giovedì 14 aprile 2011

22 aprile 2011 - venerdi santo

Ebrei 5,8-9:
Pur essendo Figlio, [Cristo] imparò l’obbedienza da ciò che patì e, reso perfetto, divenne causa di salvezza eterna per tutti coloro che gli obbediscono.
καίπερ ὢν υἱὸς ἔμαθεν ἀφ'ὧν ἔπαθεν τὴν ὑπακοήν, καὶ τελειωθεὶς ἐγένετο πᾶσιν τοῖς ὑπακούουσιν αὐτῷ αἴτιος σωτηρίας αἰωνίου.
Et quidem cum esset Filius Dei, didicit ex iis, quæ passus est, obedientiam; et consummatus, factus est omnibus obtemperantibus sibi, causa salutis æternæ.

Se Cristo "è divenuto causa di salvezza eterna per tutti coloro che gli obbediscono", possiamo davvero dire che la legge della nuova alleanza, la legge evangelica, rende giusti e salva? Se solo chi obbedisce a Cristo sperimenta la sua salvezza, non si deve riconoscere che ad essa manca qualcosa, che le occorre un ulteriore apporto? Non siamo allora, daccapo, alla ricerca di qualcos'altro, che appunto renda possibile quella obbedienza?

S. Tommaso (Summa Theologiae Iª-IIae q. 106 articulus 2) risponde: la legge evangelica è principalmente il dono dello Spirito Santo effuso nei cuori; tale dono trasforma l'uomo dall'interno e in questo modo lo salva. Secondariamente essa è anche una serie di precetti contenuti nel Nuovo Testamento; e da questo punto di vista è analoga alla legge antica (Antico Testamento): rimane, senza lo Spirito, esteriore all'uomo, non lo trasforma, e perciò lo "uccide".

In pratica, solo nella integrale (interiore ed esteriore) obbedienza a Cristo si realizza la legge nuova. Così vanno intese le varie affermazioni sulla piena e universale salvezza portata da Cristo: non in modo magico, quasi che essa sia per il singolo automaticamente giustificante. Per l'uomo non c'è altra salvezza se non la deificazione. Chi pensa diversamente, sia che con Lutero pensi a una giustizia estrinseca derivante dalla "sola fede", sia che attraverso qualsiasi altro percorso ritenga che l'essere profondo di Dio (ossia il suo Spirito) rimanga comunque estraneo all'uomo, torna alla legge antica e vanifica la croce.

Videtur quod lex nova non iustificet. Nullus enim iustificatur nisi legi Dei obediat; secundum illud ad Heb. V: "factus est, scilicet Christus, omnibus obtemperantibus sibi causa salutis aeternae". Sed Evangelium non semper hoc operatur quod homines ei obediant, dicitur enim Rom. X, non omnes obediunt Evangelio. Ergo lex nova non iustificat.
...
Respondeo dicendum quod, sicut dictum est, ad legem Evangelii duo pertinent.
* Unum quidem principaliter, scilicet ipsa gratia spiritus sancti interius data. Et quantum ad hoc, nova lex iustificat. Unde Augustinus dicit, in libro de spiritu et littera, ibi, scilicet in veteri testamento, lex extrinsecus posita est, qua iniusti terrerentur, hic, scilicet in novo testamento, intrinsecus data est, qua iustificarentur.
* Aliud pertinet ad legem Evangelii secundario, scilicet documenta fidei, et praecepta ordinantia affectum humanum et humanos actus. Et quantum ad hoc, lex nova non iustificat. Unde apostolus dicit, II ad Cor. III, littera occidit, spiritus autem vivificat. Et Augustinus exponit, in libro de spiritu et littera, quod per litteram intelligitur quaelibet Scriptura extra homines existens, etiam moralium praeceptorum qualia continentur in Evangelio. Unde etiam littera Evangelii occideret, nisi adesset interius gratia fidei sanans.

Ad primum ergo dicendum quod illa obiectio procedit de lege nova non quantum ad id quod est principale in ipsa, sed quantum ad id quod est secundarium in ipsa, scilicet quantum ad documenta et praecepta exterius homini proposita vel verbo vel scripto.

Nessun commento:

Posta un commento