lunedì 5 marzo 2012

11 marzo 2012 - III domenica di quaresima


1Corinzi 1,22-25
Mentre i Giudei chiedono segni e i Greci cercano sapienza, noi invece annunciamo Cristo crocifisso: scandalo per i Giudei e stoltezza per i pagani; ma per coloro che sono chiamati, sia Giudei che Greci, Cristo è potenza di Dio e sapienza di Dio.
Infatti ciò che è stoltezza di Dio è più sapiente degli uomini, e ciò che è debolezza di Dio è più forte degli uomini.
ἐπειδὴ καὶ Ἰουδαῖοι σημεῖα αἰτοῦσιν καὶ Ελληνες σοφίαν ζητοῦσιν, ἡμεῖς δὲ κηρύσσομεν Χριστὸν ἐσταυρωμένον, Ἰουδαίοις μὲν σκάνδαλον ἔθνεσιν δὲ μωρίαν, αὐτοῖς δὲ τοῖς κλητοῖς, Ἰουδαίοις τε καὶ Ελλησιν, Χριστὸν θεοῦ δύναμιν καὶ θεοῦ σοφίαν: ὅτι τὸ μωρὸν τοῦ θεοῦ σοφώτερον τῶν ἀνθρώπων ἐστίν, καὶ τὸ ἀσθενὲς τοῦ θεοῦ ἰσχυρότερον τῶν ἀνθρώπων.
Quoniam et Judaei signa petunt, et Graeci sapientiam quaerunt; nos autem praedicamus Christum crucifixum, Judaeis quidem scandalum, gentibus autem stultitiam, 24 ipsis autem vocatis Judaeis, atque Graecis Christum Dei virtutem, et Dei sapientia. Quia quod stultum est Dei, sapientius est hominibus, et quod infirmum est Dei, fortius est hominibus.

A. Le ragioni della fede, cap. 7
Abbiamo già parlato di questo capitolo, vedi qui.
Tommaso ci ricorda che se ci diamo la pena (cosa che specialmente in quaresima dovremmo fare) di considerare con attenzione e meditare il mistero della croce, ci troviamo una ricchezza inesauribile, e ci rendiamo conto della verità delle parole di Paolo: la croce esprime la vera sapienza; ben più sapiente di tante teorie umane.

Si quis ergo convenientiam passionis et mortis Christi pia intentione consideret, tantam sapientiae profunditatem inveniet, ut semper aliqua cogitanti plura et maiora occurrant, ita quod experiri possit verum esse quod apostolus dicit: "nos praedicamus Christum crucifixum, Iudaeis quidem scandalum, gentibus autem stultitiam; nobis autem Christum Dei virtutem et Dei sapientiam"; et iterum: "quod stultum est Dei, sapientius est hominibus".

B. Super Psalmo 21 n. 11
Nel commentare Sal 22,15 (Sicut aqua effusus sum - Io sono come acqua versata), Tommaso spiega l'espressione in tre modi:
1. dell'acqua versata non rimane, nel contenitore, proprio niente, nessuna traccia. L'espressione esprime dunque la totale labilità della vita umana
2. l'acqua lava, come la passione di Gesù ci lava; e irriga, come la passione ci fa rifiorire
3. l'acqua rende la strada scivolosa, e fa cadere, come la croce di Cristo diviene scandalo e occasione di caduta per gl'increduli; ed ecco il nostro passo paolino.

Consequenter ponit persecutionis effectum. Et primo proponit hunc effectum. ... Dicit ergo, persequuntur me et nocent: quia quantum ad corporalem salutem totaliter invaluerunt; et ideo dicit: sicut aqua effusus sum. Si effundatur oleum; aliquid remanet in vase; si effundatur vinum, saltem remanet odor in vase; sed de aqua nihil remanet; quasi dicat: totaliter effusus sum secundum eorum opinionem: 2 Reg. 14: quasi aquae dilabimur, quae non revertuntur super terram. Aqua leviter effunditur et projicitur: sic ego effusus sum. Sicut etiam Judaei non solum eum delere desuper terram conati sunt, sed etiam famam ejus perdere voluerunt.
Vel assimilatur Christus aquae, quia aqua lavat; sic passio Christi de omnibus peccatis et omnes sordes lavat: Apoc. 1: dilexit nos et lavit nos a peccatis nostris in sanguine suo. Item aqua rigat et facit fructificare: sic passio Christi: Eccl. 24: dixi, irrigabo hortum meum et cetera. Et fructificat fructum vitae aeternae: Eccl. 24: flores mei (idest passionis meae) fructus honoris et honestatis.
Item facit viam lubricam: sic passio Christi disponit Judaeos ad casum: 1 Cor. 1: nos autem praedicamus Christum crucifixum: Judaeis quidem scandalum, gentibus autem stultitiam; ipsis autem vocatis Judaeis atque Graecis Christum Dei virtutem et Dei sapientiam.

Nessun commento:

Posta un commento