martedì 12 luglio 2011

24 luglio 2011 - XVII domenica del tempo ordinario

Romani 8,28
Noi sappiamo che tutto concorre al bene, per quelli che amano Dio, per coloro che sono stati chiamati secondo il suo disegno.
οἴδαμεν δὲ ὅτι τοῖς ἀγαπῶσιν τὸν θεὸν πάντα συνεργεῖ εἰς ἀγαθόν, τοῖς κατὰ πρόθεσιν κλητοῖς οὖσιν.
Scimus autem quoniam diligentibus Deum omnia cooperantur in bonum, iis qui secundum propositum vocati sunt sancti.

Sal 26,9 Ne avertas faciem tuam a me; CEI 27,9: Non nascondermi il tuo volto

L'uomo distoglie il volto quando non vuole ascoltare un altro. Applicata a Dio, questa metafora significa: l'uomo non riesce più a stare in rapporto buono con Dio. Non è Dio in se stesso che distoglie la faccia, egli è immutabile; è il cuore dell'uomo che viene velato, divenendo incapace di vedere il volto di Dio. Causa di questa eclisse del volto divino può essere l'ira di Dio (e questa è la pena massima); oppure la misericordia (quando Dio non guarda i peccati: "distogli il tuo sguardo dai miei peccati", Sal 51,11); oppure la provvidenza (quando Dio permette che uno cada perché risorga più forte, perché per chi ama Dio, tutto, addirittura il nascondimento del suo volto, concorre al bene).

Super Psalmo 26 n. 9
Dicit ergo, faciem tuam, domine, requiram. Et rogo, ne avertas faciem tuam a me; quasi dicat, sicut avertit homo ab homine, quando non vult eum audire. Sed aliter est in Deo quam in homine. Homo enim avertens faciem mutatur. Ipse Deus autem immobilis est; sed dicitur avertere faciem, inquantum nos avertimur et immutamur. Et per hoc quod in corde nostro fit aliquod velamen quo inepti reddimur ad videndum faciem suam. Et ideo littera Hieronymi habet, ne abscondas: Isa. 8: expectabo dominum qui abscondit faciem suam a domo Jacob.
Causa vero aversionis est ira Dei in poenam peccati. Et haec aversio est maxima poenarum; et hoc est quod dicit, et ne declines in ira a servo tuo, idest ne irascaris mihi in hoc quod declines faciem tuam a me. Et dicit, in ira: quia aliquando declinat in misericordia, cum scilicet non respicit peccata: Ps. 50: averte faciem tuam a peccatis meis. Aliquando declinat in providentia, quando scilicet permittit aliquem cadere ut fortius resurgat, quia diligentibus Deum omnia cooperantur in bonum, Rom. 8.

Nessun commento:

Posta un commento