombe.
NV Ascendit Deus in iubilo,
et Dominus in voce tubae.

Atti 1,9 Mentre lo guardavano, Gesù fu elevato in alto e una nube lo sottrasse ai loro occhi.
Efesini 1,21-22 Dio risuscitò Gesù dai morti
e lo fece sedere alla sua destra nei cieli,
al di sopra di ogni Principato e Potenza,
al di sopra di ogni Forza e Dominazione
e di ogni nome che viene nominato
non solo nel tempo presente ma anche in quello futuro.
Matteo 28,18-20 «A me è stato dato ogni potere in cielo e sulla terra. Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, insegnando loro a osservare tutto ciò che vi ho comandato. Ed ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo».

Liturgia:
Il Signore Gesù, re della gloria,
vincitore del peccato e della morte,
oggi è salito al cielo tra il coro festoso degli angeli.

Per questo mistero, nella pienezza della gioia pasquale,
l’umanità esulta su tutta la terra,
e con l’assemblea degli angeli e dei santi
canta l’inno della tua gloria.

Beda il Venerabile: Gesù sale al cielo tra le acclamazioni dei discepoli, lieti per la gloria della sua dipartita. Il suono di tromba allude al suo ritorno glorioso per il giudizio, annunziato dagli angeli. (Haec de lectione Evangelii, prout potuimus, exponendo transcurrimus; sed quia in eadem lectione apertum discipulis sensum ad intelligendum Scripturas audivimus, libet de ipsis prophetarum scripturis aliqua ad memoriam reducere, gaudiumque evangelicae solemnitatis etiam propheticae assertionis accumulare ac condire praeconiis. Loquitur ergo de hac solemnitate Psalmista: ‘Ascendit Deus in iubilatione: Dominus in voce tubae’ (Psal. XLVI). Ascendit quippe in iubilatione, quia laetantibus de sublevationis eius gloria discipulis, coelum petit. Ascendit et in voce tubae, quia praeconantibus angelis reditum eius ad iudicandos vivos et mortuos, sedem regni coelestis adiit. - Hom. IX. In Ascensione D.ni.)
Pietro Abelardo: Il Signore è acclamato dal giubilo degli angeli e dei prigionieri che ha liberato, con una vittoria espressa dal suono della tromba. (Hic autem coelos ascendens benedixit discipulis, ut tanto excellentior haec dies habeatur, quanto felicior ex benedictione divina efficitur. Nec solum qui praeibant, verum etiam qui sequebantur, laudes ibi praecinebant. Sic et hodie tam praecedentium angelorum chori quam captivi liberatorem suum sequentes, summa et ineffabili iubilatione victori laudes acclamabant, sicut scriptum est: Ascendit Deus in iubilatione, et Dominus in voce tubae (Psal. XLVI, 6), id est cum signo victoriae. - Sermo XV, In Die Ascensionis)
S. Alfonso Maria de’ Liguori: Ecco come in giubilo ed a suono di trombe ascende al cielo il nostro Salvatore per sua propria virtù, poiché egli è Dio. (Traduzione de' Salmi e de' Cantici)


Nessun commento:

Posta un commento