mercoledì 13 ottobre 2010

17 ottobre 2010 - XXIX domenica del tempo ordinario

2Timoteo 3,16-17

16 Tutta la Scrittura, ispirata da Dio, è anche utile per insegnare, convincere, correggere ed educare nella giustizia, 17 perché l'uomo di Dio sia completo e ben preparato per ogni opera buona.

16 πᾶσα γραφὴ θεόπνευστος καὶ ὠφέλιμος πρὸς διδασκαλίαν, πρὸς ἐλεγμόν, πρὸς ἐπανόρθωσιν, πρὸς παιδείαν τὴν ἐν δικαιοσύνῃ, 17 ἵνα ἄρτιος ᾖ ὁ τοῦ θεοῦ ἄνθρωπος, πρὸς πᾶν ἔργον ἀγαθὸν ἐξηρτισμένος.

E' veramente fondamentale che ogni cristiano legga la S. Scrittura, e in primo luogo i Vangeli. Le strade sono tre.

1. Si prende come riferimento le letture della liturgia domenicale (tutte oppure una sola) con due momenti settimanali: uno per riprendere la liturgia della domenica precedente e uno per prepararsi a quella della domenica seguente.

2. Si prende come riferimento la liturgia di ogni giorno (feriale o festiva, tutta oppure una sola lettura).

3. Si legge in modo continuo un libro biblico, dall'inizio alla fine, un passo al giorno, anche pochi versetti (non è necessario, anzi è sconsigliabile, seguire l'ordine biblico).
Qualunque strada si segua, si dovrebbe ogni giorno tenere in mente e ruminare un versetto della S. Scrittura tratto dal brano in meditazione (potrebbe essere anche il responsorio del salmo responsoriale), in modo da nutrire il cuore della Parola di Dio.

Nessun commento:

Posta un commento